Biella Volley stasera a Candelo: Santhià da battere a tutti i costi

Biella Volley stasera a Candelo: Santhià da battere a tutti i costi
17 Gennaio 2014 ore 20:18

Il derby è un’occasione. O almeno così deve essere vissuto. Perché il Biella Volley arriva da sei sconfitte consecutive con due soli set vinti. Ora deve riuscire a sfruttare le motivazioni extra che si porta dietro la sfida contro i cugini di Santhià (stasera nella palestra di Candelo, ore 21, ingresso gratuito) per invertire la tendenza.

 Santhià si trova a 19 punti in sesta posizione. I playoff sono lontani cinque lunghezze, ma la Stamperia Alicese Santhià si è lanciata all’inseguimento dopo un inizio al rallentatore. Basti pensare che dopo cinque giornate, quando Biella aveva già otto punti in classifica, Santhià ne aveva conquistati solo sette. Poi, complice un calendario più agevole, ha cambiato marcia.

Biella, invece, dopo la quinta giornata si è fermata. Pesano i ko netti contro Lunica e Volley Milano.
Cosa è successo? Sicuramente si è inceppato qualcosa nella testa dei giocatori. La squadra è composta da un gruppo giovane, perlopiù costruito in casa  o mandato a farsi le ossa nelle categorie inferiori. È chiaro che appena affacciato alla Serie B2 due fattori hanno reso tutto più facile. Da una parte, il fatto che gli avversari non li conoscevano ancora a fondo. Dall’altra, che nemmeno loro si conoscevano, e non sapendo i propri limiti è più facile giocare con temerarietà e cercare giocate più difficili. Una volta compreso il proprio livello, si è cominciato a cercare giocate più facile e sicure, ma meno vincenti.

L’appello. Si comprendono così i continui inviti a giocare a mente sgombra: «Dobbiamo essere più spregiudicati – ha ribadito ancora il presidente Osvaldo Ansermino -, giocare senza la pressione del risultato. Quello che voglio vedere è una squadra unita e cresciuta sotto ogni punto di vista, se questo vorrà dire vincere le partite sarà un di più».
Matteo Lusiani

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità