Lega: “No al raddoppio della Trossi”

La Lega esprime convinta contrarietà al progetto di raddoppio della strada Trossi come annunciato in questi giorni dall’Ente provinciale.

Lega: “No al raddoppio della Trossi”
Biella Città, 10 Marzo 2019 ore 18:35

Lega: “No al raddoppio della Trossi”.

La Lega esprime convinta contrarietà al progetto di raddoppio della strada Trossi come annunciato in questi giorni dall’Ente provinciale.

Mosca e Chiavetto

“A nostro avviso questa opera oltre ad essere eccessivamente costosa – vengono ipotizzati 3,5 milioni di euro per poco più di 1,5 chilometri di lunghezza nel territorio di Gaglianico – è anche inutile rispetto alla destinazione che l’arteria ha assunto nell’ultimo decennio – affermano il segretario e il consigliere provinciale della Lega – la Trossi è oggi la via dei grandi magazzini commerciali, degli outlet e delle concessionarie di auto, attività specifiche che hanno bisogno di una viabilità lenta per permettere l’immissione dei veicoli dai parcheggi e garantire la sicurezza degli avventori che spesso attraversano la carreggiata a piedi, questa scelta è irreversibile e condivisibile, anzi, andrebbe supportata con una progettualità di medio periodo”.

Altre strutture

“Il territorio invece, ha fatto scelte diverse per le arterie di comunicazione veloce e per le infrastrutture che devono ancora essere ultimate ed implementate, pensiamo al Maghettone e alla superstrada in particolare. Nel primo caso si può ipotizzare di ultimare l’ultimo tratto e creare il collegamento con la bretella della Lancia che termina a Benna, a pochi chilometri dal casello di Carisio, mentre per la superstrada sarebbe necessario creare le piazzole di emergenza in modo da portare la velocità consentita a 110 chilometri orari e poi progettare un collegamento veloce che in pochi chilometri ci permetterebbe di arrivare allo stesso casello, in posizione baricentrica sulla A4 tra Milano e Torino”.

L’invito

“Invitiamo – concludono Mosca e Chiavetto – pertanto anche noi i parlamentari e i consiglieri regionali a mobilitarsi, ma non per progetti di dubbia utilità che ci sembrano più marchette preelettorali fatte a qualche consigliere provinciale con l’obiettivo di guadagnarsi il consenso e la fiducia, magari in prospettiva di un ipotetico turno di ballottaggio in Comune a Biella dove i voti delle liste civiche potrebbero far gola, ma di lavorare per attrarre risorse utili a dare vero sviluppo al territorio”.

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE

CLICCA SULLA PAGINA FACEBOOK DI ECO

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità