Angelico, tempo del riscatto

Angelico, tempo del riscatto
Sport 25 Febbraio 2012 ore 18:41

Ci sono momenti, durante una stagione di basket, nei quali si può parlare di crocevia. Non importa esattamente quando ciò avviene e se le condizioni di classifica, in quel determinato momento, imporrebbero un certo cauto ottimismo. L’Angelico non è in bilico sul baratro e non è (più al momento) in corsa per un posto nella griglia playoff. Però entrambe le posizioni sono plausibili e per questa ragione, per prima cosa, è legittimo parlare di bivio stagionale. Poi ve ne è una seconda decisamente più importante,  legata più al rendimento in campo e all’atteggiamento che alla mancanza di risultati. La sconfitta di Siena era praticamente ipotizzabile in questo momento della stagione, contro un avversario che si è preparato per essere in forma da qui in avanti, per essere competitivo in tutti i trofei di casa e fuori porta. Quella di Teramo molto meno, specie per come è avvenuta. Ora Biella possiede due match point casalinghi per tornare a mischiare le carte oppure per confermare una tendenza che al momento è solo supposizione. Potranno anche non essere due sfide determinanti, non varranno certo la stagione, questo è certo, ma un po’ di pressione la metteranno, specialmente per capire quale ciò che ci si deve aspettare da qui alla fine del campionato.

L’avversario. Quella che scenderà in campo domenica sarà una Cremona diversa rispetto alla squadra che venne sconfitta dai lanieri nel match d’andata. I 21 punti di scarto con cui Biella espugnò il PalaRadi (79-58) costarono la panchina a coach Mahoric, sostituito dall’esperto Attilio Caja. Con lui al timone Cremona ha vinto 5 partite a fronte di 10 sconfitte, molte delle quali arrivate però nel finale di gara. Nonostante i soli 12 punti in classifica, la Vanoli Braga sembra aver trovato la giusta chimica di squadra, specialmente dopo l’arrivo dei due ex canturini Jason Rich (33 punti nelle due apparizioni in maglia biancoblu) e David Lighty. In cabina di regia opera Jonathan Tabu, mentre particolare attenzione andrà prestata sotto canestro all’atletismo di Milic e all’esperienza di Perkovic. Completano il roster, uscendo dalla panchina, l’ex di turno Daniele Cinciarini, che ha vestito la casacca rossoblu nella stagione 2007/2008, Lorenzo d’Ercole e Riccardo Antonelli. A dirigere l’incontro gli arbitri Mattioli, Sardella e Barni.

Coach Cancellieri presenta così la sfida di domenica: «Affrontiamo una squadra molto pericolosa, atipica, con fisicità tra gli esterni e dinamicità nei lunghi. L'innesto di Rich ha dato equilibrio e condivisione di responsabilità in attacco. Cremona verrà a Biella con necessità di fare una partita solida e provare a vincerla.  Noi abbiamo costruito una settimana di allenamenti intensi e con grande livello di attenzione. Vogliamo premiarci domenica sul campo con il risultato dei nostri sforzi, giocando una gara completa soprattutto sotto il profilo dell'agonismo e rendendo la gara stessa semplice ed efficace: controllando il ritmo e provando a difendere con costanza».