La prima volta a Jesi: Angelico scatenata con super Voskuil

La prima volta a Jesi: Angelico scatenata con super Voskuil
13 Ottobre 2014 ore 00:48

Seconda vittoria consecutiva per l’Angelico Biella nel Campionato di A2 Gold e primo storico successo per coach Corbani sul campo dell’Aurora Jesi: 89-95 al 40′. Dopo un primo tempo dalle alte percentuali realizzative, dominato alla voce intensità, Biella incassa il ritorno dei padroni di casa, ma dalla fine del terzo periodo ritrova i canestri e l’energia necessari per chiudere al comando e conquistare i due punti.

Primo quarto. Nel quintetto iniziale coach Corbani schiera Chillo, Laquintana, Lombardi, Raymond e Voskuil; coach Lasi si affida a Maggioli, Borsato, Migliori, Elliott e Miller. Biella parte subito al massimo e manda a referto il primo canestro pesante della serata con Voskuil. Dopo i primi possessi le squadre impattano sul 5-5, a seguire Raymond infila dall’arco, poi Elliott lancia in contropiede Miller per il momentaneo 7-8. Il play di Charlotte prende in mano le redini della squadra di casa, ma Biella è più in partita e trova la retina con maggior facilità. In un amen i rossoblu decollano fino al ‘più sette’, per poi aumentare il gap firmando un parziale di 9 punti concluso con un nuovo missile di Voskuil (7-17). E’ ancora la guardia danese a far scattare in piedi la panchina di coach Corbani sul 9-22: con una nuova tripla obbliga così al timeout il tecnico avversario. Al rientro in campo la Fileni BPA riduce di sette punti lo svantaggio, ma l’Angelico non demorde e torna a farsi sotto con il solito Voskuil (quarto canestro pesante per lui) e Raymond. Gli ultimi minuti della frazione si aprono con le due squadre in lunetta. L’Angelico infila cinque liberi, nel team jesino Elliott manda a referto la sua seconda bomba dalla lunga: 24-33 al 10′.

Secondo quarto. I rossoblu hanno la meglio anche a inizio di secondo periodo, aperto con due punti di Chillo e cinque di capitan Infante: ‘più 14′ per l’Angelico. Miller e Picarelli provano a riaccendere le speranze dei tifosi jesini con due perfette conclusioni dalla lunga distanza ma lo svantaggio per la Fileni BPA è ampio e molto complicato da recuperare, a maggior ragione se sotto il canestro opposto gli avversari continuano a macinare punti: anche BJ Raymond raggiunge la doppia cifra ed è il terzo in 15’ di gioco nelle fila biellesi. Superato il timeout di Corbani, il primo per lui in stagione, Elliott e Laquintana si annullano a vicenda, Maggioli smuove da due e Raymond infila ancora un missile su assist di Chillo e riporta l’Angelico a ‘più undici’ (49-38). Prima dell’intervallo lungo il team marchigiano riduce fino al 45-53.

Terzo quarto. Jesi rientra sul parquet determinata a riaprire il match. Pronti via e i marchigiani ritrovano la spinta decisiva, Biella invece cala d’intensità e non riesce a giocare con la lucidità espressa nei primi due quarti. Così, con quattro punti di Miller e un canestro di capitan Maggioli, arriva il ‘meno due’. Nel momento più delicato della serata rossoblu è ancora Voskuil a riaccendere la luce e trascinare i suoi fuori dal tunnel. La sfida a distanza con Miller porta l’incontro sul 55-59. Dopo Alan, a ruota, ci pensa Lombardi tra alti e bassi a dare un nuovo impulso all’Angelico: superata qualche disattenzione di troppo, Eric si fa perdonare con i primi punti della partita, una stoppata sul solito Miller e una tripla che allunga nuovamente a due possessi il vantaggio piemontese. Il passaggio di testimone coinvolge ancora Voskuil, che con due triple consecutive, intervallate da un canestro pesante di Migliori, due punti di Picarelli e un canestro di Chillo, riaccende l’entusiasmo dei tifosi rossoblu presenti al PalaTriccoli (66-72). Nel finale del quarto Biella torna a spingere sull’acceleratore: Chillo realizza dall’arco su assist di Berti, Raymond stoppa un tentativo da tre di Miller ma sbaglia la bomba del nuovo possibile ‘più dieci’ rossoblu. Dalla lunga non sbaglia invece Voskuil, imitato pochi secondi più tardi da Matteo Chillo. Un’altra bomba di Alan, successiva a un 2/2 in lunetta di Procacci, chiude la frazione sul 70-78.

Ultimo quarto. Equilibrio in avvio: Berti conquista quattro punti, poi la risposta jesina arriva da Miller e Procacci. Da tre, in casa Angelico, smuove anche Laquintana su assist di Lombardi per il nuovo ‘più undici’ rossoblu (74-85). Jesi perde il pericolo numero uno Miller (fuori causa per raggiungimento del quinto fallo), ma l’Angelico non riesce subito ad approfittarne. In realtà è la Fileni BPA a ritrovare la retina con un missile di Borsato e un canestro da sotto di Migliori (79-85). Coach Corbani richiama i suoi in panchina per riordinare le idee; alla ripresa Infante smuove prima dall’area, poi raccoglie altri due punti dalla linea dei liberi. Migliori e Borsato (nuova tripla per la guardia trevigiana) dimezzano lo svantaggio a 1’20” dal gong, ma Jesi si lascia scappare Lombardi e non gestisce al meglio il nuovo momento positivo. Mancano 28” e Borsato archivia un’altra tripla riducendo il gap a soli 4 punti. Il tempo però gioca a favore della formazione ospite che, con Infante e Lombardi (in schiacciata), riesce a chiudere con tranquillità frazione e gara: a Jesi vince l’Angelico 95-89.

Mercoledì. Il lungo ritorno da Jesi non agevola certo il recupero fisico da una partita così dispendiosa, poichè l’Angelico mercoledì alle 20.30 scenderà già in campo al Forum per il turno infrasettimanale. Ospite Ferentino, squadra sulla carta di valore che ieri si è fatta sorprendere in casa da Trapani e che quindi cercherà immediato riscatto.

Fileni BPA Jesi-Angelico Biella 89-95
Parziali: 33-24, 45-53, 70-78
Fileni BPA Jesi: Maggioli 12 pt, Benvenuti, Borsato 9 pt, Marsili, Migliori 13 pt, Procacci 4 pt, Elliott 13 pt, Lucarelli ne, Ruggeri ne, Sebastianelli ne, Picarelli 5 pt, Miller 33 pt. All.: Maurizio Lasi.
Angelico Biella: Chillo 17 pt, Laquintana 10 pt, Infante 11 pt, Lombardi 9 pt, Berti 7 pt, Calabrese ne, Raymond 13 pt, Voskuil 28 pt, De Vico, Marzaioli. All.: Fabio Corbani.
Arbitri: Ciano, Caruso, Scudieri.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità