Sport

L'Angelico si ferma dopo una grande stagione, in semifinale ci va Casale

L'Angelico si ferma dopo una grande stagione, in semifinale ci va Casale
Sport 10 Maggio 2015 ore 00:41

L’Angelico dice addio ai playoff perdendo 76-80 gara 4. Va avanti Casale, affronterà Agrigento che ha eliminato a sorpresa la Verona di Alessandro Ramagli. Va avanti grazie ad un grande secondo tempo nel quale riesce a scannerizzare i punti deboli della difesa biellese e colpire sempre là dove i cambi sistematici concedevano i mismatch e dove l’Angelico, dopo tre partite dominate a rimbalzo, non è riuscita a fare meglio che un misero 28-43. Si poteva vincere? Non regalando 15 rimbalzi in più a Casale e con un Raymond da 5/18 dal campo. Resta comunque una grande stagione, chiusa ai quarti di playoff dopo un’EuroChallenge da protagonisti e sottolineata dagli applausi della Barlera a fine partita.

 

Le due squadre si tengono in tasca la zona per una quindicina di minuti e giocano a viso aperto. Biella con i cambi sistematici che nel primo tempo funzionano bene sugli esterni. Martinoni mette in difficoltà la difesa rossoblu nei primi minuti, ma l’ingresso di Lombardi apre la partita in due: tripla dall’angolo, canestro dalla media e un’altra bomba, prima di trascinare l’Angelico anche nel parziale che chiude il primo quarto facendo saltare Samuels e mettendo i due liberi. Dopo 10’ è 27-19 con un 8-0 a chiudere il parziale.

 

Al 12’ è ancora +8 (31-23) con il sottomano di Danna che trasforma in oro il secondo assist fantascientifico di un Raymond più bravo a innescare i compagni che a concludere (alla fine del primo tempo avrà 1/9 al tiro e 4 assist). Ma Biella si spegne. Con Lombardi e Johnson in panchina, i migliori del primo quarto, subisce un parziale di 11-0 firmato quasi esclusivamente dall’indiavolato Samuels che con 9 punti in 3’ rimette in partita la Novipiù (31-34 al 26’). Ad arrestare l’emorragia è De Vico con due triple negli ultimi minuti. Al riposo si va sul 37-39 con il tecnico assegnato a Corbani a tempo scaduto per una più che garbata protesta su un fallo i Casale sull’ultimo possesso (altri, sull’altra metà del campo si erano resi protagonisti di proteste ben più plateali eppure tollerate). Biella paga soprattutto i troppi rimbalzi concessi: 24 a 14 dopo un tempo con 8 rimbalzi offensivi della Junior.

 

La ripresa inizia con il libero di Blizzard per il tecnico a Corbani, poi un palleggio arresto e tiro di Blizzard e una tripla di Martinoni. Scivolano così quasi 4’ senza che Biella trovi il canestro. È troppo. Corbani chiama time out, ma non cambia la squadra e al rientro è tutto come prima: tripla del +11 di Blizzard (37-48 al 25’). Casale morde alla gola in area pitturata. Ma a rispondere è ancora l’immenso De Vico che con tre bombe rimette sui binari una partita che stava sfuggendo. Il quarto si chiude 53-57 con la bomba in contropiede di Raymond, che era ancora fermo ai due punti del primo quarto.

 

L’Angelico non riesce più a dare la svolta alla partita. Anche nell’ultimo periodo lo spartito non cambia. Biella non si riavvicina e con i tre liberi di Blizzard per il fallo di Lombardi vola sul +9 (60-69 al 36’). A 1’55” dalla fine è la Novipiù è ancora sul +9. Johnson e Lombardi riaprono la partita (69-74 al 39’), ma la partita si spegne sull’errore di Johnson che getta alle ortiche un contropiede regalato dal bel rimbalzo difensivo di De Vico. Poteva essere il -3, invece sull’azione successiva lo stesso Johnson manda in lunetta Martinoni che rimette 6 punti tra le squadre.

L’ultima possibilità di Biella per portare la serie a gara 5 è sul doppio 1/2 di Marshall dalla lunetta: il tabellone segna76-78, ma il rimbalzo, a 7” dalla fine, è di Martinoni. Finisce 76-80, ma tra gli applausi di un pubblico straordinario. 

Alla fine, dopo tante scaramucce tra squadre e tifoserie, è bello sottolineare l’ultimo coro dell’annata, cantato anche dai casalesi, dedicato a Gabriele Fioretti.

 Matteo Lusiani

IL TABELLINO