Menu
Cerca

Giro d’Italia, anche un sito web realizzato con Città Studi

Giro d’Italia, anche un sito web realizzato con Città Studi
Sport 17 Maggio 2017 ore 00:30

BIELLA – Manca ormai pochissimo al passaggio del Giro d’Italia nel Biellese con le due tappe Castellania-Oropa sabato 20 maggio e Valdengo-Bergamo domenica 21. 

E’ in distribuzione in città (lo si può trovare alla sede Atl di piazza Vittorio Veneto) il pieghevole con il percorso dalla città fino al santuario della Castellania-Oropa (nella foto sotto). Il documento tascabile contiene le notizie utili per poter seguire al meglio l’evento sportivo, a cominciare dal tracciato che i ciclisti seguiranno dall’ingresso a Biella dalla rotonda della Trossi in corso Europa, per poi salire fino a piazza San Paolo, viale Roma, piazza Adua, viale Macallé, via Galimberti, via Fecia, via Pietro Micca, via Cavour e via Ramella Germanin e proseguire lungo la strada vecchia attraverso Cossila San Grato.
Il transito sarà vietato alle auto non autorizzate dal Bottalino al Santuario di Oropa fin dalle 9 del mattino di sabato 20. Sulle strade urbane interessate dal passaggio invece la chiusura scatterà due ore prima dell’arrivo della corsa, intorno alle 14,30 secondo il cronoprogramma della tappa comunicato dagli organizzatori. Sarà comunque consentito attraversare il tracciato per casi di assoluta necessità dai varchi che saranno individuati e comunicati dalle forze dell’ordine. Piazza Martiri ospiterà l’Open Village degli sponsor della corsa e qui sarà possibile anche seguire la tappa dal maxischermo. In piazza Martiri è prevista anche la breve sosta in città della carovana del Giro d’Italia, la tradizionale sfilata di mezzi pubblicitari che distribuiscono gadget ai fans. A tappa terminata invece la festa si sposterà in piazza Duomo, dove è in programma la Notte Rosa con cibo, bevande e musica dal vivo fino a sera. Tre corse speciali della linea Atap Biella-Oropa inoltre partiranno dal centro commerciale Gli Orsi per facilitare chi vuole raggiungere il traguardo senza avere problemi di parcheggio.
Per raccontare le due tappe biellesi, ma anche per essere una guida sul web per tutti coloro che sceglieranno il Biellese come “terra promessa” per pedalare, è stato anche realizzato un sito, www.giroabiella.it, frutto della partnership del comitato di tappa della Castellania-Oropa, con la spinta di città di Biella e Atl, e di Città Studi, simbolo locale di eccellenza e di innovazione. L’accordo, presentato dal presidente di Città Studi Pier Ettore Pellerey alla riunione del comitato d’onore delle tappe biellesi di venerdì 5 maggio a palazzo Oropa, prevede anche la realizzazione di una app per smartphones, pensata per gli appassionati.

Su www.giroabiella.it molto spazio è dedicato al Giro d’Italia: qui si trovano le informazioni utili per seguire la Castellania-Oropa di sabato 20 maggio e la Valdengo-Bergamo del giorno successivo ma anche la storia delle sette tappe che, dal 1963 al 2014, hanno visto la linea d’arrivo posta in città o al Santuario. Ma altrettanto spazio è dedicato alla descrizione dei percorsi su strada e su sentieri per mountain bike che fanno della provincia un terreno favorevole per gli itinerari dei cicloturisti, dal lago di Viverone all’Oasi Zegna passando per Serra, Baraggia, colline e montagne. Per invogliare e aiutare gli aspiranti turisti c’è anche la sezione dedicata a dove mangiare (con la lista dei ristoranti rosa, che hanno proposto almeno un piatto o un intero menu a tema Giro d’Italia) e dove dormire, con il database dell’Atl per cercare una stanza in albergo, bed & breakfast o agriturismo. Infine la sezione “eventi” presenta l’elenco degli appuntamenti che accompagneranno il Giro d’Italia e quelli che caratterizzeranno l’estate nel Biellese.

Il sito, così come la app, sono stati realizzati in collaborazione con Digital Media Industries, partner di Città Studi che ha firmato recentemente anche il rifacimento dei suoi siti aziendali. «Tre anni di lavoro e di partnership con Città Studi, che hanno visto anche la nascita del centro di competenza InNov?R? – dice Angelo Duilio Tracanna, amministratore delegato di DMI  – ci hanno consentito di ottenere un risultato veramente importante: convincere uno sponsor come Ducati Energia a presentate il suo prodotto “FreeDuck” sostenendo un’iniziativa tutta biellese».

«È un’intesa che ci rende orgogliosi – dice il presidente del comitato di tappa Sergio Leone – perché è tutta “made in Biella”. È il simbolo di un’unità di intenti del territorio nel tentativo di promuoversi e di cavalcare la grande vetrina che il Giro d’Italia offre». «Proprio consolidare l’immagine di Biella come terra del ciclismo e di Oropa come uno dei luoghi mitici di questo sport – aggiunge il sindaco Marco Cavicchioli – è uno degli obiettivi dell’investimento che abbiamo fatto per riportare una tappa a casa nostra. Senza una ricaduta nel futuro sul territorio sarebbe un gesto fine a se stesso».

«La tappa del Giro era indubbiamente un’opportunità da cogliere – conferma Pier EttorePellerey, presidente di Città Studi – e in tal senso il lavoro sinergico delle principali realtà del territorio può essere il vero volano per la valorizzazione turistico-sportiva del Biellese».

E nell’attesa dell’arrivo della centesima corsa rosa, si è fatto rosa anche il Battistero, come era accaduto nella sera in cui mancavano 100 giorni alla partenza della corsa, “imitando” la cupola del Santuario di Oropa. Da giovedì li raggiungerà nella celebrazione dell’evento anche Città Studi Biella che illuminerà il sovrappasso di via Ivrea (immagine di Stefano Zavagli tratta dalla pagina Facebook della Città di Biella).

v.s.

BIELLA – Manca ormai pochissimo al passaggio del Giro d’Italia nel Biellese con le due tappe Castellania-Oropa sabato 20 maggio e Valdengo-Bergamo domenica 21. 

E’ in distribuzione in città (lo si può trovare alla sede Atl di piazza Vittorio Veneto) il pieghevole con il percorso dalla città fino al santuario della Castellania-Oropa (nella foto sotto). Il documento tascabile contiene le notizie utili per poter seguire al meglio l’evento sportivo, a cominciare dal tracciato che i ciclisti seguiranno dall’ingresso a Biella dalla rotonda della Trossi in corso Europa, per poi salire fino a piazza San Paolo, viale Roma, piazza Adua, viale Macallé, via Galimberti, via Fecia, via Pietro Micca, via Cavour e via Ramella Germanin e proseguire lungo la strada vecchia attraverso Cossila San Grato.
Il transito sarà vietato alle auto non autorizzate dal Bottalino al Santuario di Oropa fin dalle 9 del mattino di sabato 20. Sulle strade urbane interessate dal passaggio invece la chiusura scatterà due ore prima dell’arrivo della corsa, intorno alle 14,30 secondo il cronoprogramma della tappa comunicato dagli organizzatori. Sarà comunque consentito attraversare il tracciato per casi di assoluta necessità dai varchi che saranno individuati e comunicati dalle forze dell’ordine. Piazza Martiri ospiterà l’Open Village degli sponsor della corsa e qui sarà possibile anche seguire la tappa dal maxischermo. In piazza Martiri è prevista anche la breve sosta in città della carovana del Giro d’Italia, la tradizionale sfilata di mezzi pubblicitari che distribuiscono gadget ai fans. A tappa terminata invece la festa si sposterà in piazza Duomo, dove è in programma la Notte Rosa con cibo, bevande e musica dal vivo fino a sera. Tre corse speciali della linea Atap Biella-Oropa inoltre partiranno dal centro commerciale Gli Orsi per facilitare chi vuole raggiungere il traguardo senza avere problemi di parcheggio.
Per raccontare le due tappe biellesi, ma anche per essere una guida sul web per tutti coloro che sceglieranno il Biellese come “terra promessa” per pedalare, è stato anche realizzato un sito, www.giroabiella.it, frutto della partnership del comitato di tappa della Castellania-Oropa, con la spinta di città di Biella e Atl, e di Città Studi, simbolo locale di eccellenza e di innovazione. L’accordo, presentato dal presidente di Città Studi Pier Ettore Pellerey alla riunione del comitato d’onore delle tappe biellesi di venerdì 5 maggio a palazzo Oropa, prevede anche la realizzazione di una app per smartphones, pensata per gli appassionati.

Su www.giroabiella.it molto spazio è dedicato al Giro d’Italia: qui si trovano le informazioni utili per seguire la Castellania-Oropa di sabato 20 maggio e la Valdengo-Bergamo del giorno successivo ma anche la storia delle sette tappe che, dal 1963 al 2014, hanno visto la linea d’arrivo posta in città o al Santuario. Ma altrettanto spazio è dedicato alla descrizione dei percorsi su strada e su sentieri per mountain bike che fanno della provincia un terreno favorevole per gli itinerari dei cicloturisti, dal lago di Viverone all’Oasi Zegna passando per Serra, Baraggia, colline e montagne. Per invogliare e aiutare gli aspiranti turisti c’è anche la sezione dedicata a dove mangiare (con la lista dei ristoranti rosa, che hanno proposto almeno un piatto o un intero menu a tema Giro d’Italia) e dove dormire, con il database dell’Atl per cercare una stanza in albergo, bed & breakfast o agriturismo. Infine la sezione “eventi” presenta l’elenco degli appuntamenti che accompagneranno il Giro d’Italia e quelli che caratterizzeranno l’estate nel Biellese.

Il sito, così come la app, sono stati realizzati in collaborazione con Digital Media Industries, partner di Città Studi che ha firmato recentemente anche il rifacimento dei suoi siti aziendali. «Tre anni di lavoro e di partnership con Città Studi, che hanno visto anche la nascita del centro di competenza InNov?R? – dice Angelo Duilio Tracanna, amministratore delegato di DMI  – ci hanno consentito di ottenere un risultato veramente importante: convincere uno sponsor come Ducati Energia a presentate il suo prodotto “FreeDuck” sostenendo un’iniziativa tutta biellese».

«È un’intesa che ci rende orgogliosi – dice il presidente del comitato di tappa Sergio Leone – perché è tutta “made in Biella”. È il simbolo di un’unità di intenti del territorio nel tentativo di promuoversi e di cavalcare la grande vetrina che il Giro d’Italia offre». «Proprio consolidare l’immagine di Biella come terra del ciclismo e di Oropa come uno dei luoghi mitici di questo sport – aggiunge il sindaco Marco Cavicchioli – è uno degli obiettivi dell’investimento che abbiamo fatto per riportare una tappa a casa nostra. Senza una ricaduta nel futuro sul territorio sarebbe un gesto fine a se stesso».

«La tappa del Giro era indubbiamente un’opportunità da cogliere – conferma Pier EttorePellerey, presidente di Città Studi – e in tal senso il lavoro sinergico delle principali realtà del territorio può essere il vero volano per la valorizzazione turistico-sportiva del Biellese».

E nell’attesa dell’arrivo della centesima corsa rosa, si è fatto rosa anche il Battistero, come era accaduto nella sera in cui mancavano 100 giorni alla partenza della corsa, “imitando” la cupola del Santuario di Oropa. Da giovedì li raggiungerà nella celebrazione dell’evento anche Città Studi Biella che illuminerà il sovrappasso di via Ivrea (immagine di Stefano Zavagli tratta dalla pagina Facebook della Città di Biella).

v.s.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli