La Biellese torna a vincere al Pozzo

La Biellese torna a vincere al Pozzo
Sport 21 Novembre 2016 ore 11:27

La partita con lo Stresa è cominciata con 35 minuti ritardo a causa di un gravissimo malore che ha colto il dirigente della società ospite Fabio Marchionini sul pullman in viaggio verso Biella: la partita è stata in forse fino alle 14,30 per la richiesta dello Stresa di rinviarla al 30 novembre, unica data libera. Con la gara di Coppa Italia alle porte (mercoledì alle 20,30 arriva il Borgovercelli), l’accordo fra le due società non è stato trovato e le squadre sono scese in campo.

Bomber. Tommaso Marazzato e Andrea Jack Latta, entrambi in formato super, riportano il sorriso, dopo due sconfitte consecutive, al “la Marmora-Pozzo”. Il 4-2 della Biellese sullo Stresa porta soprattutto la loro firma: doppietta e assist per Marazzato, gol e tris di ultimi passaggi smarcanti (quattro considerando anche il palo colpito da Samarotto) per Latta che, con la rete di ieri, sale a quota 9 in classifica marcatori

 

Giuseppe Pesce

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sull’Eco di Biella di lunedì 21 novembre

 

La partita con lo Stresa è cominciata con 35 minuti ritardo a causa di un gravissimo malore che ha colto il dirigente della società ospite Fabio Marchionini sul pullman in viaggio verso Biella: la partita è stata in forse fino alle 14,30 per la richiesta dello Stresa di rinviarla al 30 novembre, unica data libera. Con la gara di Coppa Italia alle porte (mercoledì alle 20,30 arriva il Borgovercelli), l’accordo fra le due società non è stato trovato e le squadre sono scese in campo.

Bomber. Tommaso Marazzato e Andrea Jack Latta, entrambi in formato super, riportano il sorriso, dopo due sconfitte consecutive, al “la Marmora-Pozzo”. Il 4-2 della Biellese sullo Stresa porta soprattutto la loro firma: doppietta e assist per Marazzato, gol e tris di ultimi passaggi smarcanti (quattro considerando anche il palo colpito da Samarotto) per Latta che, con la rete di ieri, sale a quota 9 in classifica marcatori

 

Giuseppe Pesce

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sull’Eco di Biella di lunedì 21 novembre