Sport

Angelico, prove di derby

Angelico, prove di derby
Sport 07 Settembre 2015 ore 13:20

VERBANIA - Omegna già in palla seppur incompleta e Angelico in scia con almeno un paio di giocatori molto indietro nella preparazione atletica come Jones e La Torre, che ha dosatamente esordito dopo aver appena ripreso ad allenarsi con i compagni. 
Questo in sintesi il giudizio sull’amichevole di sabato al PalaBattisti di Verbania tra le due squadre che il prossimo 4 ottobre cominceranno la loro avventura nel girone Ovest di Serie A2.
La Paffoni si merita gli applausi convinti dei suoi tifosi a fine partita: senza Cappelletti, fuori per un problema muscolare e senza il secondo americano Tyler Smith, che arriverà in settimana, ha saputo gettare sul parquet grande energia su entrambi i lati del campo, sorprendendo anche il su. Per contro Biella ha palesato qualche lacuna difensiva: tanti, troppi gli 89 punti concessi agli avversari. 
Ferguson è cresciuto nel finale, quando si è preso la squadra sulle spalle, portandola dal -14 al +1, mentre Jones è stato sufficiente ma nulla più. Bene nel primo tempo De Vico ed Infante, poi calati nei secondi 20’, forse anche per i carichi di lavoro della settimana. 
Match comunque molto divertente, in cui gli attacchi sono andati a nozze: al di là dei 175 punti complessivi, le squadre hanno sbagliato diversi tiri aperti. La sensazione è che entrambe abbiano diversi punti nelle mani e che, necessariamente, per ottenere i rispettivi obbiettivi, debbano crescere, e non poco, nella propria metà campo difensiva. 
Primo tempo a velocità supersonica: grande spinta da parte dei due playmaker, tiri in transizione e spettacolo gradevole. Nei 10’ iniziali Zanelli arma il braccio dei compagni con precisione, Omegna è una macchina ma Biella non si tira indietro: 25-21, con Iannuzzi e Moore sontuosi. L’americano della Fulgor gioca un primo tempo da stropicciarsi gli occhi: 15 punti a metà gara, con percentuali praticamente immacolate ed un solo errore dall’arco dei 6,75. Pierich però dall’altra parte è ispirato, De Vico mette un paio di canestri dei suoi ed a metà gara la squadra di Carrea guida 48-47. Terzo quarto da antologia per Omegna: Gurini, già a quota 9 punti all’intervallo, segna da casa sua, in penetrazione e dalla lunetta: 13 punti in un amen del capitano della Paffoni che schizza sul 71-63. Vildera fa saltare in piedi il palazzetto con due super schiacciate, Biella in attacco sbaglia facili conclusioni e per la Paffoni è quasi un gioco da ragazzi volare sul +14 a poco più di 5’ dalla fine. 
Partita in ghiaccio? Nemmeno per sogno, perché Ferguson decide che è il suo momento: due triple, canestro e fallo e quasi a sorpresa, a 30’’ dalla sirena conclusiva, Biella ribalta la situazione con un parzialone di 17-2. Possesso per Omegna: ci pensa Iannuzzi dalla media a firmare il controsorpasso. Errore al tiro ospite, fallo sistematico e Gurini chiude i conti per l’89-86 definitivo nel primo, seppur amichevole, derby stagionale.
L’Angelico tornerà in campo mercoledì alle 17.30 in casa della Brescia dell’ex Damian Hollis, mentre domenica riceverà (probabilmente a porte chiuse) il Lugano.
Daniele Piovera
Leggi tutte le notizie sportive del weekend sull’Eco di Biella di lunedì 7 settembre 2015

VERBANIA - Omegna già in palla seppur incompleta e Angelico in scia con almeno un paio di giocatori molto indietro nella preparazione atletica come Jones e La Torre, che ha dosatamente esordito dopo aver appena ripreso ad allenarsi con i compagni. 
Questo in sintesi il giudizio sull’amichevole di sabato al PalaBattisti di Verbania tra le due squadre che il prossimo 4 ottobre cominceranno la loro avventura nel girone Ovest di Serie A2.
La Paffoni si merita gli applausi convinti dei suoi tifosi a fine partita: senza Cappelletti, fuori per un problema muscolare e senza il secondo americano Tyler Smith, che arriverà in settimana, ha saputo gettare sul parquet grande energia su entrambi i lati del campo, sorprendendo anche il su. Per contro Biella ha palesato qualche lacuna difensiva: tanti, troppi gli 89 punti concessi agli avversari. 
Ferguson è cresciuto nel finale, quando si è preso la squadra sulle spalle, portandola dal -14 al +1, mentre Jones è stato sufficiente ma nulla più. Bene nel primo tempo De Vico ed Infante, poi calati nei secondi 20’, forse anche per i carichi di lavoro della settimana. 
Match comunque molto divertente, in cui gli attacchi sono andati a nozze: al di là dei 175 punti complessivi, le squadre hanno sbagliato diversi tiri aperti. La sensazione è che entrambe abbiano diversi punti nelle mani e che, necessariamente, per ottenere i rispettivi obbiettivi, debbano crescere, e non poco, nella propria metà campo difensiva. 
Primo tempo a velocità supersonica: grande spinta da parte dei due playmaker, tiri in transizione e spettacolo gradevole. Nei 10’ iniziali Zanelli arma il braccio dei compagni con precisione, Omegna è una macchina ma Biella non si tira indietro: 25-21, con Iannuzzi e Moore sontuosi. L’americano della Fulgor gioca un primo tempo da stropicciarsi gli occhi: 15 punti a metà gara, con percentuali praticamente immacolate ed un solo errore dall’arco dei 6,75. Pierich però dall’altra parte è ispirato, De Vico mette un paio di canestri dei suoi ed a metà gara la squadra di Carrea guida 48-47. Terzo quarto da antologia per Omegna: Gurini, già a quota 9 punti all’intervallo, segna da casa sua, in penetrazione e dalla lunetta: 13 punti in un amen del capitano della Paffoni che schizza sul 71-63. Vildera fa saltare in piedi il palazzetto con due super schiacciate, Biella in attacco sbaglia facili conclusioni e per la Paffoni è quasi un gioco da ragazzi volare sul +14 a poco più di 5’ dalla fine. 
Partita in ghiaccio? Nemmeno per sogno, perché Ferguson decide che è il suo momento: due triple, canestro e fallo e quasi a sorpresa, a 30’’ dalla sirena conclusiva, Biella ribalta la situazione con un parzialone di 17-2. Possesso per Omegna: ci pensa Iannuzzi dalla media a firmare il controsorpasso. Errore al tiro ospite, fallo sistematico e Gurini chiude i conti per l’89-86 definitivo nel primo, seppur amichevole, derby stagionale.
L’Angelico tornerà in campo mercoledì alle 17.30 in casa della Brescia dell’ex Damian Hollis, mentre domenica riceverà (probabilmente a porte chiuse) il Lugano.
Daniele Piovera
Leggi tutte le notizie sportive del weekend sull’Eco di Biella di lunedì 7 settembre 2015

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter