Internazionali golf, in vetta alla classifica il biellese Edoardo Giletta e il veronese Leonardo Novella

Internazionali golf, in vetta alla classifica il biellese Edoardo Giletta e il veronese Leonardo Novella
Sport 03 Settembre 2014 ore 22:09

Un po’ a sorpresa, soprattutto dopo la prima giornata dominata dal campione uscente Kristoffer Reitan, guida la graduatoria dell’8a edizione dei Campionati Internazionali Under 16 una coppia di azzurri: il rappresentante del Gc Biella Edoardo Giletta (73 74) e il portacolori del Gc Verona Leonardo Novella (71 76, nella foto) entrambi appaiati con lo score di +1. Giletta ha confermato le sue caratteristiche di giocatore molto regolare e con 2 birdie (buche 12 e 15) e 3 bogey (buche 1, 4 e 8) ha chiuso con lo score di 74 per un punteggio finale di 147. Novella, che aveva terminato il primo giro a pari merito con Reitan, ha accusato qualche passaggio a vuoto ma alla fine con una carta di 76 (per lui 3 birdie e 6 bogey) è riuscito a rimanere in vetta al ranking.

In terza posizione con lo score di 148 (+2) l’inglese Alex Fitzpatrick (fratello del neo pro Matthew vincitore dello Us amateur nel 2013) ed il n° 1 della nazionale italiana Teodoro Soldati (73 75) già 3° lo scorso anno. Il campione europeo a squadre Boys è stato autore di giro altalenante, iniziato con birdie alla buca 1 e finito con un eagle alla buca 18, ma con in mezzo ben 5 bogey consecutivi dalla buca 3 alla 7. Un colpo dietro al rappresentante del golf Lanzo d’Intelvi troviamo il ceco Matyas Zapletal con 149 (74 75, +3), seguito dal tedesco Falko Hanisch (75 75) e dall’inglese Daniel List (77 73, autore del miglior punteggio di giornata) con 150 (+4).

Crollo nella seconda giornata invece del favorito Reitan, che dopo il 71 dell’esordio, ieri ha consegnato uno score di 80 (con 6 bogey, un doppio bogey ed un solo birdie) scivolando con 151 (+5) a 4 colpi dai leader in compagnia del connazionale Elias Birkeland (76 75) e del tedesco Florian Moosmeier (76 75). Sempre a + 5 si inserisce anche Andrea Ferraris del Royal Park con due giri in 75 e 76.

Tra i favoriti della vigilia il belga Giovanni Tadiotto ha chiuso in 152 (75 77) e il finlandese Oliver Lindell in 155 (75 80). Male ed eliminato il n° 1 sudafricano Herman Loubser con 159 (77 82).

A 6 colpi dai primi con 153 resta in gara anche l’inglese Luke Northwood (76 77) autore ieri di una hole in one alla buca 17.

Degli azzurrini superano il taglio (fissato a + 11) anche Giulio Marinelli (74 79, Castelgandolfo) con 153 (+7), Adalberto Montini (79 76, Verona) e Lucas Lasagna (78 77, Milano) con 155 (+9), Nicola Usai (80 76, Parco di Roma) con 156 (+10) e Massimiliano Campigli (76 81, Golf Torino), Giovanni Magagnin (81 76, Montecchia), Edoardo Zorzetto (81 76) e Leonardo Bellini (79 78, Padova) con 157 (+11).

La Norvegia campione uscente si aggiudica il Nation’s Trophy con 293 punti, seconda Inghilterra (301) e terza Italia con 303.

Domani i giovani partecipanti dei campionati sono attesi da un tour de force di 36 buche che potrà rimescolare completamente le carte e sarà riservato ai migliori 40 che oggi hanno passato il taglio. Il programma prevede le partenze in ordine inverso di classifica (i primi partiranno per ultimi). Il primo round scatterà alle 7,40, mentre verso le 12,30 partiranno le 18 buche finali che assegneranno il titolo.