Angelico, il preparatore atletico Marocco: "Benjamin Raymond? Potenza impressionante"

Angelico, il preparatore atletico Marocco: "Benjamin Raymond? Potenza impressionante"
Sport 02 Settembre 2014 ore 12:11

L'Angelico lavora da lunedì ai 1.225 metri di Bormio, nel parco nazionale dello Stelvio  in alta Valtellina, dove per una settimana costruirà i muscoli che la porteranno fino alla fine della stagione. Il preparatore atletico Roberto Marocco (nella foto) ha già avuto a sua disposizione il gruppo nelle sedute a Biella e può ora impostare serenamente il lavoro dei prossimi giorni perché i giocatori, vecchi e nuovi, appaiono tutti in buona condizione.

Quindi i ragazzi hanno fatto i compiti a casa?
«Sì, possiamo dire così. Non partiamo da zero perché in estate hanno seguito un programma specifico. Con i dottori Castelli e Masserano abbiamo già eseguito tutti i test posturali e la valutazione dell’intera rosa è positiva. Ma ora siamo solo all’inizio».

Qual è il programma dei prossimi giorni?
«La squadra lavorerà sia su aspetti tecnici che sul fisico. Per ora faremo quantità, più avanti andremo a lavorare su esplosività e rapidità. Diciamo che qui si costruisce la struttura muscolare che ci sosterrà fino al termine della stagione».

Parliamo dei nuovi arrivati, che impressione le ha fatto la nuova ala grande Bejamin Raymond?
 «È impressionante dal punto di vista della potenza. Ha stupito tutti. Ed anche come attitudine al lavoro e voglia di allenarsi è un bell’esempio per i compagni. Ha bisogno di riprendere la forma migliore, ma è già a buon punto».

Invece i due italiani Laquintana e Marzaioli?
«Laquintana ha buone doti muscolari, è rapido e resistente. Marzaioli, anche se occupa un ruolo diverso, è anche lui un giocatore dinamico. Anche loro dovranno lavorare molto ma sono in buona condizione».
 
Voskuil invece come si è ripresentato?
«Meglio di un anno fa. Dopo la firma con noi ci siamo sentiti per telefono e gli ho assegnato un programma di allenamenti per arrivare in forma all’inizio della stagione».
 m.l.