In 5.000 allo stadio per l’apertura dei Giochi nazionali Special Olympics

In 5.000 allo stadio per l’apertura dei Giochi nazionali Special Olympics
05 Luglio 2017 ore 13:30

BIELLA – Non ha tradito le aspettative la cerimonia di apertura dei Giochi nazionali Special Olympics, ieri sera allo stadio La Marmora-Pozzo. Erano almeno 5.000, tra atleti, allenatori, accompagnatori, volontari e tifosi, gli spettatori che hanno assistito all’evento: alle 20,15 i cancelli dello stadio sono stati chiusi per rispettare i protocolli di sicurezza stabiliti dalla commissione di vigilanza. Condotta dalla madrina Margherita Granbassi, tre titoli mondiali e due bronzi olimpici nella scherma, la cerimonia si è aperta con la sfilata delle delegazioni, accolte dagli applausi del pubblico. A chiudere il corteo, i padroni di casa dell’Asad Biella, con in testa Charlie Cremonte del comitato organizzatore e il sindaco Marco Cavicchioli. “E’ bellissimo vedere la nostra città mostrare in una sera come questa la sua voglia di vivere e la sua voglia di stare insieme” ha commentato dal palco il primo cittadino.

Lo show studiato dal regista Gigi Piana ha avuto ritmi serrati, alternando danza, musica, interventi dal palco e momenti particolarmente emozionanti, come l’Inno di Mameli, cantato dal tenore Francesco Grollo e da tutti i 5mila presenti allo stadio. Altrettanto emozionante è stato l’ingresso della fiaccola, partita da Torino la settimana scorsa per attraversare tre province e percorrere quasi 350 chilometri per tornare allo stadio, culminata con l’accensione del braciere. Ai due testimonial Andrea Ferraro e Rubina Morovich è toccato il compito di leggere il giuramento degli atleti (“Che io possa vincere ma se non riuscissi che io possa tentare con tutte le mie forze”), a cui è seguito lo spettacolo pirotecnico che ha chiuso in bellezza la serata.
Il programma di oggi mercoledì 5 luglio vede il debutto di due discipline sportive in più: il rugby (alla cittadella di via Salvo d’Acquisto) e la vela al lago di Viverone. Proseguono le gare di bocce (al bocciodromo di viale Macallé), di nuoto (alla piscina Rivetti), di pallavolo (al palabonprix di via Paietta) e di bowling (a Gaglianico). In serata dalle 20,30 nuovo appuntamento allo stadio La Marmora-Pozzo (dove per tutto il giorno è aperto il villaggio dei giochi) per lo spettacolo organizzato da BiellaDanza. L’ingresso, come a tutti gli eventi sportivi Special Olympics, è libero. 
Foto di Stefano Ceretti dalla pagina Facebook Special Olympics Italia Team Piemonte 
Leggi di più sull’Eco di Biella di giovedì 6 luglio 2017 

BIELLA – Non ha tradito le aspettative la cerimonia di apertura dei Giochi nazionali Special Olympics, ieri sera allo stadio La Marmora-Pozzo. Erano almeno 5.000, tra atleti, allenatori, accompagnatori, volontari e tifosi, gli spettatori che hanno assistito all’evento: alle 20,15 i cancelli dello stadio sono stati chiusi per rispettare i protocolli di sicurezza stabiliti dalla commissione di vigilanza. Condotta dalla madrina Margherita Granbassi, tre titoli mondiali e due bronzi olimpici nella scherma, la cerimonia si è aperta con la sfilata delle delegazioni, accolte dagli applausi del pubblico. A chiudere il corteo, i padroni di casa dell’Asad Biella, con in testa Charlie Cremonte del comitato organizzatore e il sindaco Marco Cavicchioli. “E’ bellissimo vedere la nostra città mostrare in una sera come questa la sua voglia di vivere e la sua voglia di stare insieme” ha commentato dal palco il primo cittadino.

Lo show studiato dal regista Gigi Piana ha avuto ritmi serrati, alternando danza, musica, interventi dal palco e momenti particolarmente emozionanti, come l’Inno di Mameli, cantato dal tenore Francesco Grollo e da tutti i 5mila presenti allo stadio. Altrettanto emozionante è stato l’ingresso della fiaccola, partita da Torino la settimana scorsa per attraversare tre province e percorrere quasi 350 chilometri per tornare allo stadio, culminata con l’accensione del braciere. Ai due testimonial Andrea Ferraro e Rubina Morovich è toccato il compito di leggere il giuramento degli atleti (“Che io possa vincere ma se non riuscissi che io possa tentare con tutte le mie forze”), a cui è seguito lo spettacolo pirotecnico che ha chiuso in bellezza la serata.
Il programma di oggi mercoledì 5 luglio vede il debutto di due discipline sportive in più: il rugby (alla cittadella di via Salvo d’Acquisto) e la vela al lago di Viverone. Proseguono le gare di bocce (al bocciodromo di viale Macallé), di nuoto (alla piscina Rivetti), di pallavolo (al palabonprix di via Paietta) e di bowling (a Gaglianico). In serata dalle 20,30 nuovo appuntamento allo stadio La Marmora-Pozzo (dove per tutto il giorno è aperto il villaggio dei giochi) per lo spettacolo organizzato da BiellaDanza. L’ingresso, come a tutti gli eventi sportivi Special Olympics, è libero. 
Foto di Stefano Ceretti dalla pagina Facebook Special Olympics Italia Team Piemonte 
Leggi di più sull’Eco di Biella di giovedì 6 luglio 2017 
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno