Tra Coggiola e Pray intesa per la fusione

Le amministrazioni comunali di Coggiola e Pray hanno comunicato di aver raggiunto un'intesa al fine di avviare, nei prossimi giorni, un processo di fusione tra i due Comuni.

Tra Coggiola e Pray intesa per la fusione
Valli Mosso e Sessera, 03 Febbraio 2020 ore 15:13

Tra Coggiola e Pray intesa per la fusione.

Coggiola e Pray chiamano altri Comuni

Le amministrazioni comunali di Coggiola e Pray hanno comunicato di aver raggiunto un’intesa al fine di avviare, già dai prossimi giorni, un processo di fusione tra i due Comuni. L’accordo è stato comunicato ai sindaci dei Comuni vicini, vale a dire Portula, Crevacuore, Caprile, Curino, Ailoche, Sostegno, Guardabosone e Postua, che sono stati invitati ad aggregarsi al progetto.

Prima il referendum

Ora spetterà ai cittadini di Coggiola e Pray votare, attraverso un referendum come indica la legge, per il sì o il no alla fusione. In caso affermativo, il processo di unione tra le due amministrazioni sarà chiuso entro il 2020.

Passuello: "Resterò sempre pompiere nel cuore"

Le motivazioni

“Riteniamo – spiegano i sindaci Gian Matteo Passuello e Gianluca Foglia Barbisin – che nell’interesse del nostro territorio e della nostra gente oggi i tempi siano maturi per rivedere concretamente l’opportunità di riprogettare un processo di fusione del territorio valsesserino, considerando che la nostra valle ha in atto una forte regressione dal punto di vista demografico, delle opportunità di lavoro e di sviluppo che ci avevano caratterizzato nel passato”.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DI ECO DI BIELLA

Novità: Iscriviti al nostro gruppo Facebook Biella Netweek

SU FACEBOOK SEGUI anche la nostra pagina ufficiale Eco di Biella: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

SU TWITTER SEGUI @ECODIBIELLA

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve