Basket, Carrea presenta Virtus-Trieste: «In finale le due migliori»

Basket, Carrea presenta Virtus-Trieste: «In finale le due migliori»
Sport 12 Giugno 2017 ore 15:08

Sta per cominciare l’ultimo atto. Virtus Bologna e Alma Trieste cominceranno domani alle 20.30 la serie di finali playoff per decretare chi salirà in Serie A. Più netto il percorso della Virtus (3-1 con Casale e Roseto prima del 3-0 con Ravenna), più faticoso quello di Trieste (3-2 con Treviglio, 3-1 con Tortona e 3-2 con la Fortitudo). 
Ma i playoff raramente mentono, a fronteggiarsi saranno le due migliori squadre dell’A2 come conferma anche il coach dell’Angelico Michele Carrea: «Avevano una fame di A1 che si è vista in tutta la stagione, hanno sempre sostituito prontamente i giocatori infortunati e sono stati pronti a potenziare il roster prima dei playoff aggiungendo giocatori come Stefano Gentile e Daniele Cavaliero di grande peso sia tecnico che emotivo».
Qual è l’elemento più caratteristico di queste due squadre?
«Sicuramente il primo è la profondità. I due innesti ne sono una dimostrazione. Hanno tanti giocatori in ogni ruolo e possono variare diversi quintetti. Forse Bologna ha una carta in più, che è di abbassare il quintetto con Klaudio Ndoja».
E il secondo?
«Il fatto che il loro gioco non dipende dagli americani, entrambe le squadre li hanno inseriti in un sistema di gioco».
Matteo Lusiani

Leggi di più sull’Eco di Biella di lunedì 12 giugno 2017 

Nella foto il coach della Pallacanestro Biella Michele Carrea ieri al momento della premiazione alla Citroën FinalFourSerieB di Montecatini, con il TrofeoLNP quale miglior allenatore della stagione 2016-17 di SerieA2 Citroën. A consegnare il riconoscimento Pietro Basciano, presidente di Lega Nazionale Pallacanestro.  

Sta per cominciare l’ultimo atto. Virtus Bologna e Alma Trieste cominceranno domani alle 20.30 la serie di finali playoff per decretare chi salirà in Serie A. Più netto il percorso della Virtus (3-1 con Casale e Roseto prima del 3-0 con Ravenna), più faticoso quello di Trieste (3-2 con Treviglio, 3-1 con Tortona e 3-2 con la Fortitudo). 
Ma i playoff raramente mentono, a fronteggiarsi saranno le due migliori squadre dell’A2 come conferma anche il coach dell’Angelico Michele Carrea: «Avevano una fame di A1 che si è vista in tutta la stagione, hanno sempre sostituito prontamente i giocatori infortunati e sono stati pronti a potenziare il roster prima dei playoff aggiungendo giocatori come Stefano Gentile e Daniele Cavaliero di grande peso sia tecnico che emotivo».
Qual è l’elemento più caratteristico di queste due squadre?
«Sicuramente il primo è la profondità. I due innesti ne sono una dimostrazione. Hanno tanti giocatori in ogni ruolo e possono variare diversi quintetti. Forse Bologna ha una carta in più, che è di abbassare il quintetto con Klaudio Ndoja».
E il secondo?
«Il fatto che il loro gioco non dipende dagli americani, entrambe le squadre li hanno inseriti in un sistema di gioco».
Matteo Lusiani

Leggi di più sull’Eco di Biella di lunedì 12 giugno 2017 

Nella foto il coach della Pallacanestro Biella Michele Carrea ieri al momento della premiazione alla Citroën FinalFourSerieB di Montecatini, con il TrofeoLNP quale miglior allenatore della stagione 2016-17 di SerieA2 Citroën. A consegnare il riconoscimento Pietro Basciano, presidente di Lega Nazionale Pallacanestro.  

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità