Menu
Cerca

Edilnol, battuta d’arresto ad Agrigento ma resta al comando

Basket A2 Ovest, ultima gara dell'anno poco fortunata per i rossoblù.

Edilnol, battuta d’arresto ad Agrigento ma resta al comando
Sport 29 Dicembre 2019 ore 20:26

 

Il 2019 rossoblù si conclude con un sconfitta (84-68) sui legni del PalaMoncada di Porto Empedocle. Edilnol Pallacanestro Biella perde anche il favore della differenza canestri ribaltata dalla M Rinnovabili Agrigento che ora insegue a due lunghezze appaiata a Casale.

Primo tempo decisivo in negativo

PRIMO QUARTO – Coach Paolo Galbiati per iniziare la sfida punta sul fidatissimo starting five composto da Saccaggi, Bortolani, Polite, Donzelli e Omogbo. Il primo punto della gara arriva dalla lunetta firmato da Omogbo, mentre Agrigento apre il fuoco dall’arco con James (3-1). I siciliani allungano con i canestri di De Nicolao, Easley e James, mentre Biella fatica a trovare energia offensiva (9-1). Omogbo batte un colpo, ma Ambrosin risponde dall’arco per il +9 Agrigento: 12-3. James è scatenato e realizza altri due punti che obbligano coach Galbiati a fermare il match. Al rientro in campo continua la carestia di punti per i rossoblù che trovano la via del canestro con Eric Lombardi (14-5). Agrigento continua a realizzare, Biella è in evidente difficoltà offensiva (3/12 dal campo nella prima frazione). Capitan Saccaggi prova a dare la svolta con un 2+1 che avvicina l’Edilnol e dopo 10 minuti la squadra di casa è avanti sul 17-13.

SECONDO QUARTO – Si riparte con Massone, Pollone, Polite, Lombardi e Barbante. Agrigento comincia forte con la tripla di Pepe che ridà 7 lunghezze di vantaggio ai siciliani, ma Polite risponde per il -5. James continua a essere il fattore principale dell’attacco della M Rinnovabili, mentre Biella si affida alle azioni offensive di Lombardi (24-17). Donzelli accorcia con un canestro più fallo di Chiarastella, ma l’ex rossoblù ripaga con la stessa moneta dall’altra parte del campo, non convertendo il libero aggiuntivo (26-20). Pepe trova il fondo della retina per il nuovo +8, ma Saccaggi mantiene in linea di galleggiamento l’Edilnol. Agrigento ha però l’inerzia della partita e Galbiati prova a fermare il momento positivo dei siciliani con un timeout. Ambrosin è un fattore in questa fase dell’incontro, ma la vera punta di diamante dell’attacco biancoblù è James che con una bomba porta la sua squadra sul +14 (36-22). Pepe ancora dalla distanza per il massimo vantaggio agrigentino sul 39-22, un passivo importante per i rossoblù che avranno bisogno di una reazione nel secondo tempo per rientrare in gara.

TERZO QUARTO – Coach Galbiati riparte con gli stessi cinque che hanno iniziato la sfida. Biella prova a scuotersi con i liberi di Omogbo, ma James ricomincia dallo stesso spartito del primo tempo e continua a frustare la retina biellese, seguito da Albano Chiarastella (43-24). In questo quarto i ragazzi di coach Galbiati trovano il canestro con maggiore continuità, ma Agrigento risponde colpo su colpo (47-30). Dopo il timeout chiamato da coach Cagnardi, Ambrosin e Easley realizzano i canestri del +22: contro timeout di Galbiati (52-30). James è on fire con Biella che non riesce a trovare contromisure per arginarlo. A 3 minuti dalla fine del quarto Polite realizza la prima tripla della serata biellese per il -21. Saccaggi dalla lunetta riporta sotto i 20 punti (55-36), ma la coppia USA James-Easley è semplicemente infermabile. L’Edilnol si innervosisce e subisce un fallo tecnico che porta Agrigento a chiudere di fatto i conti con un quarto d’anticipo. Dopo trenta minuti il parziale è 65-42 per Agrigento.

Saccaggi ultimo a mollare

ULTIMO QUARTO – Saccaggi, Pollone, Bortolani, Lombardi e Omogbo cominciano l’ultimo quarto per Pallacanestro Biella. Bortolani realizza i primi due punti della sua partita, ma Easley punisce con una schiacciata di potenza (67-44). Saccaggi è l’ultimo ad arrendersi e trova la via del canestro, mentre Agrigento continua a macinare punti che le consentono di rimanere in testa agevolmente. Lombardi buca la retina dalla lunga distanza, seguito da Saccaggi per il -15 e da Polite per il -12, un parziale importante che convince Cagnardi a fermare la partita (70-58). De Nicolao dalla lunetta sblocca i siciliani, Saccaggi non smette di segnare (73-60 al 37’). Polite dalla lunetta riduce lo svantaggio biellese a -12, ma gli ultimi minuti di gara non bastano a Biella per rientrare in partita. Agrigento vince con merito 84-68.

Una partita che ha visto la compagine di casa guidare dalla palla a due alla sirena finale con Biella che ha faticato a trovare ritmo offensivo. Nell’ultimo quarto c’è stata la reazione che serviva, ma ormai Agrigento aveva costruito un vantaggio troppo importante. Si torna in campo domenica 5 gennaio per affrontare, ancora in trasferta, la Benacquista Assicurazioni Latina in un’altra sfida delicata.

Il Tabellino

M Rinnovabili Agrigento-Edilnol Pallacanestro Biella 84-68

Parziali: 17-13, 39-22, 65-42

M Rinnovabili Agrigento: Moricca ne, Rotondo 1, Cuffaro, De Nicolao 5, Fontana ne, Chiarastella 4, Ambrosin 17, Indelicato ne, James 21, Moretti 2, Pepe 14, Easley 20. All.: Devis Cagnardi.

Edilnol Pallacanestro Biella: Saccaggi 24, Bortolani 2, Polite 17, Donzelli 3, Omogbo 9, Massone, Pollone, Lombardi 13, Barbante, Deangeli. All.: Paolo Galbiati.

Terna Arbitrale: Ursi, Costa, Yang Yao.

Foto: Calogero Lampo (Fortitudo Agrigento)

TORNA ALLA HOME PAGE

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli