Eventi

Rete Museale Biellese, domenica apertura del Lanificio Botto e Villaggio Operaio

Grazie ad Amici della Lana, sarà anche inaugurata una nuova esposizione dal titolo "La Fabbrica della Valle"

Rete Museale Biellese, domenica apertura del Lanificio Botto e Villaggio Operaio
Pubblicato:

Domenica 9 giugno in orario 14.30-18.30, Amici della Lana aprirà ufficialmente le porte del Lanificio di Miagliano ai visitatori della Rete Museale Biellese, grazie al supporto del Comune di Miagliano che anche quest’anno permetterà alle operatrici della Rete, Diana e Matilde, di accompagnare i visitatori alla scoperta del sito. L’apertura vedrà l’inaugurazione di una nuova esposizione denominata La Fabbrica della Valle che va a sostituire l’istallazione “La Fabbrica degli gnomi” che ha attratto e coinvolto famiglie, bambini e scuole, giunti a Miagliano a migliaia soprattutto per visitare ed esplorare il magico Bosco degli gnomi creato lungo la roggia da Elisabetta Munini nel 2022, ad accesso libero, aperto sempre ai visitatori ed incrementato recentemente con giochi didattici e libri a disposizione, anche in bookcrossing, al termine della salita dedicata agli gnomi.

Nuova esposizione al Lanificio Botto

La nuova esposizione al Lanificio Botto verrà raccontata, attraverso una serie di pannelli ed elementi scenici, la storia del grande stabilimento tessile e delle sue tre vite, inquadrandolo storicamente nel paese di Miagliano e della Valle Cervo.

“La mostra - racconta il neo Presidente di Amici della Lana, Davide Varesano - ha uno scopo sia informativo che di supporto alle attività della Rete Museale Biellese, con 12 pannelli che raccontano la storia della valle, del paese, dei suoi abitanti e della fabbrica. Ad essi abbiamo collegato alcune attività ludiche perchè abbiamo pensato che attraverso il divertimento si possano apprendere meglio i capitoli della nostra storia passata e recente”.

"Aggiungerei che il divertimento ci proietta in un possibile futuro creativo”- conclude Manuela Tamietti, che da 11 anni si dedica alla valorizzazione della fabbrica di Miagliano- “La creatività è il motore del nostro Paese, ed è l’elemento che ci ha permesso di spingere il nostro territorio verso nuove dimensioni lavorative. Per noi essere un piccolo polo attrattivo con offerte culturali di vario genere è molto importante perchè permette l’avvicinamento di un turismo di prossimità ma anche di un turismo esterno, attratto dalla quiete biellese, dal nostro indiscutibile verde e dalle numerose e incredibili bellezze architettoniche, storiche e culturali”.

La partecipazione alle attività è ad offerta libera. Info: 351.886.2863 (WhatsApp) - amicidellalana@gmail.com

Invece l’8 giugno alle 21.30 Mambo Forrò con l’infaticabile Antonella Messina, e le numerose donne che frequentano i corsi di danza della scuola, presenterà un variegato e colorato spettacolo-saggio di danze etniche dal titolo La carovana della luna, biglietto a 12 euro.

La stagione Wool Experience

Il progetto Wool Experience, curato da Amici della Lana con il coordinamento di Manuela Tamietti e sostenuto da Fondazione CRB, proseguirà da giugno fino a fine settembre, con un ricco programma che alternerà passeggiate, spettacoli, visite guidate e animazioni culturali. Segnaliamo che il 3-4 agosto sarà di nuovo presentato lo GnomoFestival, II edizione, che dal Lanificio si snoderà lungo la roggia e nell’Ecoteatro con laboratori, spettacoli, animazioni, mercatini e cibo.

I prossimi eventi del mese di giugno vedranno domenica 16, dalle ore 10 del mattino, una passeggiata da Miagliano ad Oneglie con la guida escursionistica ambientale Matteo Negro e con Davide Varesano. Il 21-22-23 giugno invece La valle dell’acqua, Storie di lavoro, di pietra e di lana, che ecoinvolgerà molti paesi della Valle Cervo con visite culturali, eventi ed escursioni e vedrà un’apertura straordinaria del nostro
sito museale il 22 giugno. L’evento della valle terminerà domenica 23 giugno alle 17,30 con un concerto nel teatrino esterno (P408) di Miagliano del gruppo femminile Stand Up della Scuola di Musica Sonoria di Cossato

Il weekend di fine giugno, dal 28 al 30 giugno, prevede il graditissimo ritorno dell’attore, regista e drammaturgo Fabio Banfo con una residenza artistica curata da Storie di Piazza dal titolo Il tartufo di Molière, ovvero la civiltà dell’ipocrisia. Iscrizioni aperte a tutti: iscrizioni@storiedipiazza.it.

Il fine mese, ovvero il 30 giugno dalle 15 sarà la volta de E la berta filava, laboratorio di filatura a mano della lana con Nora Gawenda. Prenotazione consigliata per tutti gli eventi. Informazioni sul sito di Amici della lana e al numero 351 8862836.

Ricordiamo che durante le aperture museali sarà possibile visitare anche la mostra Storie di Pecore e di Lana realizzata da Amici della Lana lo scorso anno con Fatti ad Arte e il Consorzio Biella The Wool Company, grazie al progetto Woolscape - il Paesaggio della Lana nel Biellese, finanziato da Fondazione Compagnia di San Paolo.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali