Rally Ronde Gomitolo di Lana: trionfo Pinzano, Bergo recrimina

Rally Ronde Gomitolo di Lana: trionfo Pinzano, Bergo recrimina
Sport 07 Novembre 2016 ore 11:21

Sono i biellesi Corrado Pinzano e Marco Zegna a strappare di mano lo scettro ai  bicampioni uscenti Bergo-Brusati e a conquistare la settima edizione delle “Ronde del Gomitolo” fermando il cronometro a 26’24’’.9 al volante di una Ford Fiesta Wrc. Grande rammarico per Ormar Bergo   che paga carissimo le due penalità da 30’’: la prima per un contatto in una chicane, stesso problema riscontrato da Pinzano e da molti altri piloti, e la seconda per un ritardo al controllo orario. Proprio queste due penalizzazioni sono costate la vittoria finale perchè, cronometro alla mano, Bergo avrebbe concluso la sua prova in prima posizione con 3 decimi di vantaggio mentre in questo modo  si è dovuto accontentare della quarta piazza. A completare il podio dunque sono stati i lombardi Ilario Bondoni navigato da Elia Ungaro (Skoda Fabia R5) e dalla coppia Elia Bossalino-Gerevini Sara su Ford Fiesta R5.
Fabio Giacchetto

Leggi di più sull'Eco di Biella di lunedì 7 novembre 2016

Sono i biellesi Corrado Pinzano e Marco Zegna a strappare di mano lo scettro ai  bicampioni uscenti Bergo-Brusati e a conquistare la settima edizione delle “Ronde del Gomitolo” fermando il cronometro a 26’24’’.9 al volante di una Ford Fiesta Wrc. Grande rammarico per Ormar Bergo   che paga carissimo le due penalità da 30’’: la prima per un contatto in una chicane, stesso problema riscontrato da Pinzano e da molti altri piloti, e la seconda per un ritardo al controllo orario. Proprio queste due penalizzazioni sono costate la vittoria finale perchè, cronometro alla mano, Bergo avrebbe concluso la sua prova in prima posizione con 3 decimi di vantaggio mentre in questo modo  si è dovuto accontentare della quarta piazza. A completare il podio dunque sono stati i lombardi Ilario Bondoni navigato da Elia Ungaro (Skoda Fabia R5) e dalla coppia Elia Bossalino-Gerevini Sara su Ford Fiesta R5.
Fabio Giacchetto

Leggi di più sull'Eco di Biella di lunedì 7 novembre 2016