Al via il Giro d’Italia

Al via il Giro d’Italia
09 Maggio 2015 ore 14:29

Una crono squadre in terra ligure aprirà oggi il Giro d’Italia, la cui conclusione è prevista per il 31 a Milano. Quattro tappe in Liguria, la cronometro da Treviso a Valdobbiadene in ricordo di Nani Pinarello, la Marostica-Madonna di Campiglio con arrivo in salita, il Mortirolo nella Pinzolo-Aprica, un veloce sconfinamento in Svizzera.

La carovana arriverà sulle strade di casa nostra nella quart’ultima e terz’ultima tappa: Lugano-Verbania il 28 maggio, ma soprattutto Gravellona-Cervinia il 29, un venerdì, con passaggio a Cossato, Valdengo, in centro città a Biella e l’uscita da Mongrando, le due località dove   probabilmente si fermerà a far festa con i tifosi anche la colorata carovana del Giro che precede i corridori.  Non è certo l’arrivo ad Oropa dell’anno scorso, ma un assaggio di Corsa l’avremo comunque. Il 30 ci sarà la tanto attesa quanto temuta Saint Vincent-Sestriere, il 31 la conclusione con la passerella finale da Torino a Milano. 

Si ipotizza uno scontro frontale tra il fuoriclasse Alberto Contador e l’astro nascente Fabio Aru, già terzo lo scorso anno. Nibali e Quintana hanno scelto il Tour de France e saranno sostituiti da Rodriguez, Uran, Hesjedal, Maika e qualche altro ancora. 

Per chi volesse anticipare l’arrivo a Biella, la tappa numero 18 del 28  maggio (giovedì) partirà da Lugano e arriverà a Verbania. Il via da Melide alle 12,55, arrivo a Pallanza (piazza Garibaldi) alle17,24. Dalla Svizzera si entra in Italia da Porto Ceresio, quindi Varese ed Arona (alle14,25). Si prosegue lungo la statale del Sempione fino a Stresa (dove ci sarà un traguardo volante), poi Baveno, Feriolo (rifornimento), Gravellona, Mergozzo, lo strappo di Bieno, primo passaggio da Verbania alle 15,15, quindi lago Maggiore fino a Cannero dove s’inizia la salita che da Trarego porta all’inedito Monte Ologno. Scollinamento alle 16,15, risalita a Piancavallo, picchiata su Intra, Villa Taranto e traguardo finale a Pallanza.

Il giorno successivo, venerdì 29, il Giro ripartirà da Gravellona alle 10,30: passaggio da Omegna, Pettenasco, Gozzano e Borgomanero (ore 11), quindi Romagnano, poi, come detto, il Biellese per proseguire alla volta della ancor lontana Cervinia.

Secondo alcuni il Giro si deciderà in queste due tappe. Secondo altri, invece, il verdetto arriverà il giorno successivo, sabato 30, con la tappa che partirà da Saint Vincent e si concluderà in vetta al Sestriere. A Milano, passerella finale. 

Sandro Bottelli

Leggi lo Speciale dedicato al Giro d’Italia all’interno dell’Eco di Biella di sabato 9 maggio 

Una crono squadre in terra ligure aprirà oggi il Giro d’Italia, la cui conclusione è prevista per il 31 a Milano. Quattro tappe in Liguria, la cronometro da Treviso a Valdobbiadene in ricordo di Nani Pinarello, la Marostica-Madonna di Campiglio con arrivo in salita, il Mortirolo nella Pinzolo-Aprica, un veloce sconfinamento in Svizzera.

La carovana arriverà sulle strade di casa nostra nella quart’ultima e terz’ultima tappa: Lugano-Verbania il 28 maggio, ma soprattutto Gravellona-Cervinia il 29, un venerdì, con passaggio a Cossato, Valdengo, in centro città a Biella e l’uscita da Mongrando, le due località dove   probabilmente si fermerà a far festa con i tifosi anche la colorata carovana del Giro che precede i corridori.  Non è certo l’arrivo ad Oropa dell’anno scorso, ma un assaggio di Corsa l’avremo comunque. Il 30 ci sarà la tanto attesa quanto temuta Saint Vincent-Sestriere, il 31 la conclusione con la passerella finale da Torino a Milano. 

Si ipotizza uno scontro frontale tra il fuoriclasse Alberto Contador e l’astro nascente Fabio Aru, già terzo lo scorso anno. Nibali e Quintana hanno scelto il Tour de France e saranno sostituiti da Rodriguez, Uran, Hesjedal, Maika e qualche altro ancora. 

Per chi volesse anticipare l’arrivo a Biella, la tappa numero 18 del 28  maggio (giovedì) partirà da Lugano e arriverà a Verbania. Il via da Melide alle 12,55, arrivo a Pallanza (piazza Garibaldi) alle17,24. Dalla Svizzera si entra in Italia da Porto Ceresio, quindi Varese ed Arona (alle14,25). Si prosegue lungo la statale del Sempione fino a Stresa (dove ci sarà un traguardo volante), poi Baveno, Feriolo (rifornimento), Gravellona, Mergozzo, lo strappo di Bieno, primo passaggio da Verbania alle 15,15, quindi lago Maggiore fino a Cannero dove s’inizia la salita che da Trarego porta all’inedito Monte Ologno. Scollinamento alle 16,15, risalita a Piancavallo, picchiata su Intra, Villa Taranto e traguardo finale a Pallanza.

Il giorno successivo, venerdì 29, il Giro ripartirà da Gravellona alle 10,30: passaggio da Omegna, Pettenasco, Gozzano e Borgomanero (ore 11), quindi Romagnano, poi, come detto, il Biellese per proseguire alla volta della ancor lontana Cervinia.

Secondo alcuni il Giro si deciderà in queste due tappe. Secondo altri, invece, il verdetto arriverà il giorno successivo, sabato 30, con la tappa che partirà da Saint Vincent e si concluderà in vetta al Sestriere. A Milano, passerella finale. 

Sandro Bottelli

Leggi lo Speciale dedicato al Giro d’Italia all’interno dell’Eco di Biella di sabato 9 maggio 

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità