Pugilato, Simone Bagatin d’argento agli Assoluti nei 56 kg

Pugilato, Simone Bagatin d’argento agli Assoluti nei 56 kg
15 Dicembre 2013 ore 23:42

Come sempre accade con la medaglia d’argento, si rimane sempre indecisi tra l’impresa e il rammarico. L’oro ai Campionati italiani assoluti Elite era a un passo per il biellese Simone Bagatin. Ma è andato al grande favorito della vigilia Alessio Di Savino, che giunge così al suo settimo titolo italiano. Una disparità di esperienza e blasone che sul ring non si è vista: 27-30 è stato il risultato secondo ogni giudice a favore del romano, che sale sul gradino più alto del podio con un verdetto che non rispecchia del tutto quanto visto sul quadrato.
Tra impresa e rammarico, però, prevale la prima. A Galliate Bagatin ha compiuto un percorso straordinario che lo ha portato a migliorare il bronzo dello scorso anno e confermarsi nell’Elite della boxe italiana nella categoria 56 kg: ha battuto per 3-0  Daniele Nucci e Abdel Halim Boufrakech, per poi vincere 2-1 la semifinale con Luca Rigoldi e arrendersi solo in finale: «Dopo un primo match un po’ legato – commenta il suo tecnico Roberto Scaglione, della Boxing club Biella -, Simone ha combattuto due grandi incontri ai quarti e in semifinale, e ha dimostrato di non essere inferiore ad un atleta dell’Esercito in finale».
 
Il match. Di Savino si muove molto, cerca di portare molti tanti  con una tattica mordi e fuggi che toglie a Bagatin la possibilità di far valere le sue caratteristiche. Il biellese è più preciso e piazza colpi più potenti. Ma ne assesta meno: «Ripensando al match – spiega il pugile di 23 anni – forse avrei dovuto scegliere una tattica diversa e pressarlo di più. Ma lui ha più esperienza e l’ha fatta valere. Rimane un po’ di dispiacere, perché la differenza che lasciava pensare il palmares non si è vista. Lui portava tanti colpi, ma leggeri. Non mi ha mai fatto male e mi ha tirato anche due testate. Io invece cercavo il colpo forte, preciso». Sul giudizio di 3-0: «Non so, dovrei rivedere l’incontro. Pensavo di aver vinto la seconda ripresa, questa perlomeno è stata la mia sensazione dal ring».
Ora dovrebbe arrivare una chiamata in Nazionale per un nuovo stage ad Assisi, a gennaio: «Ma non so se potrò partecipare. Ho anche un lavoro. Anzi, devo sempre ringraziare anche la mia ditta che mi permette di assentarmi».
Matteo Lusiani

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità