Menu
Cerca

Infante: «La carica del Forum per vincere»

Infante: «La carica del Forum  per vincere»
Sport 20 Febbraio 2016 ore 15:56

BIELLA  - Uno spareggio. C’è poco da girarci attorno: il risultato di Angelico-Acea potrà ridare slancio e serenità a Biella o rimetterle addosso molta pressione in chiave salvezza. Posto che certezze assolute difficilmente se ne avranno prima delle ultime due giornate, visto l’equilibrio in classifica, è al Forum che l’Angelico deve mettere in cassaforte i punti della permanenza in A2. 

Coach Michele Carrea sa benissimo di essere alla vigilia di una sfida crocevia: «Sappiamo quanto siano importanti per noi i risultati casalinghi e sappiamo come il nostro palazzo abbia sempre aiutato le nostre prestazioni. Il calore dei tifosi è una spinta in più, un'energia che ci aiuterà a superare la stanchezza naturale seguita alla partita di mercoledì sera, un turno infrasettimanale per distanze chilometriche non certo comodo». 

L’avversaria è ostica: «Giochiamo contro la Virtus, una squadra che negli ultimi mesi ha recuperato solidità e convinzione,  capace di fornire sempre un alto livello di prestazione. Dovremo disputare una gara sulla linea delle ultime due, una prova attenta, di energie e intensità. Dovremo fare grande attenzione alle loro caratteristiche individuali ma in questo caso anche a un sistema di gioco rodato, capace di dare i giusti vantaggi ai giusti giocatori».

Il capitano Luca Infante è certo della reazione post Agropoli del gruppo: «Stiamo lavorando sodo per arrivare preparati al meglio alla partita Sarà un match importante e vogliamo assolutamente vincerlo. Partiamo dalla sconfitta di Agropoli e dalle tante buone cose che mercoledì sera abbiamo mostrato in campo. È stata una partita decisa nel finale da qualche nostra distrazione. Adesso però guardiamo avanti, carichi e pronti per un'altra sfida. Il nostro obiettivo ce lo costruiamo soprattutto in casa. Qui, insieme alla nostra impeccabile tifoseria giochiamo con una carica in più, il sesto uomo. Non serve il mio invito, i tifosi sono sempre presenti e lo saranno di sicuro anche domani. A loro dico, gettiamo il cuore oltre l'ostacolo, perchè solo uniti possiamo raggiungere il nostro obiettivo: divertirci e, ovviamente, vincere».

L’esperto Attilio Caja sa bene cosa lo aspetta al Forum:  «La partita con Biella segue le importanti vittorie ottenute contro Agropoli e Reggio Calabria, due gare che volevamo vincere davanti ai nostri tifosi dopo lo stop di Casalpusterlengo. Quello contro l'Angelico sarà il terzo appuntamento di questo mini-ciclo che terminerà in casa contro Barcellona e che potrà dire molto su di noi. Dobbiamo affrontare queste due gare con la massima determinazione, poi potremo tracciare un piccolo bilancio e vedere dove saremo, sperando di poter guardare avanti con la stessa fiducia che ci siamo costruiti finora». Da tenere d’occhio anche la differenza canestri nello scontro diretto: Biella deve ribaltare un -6.

Gabriele Pinna

BIELLA  - Uno spareggio. C’è poco da girarci attorno: il risultato di Angelico-Acea potrà ridare slancio e serenità a Biella o rimetterle addosso molta pressione in chiave salvezza. Posto che certezze assolute difficilmente se ne avranno prima delle ultime due giornate, visto l’equilibrio in classifica, è al Forum che l’Angelico deve mettere in cassaforte i punti della permanenza in A2. 

Coach Michele Carrea sa benissimo di essere alla vigilia di una sfida crocevia: «Sappiamo quanto siano importanti per noi i risultati casalinghi e sappiamo come il nostro palazzo abbia sempre aiutato le nostre prestazioni. Il calore dei tifosi è una spinta in più, un'energia che ci aiuterà a superare la stanchezza naturale seguita alla partita di mercoledì sera, un turno infrasettimanale per distanze chilometriche non certo comodo». 

L’avversaria è ostica: «Giochiamo contro la Virtus, una squadra che negli ultimi mesi ha recuperato solidità e convinzione,  capace di fornire sempre un alto livello di prestazione. Dovremo disputare una gara sulla linea delle ultime due, una prova attenta, di energie e intensità. Dovremo fare grande attenzione alle loro caratteristiche individuali ma in questo caso anche a un sistema di gioco rodato, capace di dare i giusti vantaggi ai giusti giocatori».

Il capitano Luca Infante è certo della reazione post Agropoli del gruppo: «Stiamo lavorando sodo per arrivare preparati al meglio alla partita Sarà un match importante e vogliamo assolutamente vincerlo. Partiamo dalla sconfitta di Agropoli e dalle tante buone cose che mercoledì sera abbiamo mostrato in campo. È stata una partita decisa nel finale da qualche nostra distrazione. Adesso però guardiamo avanti, carichi e pronti per un'altra sfida. Il nostro obiettivo ce lo costruiamo soprattutto in casa. Qui, insieme alla nostra impeccabile tifoseria giochiamo con una carica in più, il sesto uomo. Non serve il mio invito, i tifosi sono sempre presenti e lo saranno di sicuro anche domani. A loro dico, gettiamo il cuore oltre l'ostacolo, perchè solo uniti possiamo raggiungere il nostro obiettivo: divertirci e, ovviamente, vincere».

L’esperto Attilio Caja sa bene cosa lo aspetta al Forum:  «La partita con Biella segue le importanti vittorie ottenute contro Agropoli e Reggio Calabria, due gare che volevamo vincere davanti ai nostri tifosi dopo lo stop di Casalpusterlengo. Quello contro l'Angelico sarà il terzo appuntamento di questo mini-ciclo che terminerà in casa contro Barcellona e che potrà dire molto su di noi. Dobbiamo affrontare queste due gare con la massima determinazione, poi potremo tracciare un piccolo bilancio e vedere dove saremo, sperando di poter guardare avanti con la stessa fiducia che ci siamo costruiti finora». Da tenere d’occhio anche la differenza canestri nello scontro diretto: Biella deve ribaltare un -6.

Gabriele Pinna