novità

Contro l’odio, dalla Regione 120mila euro per progetti rivolti ai giovani

Con la Delibera Regionale “Ogni giorno è il Giorno della Memoria” la Regione Piemonte compie un passo nuovo e decisivo nella direzione di diffondere sistematicamente sul suo territorio i valori del rispetto, dell’antirazzismo e della necessità di contrastare vecchie e nuove forme di antisemitismo.

Contro l’odio, dalla Regione 120mila euro per progetti rivolti ai giovani
Altro 25 Gennaio 2021 ore 15:25

Contro l’odio dalla Regione 120mila euro per progetti rivolti ai giovani. Con la Delibera Regionale “Ogni giorno è il Giorno della Memoria” la Regione Piemonte compie un passo nuovo e decisivo nella direzione di diffondere sistematicamente sul suo territorio i valori del rispetto, dell’antirazzismo e della necessità di contrastare vecchie e nuove forme di antisemitismo.

Contro l’odio dalla Regione 120mila euro

La Delibera, che desidera sottrarre questi temi fondamentali da una consuetudine che li vuole ricordati eccezionalmente soltanto un giorno all’anno, si ripromette di fornire alle realtà che operano sul territorio tutti gli strumenti di cui hanno bisogno per favorire il dialogo tra generazioni, culture e religioni diverse, per promuovere azioni che combattano gli antisemitismi, per creare reti formante da enti locali (scuole secondarie di secondo grado, centri di aggregazione, organizzazioni di volontariato).
Le risorse stanziate per la realizzazione di questo piano dall’approccio nuovo ammontano, per il biennio 2021-2022, a 120mila euro. Ogni progetto realizzato potrà ricevere un finanziamento per un massimo di 10mila euro.
La Delibera prevede, inoltre, la sottoscrizione di un protocollo d’intesa con la Fondazione Arte Storia e Cultura Ebraica a Casale Monferrato e nel Piemonte Orientale Onlus.

Cosa verrà finanziato?

Progetti rivolti ai giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni, che prevedano la creazione di campagne di comunicazione web e social o prodotti multimediali rivolti agli alunni della scuola secondaria. Il percorso che porterà alla realizzazione di questi lavori passerà attraverso attività di laboratorio e, in conclusione, andrà a formare ragazzi “Ambasciatori” che si faranno carico di presentare quanto è stato realizzato negli istituti che avranno aderito alla rete del progetto.

Come si articola il percorso?

I destinatari dei finanziamenti, coloro che creeranno queste “reti”, saranno i Comuni, singoli o associati, le Province e la città Metropolitana di Torino. Saranno loro gli enti locali capofila, a cui dovranno unirsi almeno 3 scuole secondarie di secondo grado e almeno una associazione giovanile, a costituire i soggetti che dovranno elaborare proposte di progetto. Ovviamente, nelle reti, potranno essere coinvolte anche realtà che si occupano di volontariato.
Dopo l’elaborazione delle proposte, nella seconda fase di progettazione, le reti che si sono costituite e che hanno presentato dei progetti, svolgeranno almeno 3 incontri formativi con esperti individuati dalla Fondazione Arte Storia e Cultura Ebraica a Casale Monferrato e nel Piemonte Orientale Onlus, che si avvarrà anche della collaborazione di Maccabi World Union Sezione Circolo Sportivo Dilettantistico Maccabi Monferrato e della Comunità Ebraica di Casale Monferrato.
Una volta terminato il percorso di formazione i ragazzi e le ragazze saranno insigniti del titolo di “Ambasciatori della Verità” e i Comuni capofila riceveranno i finanziamenti per la realizzazione del progetto presentato, che sarà poi portato in giro sul territorio dagli Ambasciatori.

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli