Sport

La Stracada: “brividi” alla partenza della gara organizzata dal Rotaract (FOTOGALLERY)

La Stracada: “brividi” alla partenza della gara organizzata dal Rotaract (FOTOGALLERY)
Sport 21 Settembre 2015 ore 15:17

BIELLA - Consueto successo di partecipanti anche per “La Stracada 2015” che sabato sera ha coinvolto circa 600 iscritti nella sua 38ª edizione, organizzata dai giovani del Rotaract Biella. Il ricavato dalle iscrizioni sarà devoluto ad Angsa Biella Onlus, Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici. 

Purtroppo la partenza in corso 53° Fanteria è risultata un po’ caotica e pericolosa, non solo non c’erano le strade chiuse, ma non c’erano nemmeno i vigili a sorvegliare il tutto. «Mi scuso con tutti i partecipanti all'edizione 2015 de La Stracada per il disagio arrecato dalla difficile gestione del traffico alla partenza della corsa - commenta Prisca Rolando, presidente Rotaract - dovuto dall'assenza ingiustificata delle forze dell'ordine cittadine all'evento. È un dispiacere vedere come la Città di Biella sia poco attenta e poco propensa ad aiutare chi fa di tutto per valorizzare il territorio con iniziative ed attività». 

Primi tre a tagliare il traguardo sono stati Andrea Nicolo (30' 41"), Edoardo Mello Rella (31' 05") e Vincenzo Stola (32' 33").  Prime due donne  Marta Gariglio (36' 55") e Chiara Meliga (37' 24").  Rappresentanti della società sportiva più numerosa AS Gaglianico.  Concorrente più giovane, Francesco Laghezza classe 2008. Concorrente più anziano, Gianni Ceccon, classe 1934.

Ieri, domenica 20 settembre, si è tenuta anche un’altra manifestazione sportiva benefica, la Corsa della Speranza del Fondo Edo Tempia. Novecento iscritti (non tutti al via, ma comunque preziosi) hanno  firmato l’edizione 2015 dell’iniziativa, ormai tradizionale appuntamento cittadino che conferma la volontà e l'impegno del Fondo Edo Tempia nella promozione e nella divulgazione della sua mission: la tutela della salute dei cittadini.   

Il ricavato della manifestazione sarà infatti interamente devoluto ai laboratori di Farmacogenomica e di Oncologia Molecolare della Fondazione Tempia.  Peccato per  il pericoloso traffico automobilistico aperto sul percorso nonostante la presenza di molti bambini: molte le proteste dei partecipanti espresse sui social network. Ma la colpa non è di chi organizza.

BIELLA - Consueto successo di partecipanti anche per “La Stracada 2015” che sabato sera ha coinvolto circa 600 iscritti nella sua 38ª edizione, organizzata dai giovani del Rotaract Biella. Il ricavato dalle iscrizioni sarà devoluto ad Angsa Biella Onlus, Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici. 

Purtroppo la partenza in corso 53° Fanteria è risultata un po’ caotica e pericolosa, non solo non c’erano le strade chiuse, ma non c’erano nemmeno i vigili a sorvegliare il tutto. «Mi scuso con tutti i partecipanti all'edizione 2015 de La Stracada per il disagio arrecato dalla difficile gestione del traffico alla partenza della corsa - commenta Prisca Rolando, presidente Rotaract - dovuto dall'assenza ingiustificata delle forze dell'ordine cittadine all'evento. È un dispiacere vedere come la Città di Biella sia poco attenta e poco propensa ad aiutare chi fa di tutto per valorizzare il territorio con iniziative ed attività». 

Primi tre a tagliare il traguardo sono stati Andrea Nicolo (30' 41"), Edoardo Mello Rella (31' 05") e Vincenzo Stola (32' 33").  Prime due donne  Marta Gariglio (36' 55") e Chiara Meliga (37' 24").  Rappresentanti della società sportiva più numerosa AS Gaglianico.  Concorrente più giovane, Francesco Laghezza classe 2008. Concorrente più anziano, Gianni Ceccon, classe 1934.

Ieri, domenica 20 settembre, si è tenuta anche un’altra manifestazione sportiva benefica, la Corsa della Speranza del Fondo Edo Tempia. Novecento iscritti (non tutti al via, ma comunque preziosi) hanno  firmato l’edizione 2015 dell’iniziativa, ormai tradizionale appuntamento cittadino che conferma la volontà e l'impegno del Fondo Edo Tempia nella promozione e nella divulgazione della sua mission: la tutela della salute dei cittadini.   

Il ricavato della manifestazione sarà infatti interamente devoluto ai laboratori di Farmacogenomica e di Oncologia Molecolare della Fondazione Tempia.  Peccato per  il pericoloso traffico automobilistico aperto sul percorso nonostante la presenza di molti bambini: molte le proteste dei partecipanti espresse sui social network. Ma la colpa non è di chi organizza.

>>> VEDI LE IMMAGINI. CLICCA QUI

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter