68° Squillario, impresa di Pollicini

68° Squillario, impresa di Pollicini
12 Giugno 2017 ore 15:05

È stata un’impresa lunga sessanta chilometri quella compiuta ieri da Lorenzo Pollicini alla 68° edizione del “Trofeo Squillario” a Piatto, classica Biellese riservata agli allievi organizzata dal Velo Club Piatto con il supporto tecnico del Team Paldi. Il corridore varesino del Pedale Senaghese si è lanciato in una fuga solitaria dal chilometro 25 e ha avuto la brillantezza e la lucidità di gestire il vantaggio accumulato fino al traguardo. 
«Non era la tattica che avevamo studiato all’inizio – ha commentato a caldo il vincitore, al primo successo stagionale -. Ho visto il gruppo che ha rallentato dopo uno scatto e ho avuto l’istinto di partire, dopo 200 metri avevo già un buon distacco. Ho iniziato a capire di poter vincere quando una moto mi ha affiancato e mi ha comunicato i due minuti di vantaggio. Alla fine ho dato tutto e la vittoria finale mi ha dato grande soddisfazione». Per completare il podio c’è stato bisogno del fotofinish: alla fine a conquistare la medaglia d’argento è stato Edoardo  Zambanini (Rappr. Trento) sul favorito di giornata Andrea Piccolo (Pedale Senaghese).
La corsa è stata condizionata dal grande caldo (con punte di 32°) che ha consigliato prudenza ai ciclisti.  Per tutte e cinque le tornate i corridori hanno corso compatti a un ritmo sostenibile anche se, alla fine della gara, solo 43 ragazzi hanno terminato il percorso a fronte dei 142 partenti. Una corsa a eliminazione a tutti gli effetti. Solo l’azione di Pollicini, con un vantaggio costante di un paio di minuti, ha sortito effetto tanto che il gruppo, nonostante qualche tentativo, non è mai riuscito a ricucire il distacco. 

Leggi di più sull’Eco di Biella di lunedì 12 giugno 2017 

È stata un’impresa lunga sessanta chilometri quella compiuta ieri da Lorenzo Pollicini alla 68° edizione del “Trofeo Squillario” a Piatto, classica Biellese riservata agli allievi organizzata dal Velo Club Piatto con il supporto tecnico del Team Paldi. Il corridore varesino del Pedale Senaghese si è lanciato in una fuga solitaria dal chilometro 25 e ha avuto la brillantezza e la lucidità di gestire il vantaggio accumulato fino al traguardo. 
«Non era la tattica che avevamo studiato all’inizio – ha commentato a caldo il vincitore, al primo successo stagionale -. Ho visto il gruppo che ha rallentato dopo uno scatto e ho avuto l’istinto di partire, dopo 200 metri avevo già un buon distacco. Ho iniziato a capire di poter vincere quando una moto mi ha affiancato e mi ha comunicato i due minuti di vantaggio. Alla fine ho dato tutto e la vittoria finale mi ha dato grande soddisfazione». Per completare il podio c’è stato bisogno del fotofinish: alla fine a conquistare la medaglia d’argento è stato Edoardo  Zambanini (Rappr. Trento) sul favorito di giornata Andrea Piccolo (Pedale Senaghese).
La corsa è stata condizionata dal grande caldo (con punte di 32°) che ha consigliato prudenza ai ciclisti.  Per tutte e cinque le tornate i corridori hanno corso compatti a un ritmo sostenibile anche se, alla fine della gara, solo 43 ragazzi hanno terminato il percorso a fronte dei 142 partenti. Una corsa a eliminazione a tutti gli effetti. Solo l’azione di Pollicini, con un vantaggio costante di un paio di minuti, ha sortito effetto tanto che il gruppo, nonostante qualche tentativo, non è mai riuscito a ricucire il distacco. 

Leggi di più sull’Eco di Biella di lunedì 12 giugno 2017 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno