Eventi e Cultura
FINE SETTIMANA

Cosa fare a Biella e provincia: gli eventi del weekend (24 e 25 settembre 2022)

Questo è il fine settimana del festival al femminile ContemporaneA e del gran finale della Passione di Sordevolo. Ma non solo. 

Cosa fare a Biella e provincia: gli eventi del weekend (24 e 25 settembre 2022)
Eventi e Cultura Biella Città, 22 Settembre 2022 ore 07:30

Questo è il fine settimana del festival al femminile ContemporaneA e del gran finale della Passione di Sordevolo. Ma non solo.

Cosa fare a Biella e nel Biellese

Qui una selezione di eventi tratti dall’edizione di giovedì scorso di Eco di Biella, che ogni settimana propone la sezione Eco Week con gli eventi fissati a Biella e nel Biellese.

Il festival

Al via l’appuntamento con la terza edizione di “ContemporaneA. Parole e storie di donne”, prevista a Biella da venerdì 23 fino a domenica 25 settembre.  Tre giornate, oltre 30 ospiti e 24 appuntamenti per parlare di letteratura, medicina di genere, scienza, spettacolo, arte contemporanea, sostenibilità, filosofia, managerialità, musica. Gli incontri si terranno a Biella, diffusi tra  Palazzo Ferrero,  galleria BI-BOx Art Space e  Teatro Sociale Villani.

E con “ContemporaneA” tornerà un format molto amato dal pubblico, quello del “Pranzo con la scrittrice”, durante il quale l’ospite racconterà la sua autrice preferita. Quest’anno, a fare da oratrici saranno Marilù Oliva, che parlerà della narratrice e saggista Maria Rosa Cutrufelli, e Viola Ardone, che dedicherà il suo intervento a Natalia Ginzburg. Per informazioni e prenotazioni: segreteria.contemporanea@gmail.com o 392-5166749. Tra le ospiti attese Stefania Auci, Sara Cardin, Marilù Oliva, Chiara Tagliaferri, Susanna Ausoni e Sandra Petrignani.

Musica

Sabato alle 18,al Castello di Roppolo si terrà il secondo appuntamento di “Panorami Sonori”, sezione autunnale della rassegna “Suoni in movimento”. Il concerto sarà dedicato alle musiche di Mozart, Sibelius, Handel-Halvorsen e Schubert, in cui il violino di Riccardo Zamuner dialogherà con la viola di Zoe Canestrelli e il violoncello di Arianna di Martino. Due i brani in prima esecuzione assoluta, entrambi di Virginia D’Ettorre: “Eco e Pan I” per violino e viola ed “Eco e Pan II” per violino, viola e violoncello. Il biglietto intero costa 10 euro, 7 euro il ridotto; ingresso gratuito per i minori di 12 anni (info: N.I.S.I. ArteMusica; tel.: 370-3031220 e 333-8180066; sito: www.suoniinmovimento.it).

Aprirà le porte non per una visita guidata ma per ospitare un concerto di violino e arpa, la Sinagoga di vicolo del Bellone, 3, a Biella Piazzo, che alle 21 di giovedì presenterà un appuntamento della rassegna “Ogni giorno è Memoria”. Protagoniste della serata musicale, Carola Zosi al violino e Diletta Sereno all’arpa. Il programma prevede l’esecuzione di musiche di Donizetti, Offenbach, Bach, Salzedo, Tedeschi, Saint-Saens, Mascagni e Massenet. Situata nel borgo storico del Piazzo, la Sinagoga di Biella si trova al primo piano dell’edificio in vicolo del Bellone 3, nell’area dell’antico insediamento ebraico che risale alla seconda metà del ‘300. La partecipazione è gratuita. Info e prenotazioni: segreteria.comunitaebraicavc@gmail.com.

Incontri letterari

Venerdì, alle ore 17.15 presso Sala Affreschi via Matteotti 48 a Candelo, ci sarà il quarto appuntamento con Candelochescrive: protagonista lo chef stellato Angelo Antonio Angiulli che dialogherà con il pubblico e il giornalista Roberto Azzoni. Nel suo secondo libro “L’Autodidatta 2.Verso la stella”, Angiulli ripercorre il percorso che lo portò ad inaugurare il ristorante di Candelo nel 1987 e poi a conseguire il traguardo più ambito e prestigioso per un professionista del settore: la Stella Michelin ottenuta nel 1994 e confermata fino al 31 dicembre 2005. L’autore nel suo romanzo si racconta a tutto tondo, senza filtri, non mancando di impreziosire la narrazione con la sua sconfinata sapienza e conoscenza nell'ambito culinario.

Paolo Bricco sarà ospite degli “Amici della Biblioteca” e della Biblioteca Civica di Biella e domani venerdì  alle ore 18.30 nella Sala Mostre del Lanificio “Maurizio Sella” di Biella sul Cervo presenterà il suo nuovo saggio “A O Adriano Olivetti, un italiano del Novecento” (Rizzoli) e ne parlerà in dialogo con il ceo del gruppo bancario Pietro Sella. Introdurrà  Anna Bosazza, direttrice della Biblioteca di Biella. L’evento è organizzato da Davide Gamba della Libreria Mondadori di Ivrea.

Venerdì, alle ore 21, nei locali della Biblioteca “Benedetto Croce” di Pollone si terrà la presentazione dei libri “Amo le montagne per vivere”e “Amo le montagne per amare gli uomini”, dedicati ad Andrea Chaves. Testimonianze di Patrizia Chaves e Giorgio Marinoni, letture di Daniela Vittino e Giovanni Mosca.

Mentre Arci Biella Ivrea Vercelli e Associazione “Vermogno Vive” propongono a Zubiena, domenica mattina, la tavola rotonda con il fotoreporter e giornalista Federico Tisa e Marco Buttino, professore di Storia dell’Università di Torino, che presenteranno il libro “Vite provvisorie”. Si parlerà di caporalato, schiavitù, filiera agroalimentare e ruolo della grande distribuzione organizzata. Per specifiche informazioni: 335-8757013.

Eventi vari

“Passione” di Sordevolo, ultimo atto venerdì e sabato alle 21e domenica alle 16.30. Tutto è pronto, nell’anfiteatro “Giovanni Paolo II” di Sordevolo per il gran finale. L’unica nota di incertezza è data dalle previsioni meteo, non delle migliori per il fine settimana. In scena ci saranno molti dei “veterani” che hanno raggiunto il numero massimo di edizioni e venerdì sarà l’ultima volta del Cristo interpretato da Gian Marco Pidello. E saranno, questi, gli ultimi giorni per visitare gli allestimenti della chiesa di Santa Marta-Museo della Passione, dove fino a domenica si potrà ammirare la mostra “Phygital Exhibition”, curata dal Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino: gli architetti e designer del PoliTo, ripercorrendo i 200 anni di storia della “Passione”, hanno curato la ricostruzione digitale in 3D del suo allestimento scenografico, e completato il restyling del museo.

Domenica ritorna il Mercatino dell’antiquariato minore e dell’artigianato nello storico rione Riva di Biella: dalle 8 alle 18 gli appassionati di “cose d’altri tempi” e di artigianato potranno passeggiare tra i banchetti (oltre 120 le piazzole occupate, un ritorno ai numeri pre-pandemia) posizionati nelle vie e nelle piazze del quartiere (nella foto di repertorio, una delle precedenti edizioni). Quella di domenica sarà la centesima edizione: per festeggiare, l’Ente Manifestazioni Biella Riva ha pensato di dare la possibilità di degustare il tipico piatto biellese, la polenta concia, preparato con ingredienti rigorosamente locali da “Sapori d’Alta quota “. La distribuzione, a partire dalle 12.30, avverrà ai piedi del campanile di San Cassiano, con possibilità di mangiarla sul posto (nel cortile dell’oratorio) oppure di portarla a casa. I buoni saranno in vendita già dal mattino. Nel corso della giornata non mancheranno alcuni appuntamenti musicali.

Sempre domenica, ma in piazza Cisterna, al Piazzo di Biella (orario 10-18), avrà luogo l’undicesima edizione di “Natural.BI life”, il mercatino sugli stili di vita naturali, organizzato dall’associazione Noi del Piazzo con la collaborazione del Comune di Biella nell’ambito delle manifestazioni di “Biella Estate 2022”. «Sarà quindi possibile - come spiegano gli organizzatori - acquistare i prodotti delle piccole produzioni locali di cibo, abbigliamento, benessere e salute, con la possibilità di conoscere le tante realtà creative del territorio: artigiani, agricoltori e semplici appassionati che hanno saputo trasformare il loro lavoro in arte e che hanno saputo valorizzare in modo etico ed ecologico le risorse della natura, pur non trovando spazio nelle logiche e nelle grandi dimensioni richieste oggi dal mercato».

Climate change! In occasione delle “Giornate Europee del Patrimonio 2022”, sabato, dalle 16.30 alle 18, il Museo del Territorio Biellese ospiterà il laboratorio “Climate change!”, in cui la paleontologia offrirà uno spunto per parlare di cambiamenti climatici. L’evento si rivolge a famiglie con bambini da 8 a 11 anni. La partecipazione è gratuita, con prenotazione obbligatoria. Info e prenotazioni: telefono: 015-2529345; sito: www.museodelterritorio.biella.it.

Il pesce e “Il Tarlo”. Sabato dalle 19, al bar “La piazzetta” di Valdengo, verrà servito un “Gran fritto di pesce”. Nell’occasione, “Il Tarlo”, gruppo teatrale capitanato da Beppe Pellitteri, autore del processo del Babi, presenterà lo spettacolo “Le canzoni dell’osteria”. Info e prenotazioni: tel.: 345-2396178.

Corso di Kintsugi. Nell’ambito del Progetto “Opere all’Oro”, sabato, dalle 14 alle 18, al Museo dell’Oro e della Pietra di Salussola, inizierà il corso di restauro “Introduzione al Kintsugi. L’arte di riparare con l’oro - Tecnica moderna”, a cura di Chiara Lorenzetti, restauratrice dal 1991 da Chiarartè, a Biella, studiosa ed esperta di arte Kintsugi. Il corso si dividerà in due parti, una lezione teorica di un’ora e un laboratorio di pratica di tre ore durante le quali si effettuerà lo studio di un oggetto in ceramica e sua rottura e successivamente si procederà al restauro Kintsugi con resina e polvere d’oro. Il costo di partecipazione è di 110 euro, comprensivo di materiale e di una ceramica restaurata. Info e prenotazioni: tel.: 353-3207515; sito: www.museolaboratoriosalussola.org.

Montagna Amica e i soci. Festa annuale dei soci dell’Associazione Montagna Amica Biella, domenica. Il programma prevede il ritrovo ai cancelli del Santuario di Oropa alle 11. In caso di bel tempo la consueta messa in ricordo dell’amico Paolo Bernascone si terrà alle 12.30 al Tracciolino, nei pressi dell’omonimo Cippo a lui dedicato, e sarà officiata da padre Roberto Melis; seguirà il pranzo al sacco condiviso sul prato antistante al Cippo Bernascone. In caso di pioggia la messa si terrà nella Basilica antica del Santuario di Oropa, sempre alle 12.30, e al termine seguirà un buffet condiviso nella Sala del Pellegrino del Santuario. Comunicazioni riguardanti eventuali modifiche al programma e agli orari verranno comunicate sulla pagina Facebook.

Visita guidata a Oropa. Nuovi appuntamenti con le visite guidate a Oropa. Domenica mattina si potranno visitare il Santuario, il Museo dei Tesori e gli Appartamenti Reali dei Savoia; partenza alle ore 11 dallo chalet info turistiche davanti ai cancelli; quota di partecipazione: 5 euro (non serve la prenotazione). Info: tel.: 015-25551200.

Le “Antiche vie”. Proseguono le visite guidate del programma “Wool Experience” - creato dall’associazione “Amici della Lana” - alla scoperta delle “Antiche vie” percorse un tempo dagli operai delle fabbriche e dai lavoratori. Domenica si percorrerà un itinerario ad anello dal Lanificio Botto di Miagliano (partenza alle ore 15) verso la frazione di Case Code di Sagliano Micca, con una sosta all’agriturismo Ca’ d’Andrei per degustare alcuni prodotti locali, tipici della nostra tradizione. Durante l’escursione, inoltre, verranno affrontati altri temi di taglio storico, riguardanti il passato industriale di Miagliano, a cura di Davide Varesano, e curiosità naturalistiche da parte di Matteo Negro, biologo e guida naturalistica. L’escursione prevede la quota di partecipazione di 10 euro (gratuita per i tesserati ad “Amici della Lana”) più 10 euro per la degustazione a Ca’ d’Andrei. La prenotazione è obbligatoria. Info e prenotazioni: tel.: 351-8862836; e-mail: amicidellalana@gmail.com.

Spettacolo

Sabato al Belletti Bona di Biella torna “Non ti scordar di me” tra fotografia, giocattoli, arte visuale, teatro e musica. Questo  è l’ultimo dei tre appuntamenti in cui si è articolato il progetto “Memoria d’annata!” curato da Martina Laganà che vede come ente capofila Anteo  col contributo delle Fondazioni Crb e Crt. L’evento si tiene nel chiostro dell’Istituto Belletti Bona di Biella che accoglierà in maniera libera coloro che desidereranno visitare due mostre (ore 10-17) e assistere a una rappresentazione musicale e teatrale (ore 15 e replica ore 16) dedicate alla memoria. Al centro ancora una volta le storie di vita e i ricordi degli anziani dell’Rsa Belletti Bona restituite attraverso una formula artistica allargata: una mostra di giocattoli antichi a cura di collezionisti amatori locali, una mostra fotografica di Microsolchi con le immagini storiche del “Ferragosto Andornese”, che raccontano gli anni d’oro del festival musicale estivo,  e una rielaborazione artistica della pittrice Francesca Iannacone dei racconti degli anziani sui giochi delle loro infanzie. Le animazioni musical-teatrali, curate dall’associazione Storie di Piazza, porteranno in scena i ricordi degli anziani della Rsa.

Mostre

Domani, venerdì, alle ore 18, negli ex spazi industriali del Lanificio Picco - quello dove lavorara nel ‘43, prima di darsi dalla Resistenza, l’operaio Argante Bocchio, uno degli artefici del Patto della Montagna -  apre al pubblico “Orditure”, una mostra fotografica di Fabio Oggero, Mattia Paladini e Vittorio Sancipriano, frutto di una residenza del maggio 2019 a Miagliano volta a indagare una delle prime company town d’Italia, quella sorta attorno all’Ex Cotonificio Poma dal 1865 alla chiusura del 1992. Organizza Phos-Centro Fotografia Torino, con la collaborazione di Miagliano Laab, testimonianza di questa storia, quella di un complesso industriale grande quanto il paese stesso, all'interno del quale stanno nascendo nuove realtà produttive e culturali. Fabio Oggero, Mattia Paladini e Vittorio Sancipriano hanno lavorato a partire dagli spazi della fabbrica, indagando l’impatto che questi hanno avuto nei luoghi, nelle storie delineando l’orditura, un’ossatura forte, del tessuto economico e sociale di un luogo che oggi si va rigenerando. Paladini  abbraccia una visione ampia e generosa tra spazi e persone; Oggero punta l’obiettivo  sulla geometria architettonica e gli elementi naturali;  Sancipriano osserva ostinatamente la materialità della lana, soggetto protagonista ed elemento di continuità.  Negli spazi del Lanificio Picco saranno, inoltre, ospitate 4 installazioni site specific dei finalisti del Premio di architettura Maggia 2019.
Alle ore 19,30 verrà infine proiettato il film “Il patto della montagna” di Maurizio Pellegrini e Manuele Cecconello, girato coi testimoni di un’epoca proprio negli spazi del Lanificio Picco. Info: a cura di Federica Barletta e Laura Cantarella, sabato 24 e 1 ottobre e domenica 25 e 2 ottobre  ore 15-19 o su appuntamento 347-0016755.

Sabato e domenica  si celebrano le Giornate Europee del Patrimonio, manifestazione ideata  dalla UE al fine di potenziare e favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra le nazioni europee. È un’occasione importante per mettere in rilievo il ruolo centrale della cultura nelle dinamiche sociali e sui benefici che ne derivano. All’insegna dello slogan Patrimonio culturale sostenibile anche Biella partecipa all’evento con “Buona, perenne e abbondante” all’Archivio di Stato di via Arnulfo dove, domenica, verrà inaugurata (con visite guidate gratuite dalle 14,30 alle 18,30) una mostra sul tema dell’acqua.  L’esposizione, allestita presso la sala studio dell’Istituto, avrà come filo conduttore il rapporto del Biellese con l’acqua che è molto profondo e antico. Ripercorrendo le vicende dal primo acquedotto, alle fontane, allo sviluppo della rete ci si imbatte neo contrasti e nelle vertenze fra cittadini, agricoltori ed attività produttive. «La documentazione esposta, per quanto storica, si dimostra di estrema attualità - prosegue Leardi - .  Le problematiche  non possono che riportarci alla mente le crescenti preoccupazioni per il cambiamento climatico in atto e la recente e grave siccità». Info: mostra aperta, ad accesso libero e gratuito, negli orari di apertura dell’Archivio di Stato di Biella, esclusivamente previa prenotazione, fino al 23 dicembre. Previste due ulteriori aperture straordinarie, sempre con visite guidate: domenica 9 ottobre ore 14,30-18,30 e lunedì 31 ottobre ore 18,30-22,30.

Biella, La storia diocesana. Prorogata fino al 30 settembre la mostra a ingresso gratuito che abbraccia due secoli di storia religiosa e civile e racconta il dialogo tra Chiesa, clero e comunità. Il percorso espositivo ospitato al Chiostro di San Sebastiano si snoda dalle sale al piano terra fino alla sala del Seicento della sezione storico-artistica. Il visitatore può così venire a contatto con le radici del cristianesimo biellese e le sue figure più significative, attraverso documenti e materiali bibliografici provenienti dalla biblioteca e dall’archivio diocesani, e opere d’arte provenienti dalla Cattedrale di Biella e dal Santuario di Oropa. Info: giovedì ore 10-14, venerdì ore 14-18, sabato e domenica ore 10-18.

Biella, Intrecci dell’esistere. A Palazzo Ferrero, a Biella, in corso la personale di Laura Renna  “Intrecci dell’esistere, Intimamente fermo, esternamente flessibile” (nella foto al centro), a cura di Patrizia Maggia. La mostra è tra le iniziative di “Woolscape” (vedi pagina 38), progetto che ha lo scopo di promuovere il rapporto virtuoso tra l’attività produttiva tessile e il “patrimonio” culturale e paesaggistico biellese, ed è inserita nel programma della sesta edizione di “Fatti Ad Arte”, appuntamento dedicato all’Alto Artigianato e ai mestieri d’arte, che si terrà dal 7 al 9 ottobre nelle sale di Palazzo Ferrero e Palazzo La Marmora, al Piazzo. L’arte di Laura Renna esplora ciò che è a lato della vita; morbida e leggera, la sua lana si fa fibra viva e simbolo ancestrale. Info: fino al 2 ottobre sabato e domenica ore 10-19 e durante la VI edizione di Fatti ad Arte (ingresso 5 Euro) 7 ottobre ore 18-22,  8 ottobre ore 10-21 e 9 ottobre ore 10-20.

Biella, Leo Gavazzi. Leo Gavazzi: un artista da riscoprire con la  mostra allo Spazio Cultura Crb di via Garibaldi a Biella frutto della collaborazione tra il  DocBi  e Palazzo Gromo Losa Srl finalizzata alla riscoperta degli artisti biellesi. La rassegna su  Leo Gavazzi (1922-2010, professione dentista), uno degli artisti più poliedrici del Novecento biellese Info: fino al 16 ottobre da lunedì a venerdì ore 10.30-12.30 e 16-17.30; sabato e domenica ore 16-19, ingresso gratuito.

Donato, Mestieri d’antan.  Fino al 23 ottobre al Centro di Documentazione sull’Emigrazione “Gian Paolo Chiorino” di Donato è proposta la mostra intitolata “Mestieri di un tempo”, visitabile tutte le domeniche negli orari di apertura coordinati con la Rete Museale Biellese, ossia dalle ore 14.30 alle 18.30.

Biella, Un lancio di dadi. In  corso la mostra “Un lancio di dadi”, seconda personale dell’artista Vincenzo Merola. La rassegna è curata dalla storica dell’arte  indipendente Angela Madesani. L’artista molisano (1979) presenta in galleria alcuni lavori provenienti dalla serie “Lanci di dado / Dice Rolls”, realizzati con la penna Bic multicolore su pregiate carte fatte a mano e  altri da altre serie pittoriche.  Info:  fino al 5 novembre il giovedì e venerdì ore 15-19.30, sabato 10-12.30 e 15-19.30.

Pray Biellese, Marciandi fotografo. Alla “Fabbrica della ruota” di Pray (regione Vallefredda) in corso la mostra “Matteo Marciandi, fotografo per passione”, curata dal DocBi. Originario di Tollegno, Matteo Marciandi (1898-1982)  si dedicò soprattutto alla fotografia, che esercitò a buon livello collaborando con   l’“Illustrazione Biellese”. Info: fino al 25 settembre tutte le domeniche ore 14.30-18.30. Ingresso 3 euro, sito del Docbi.

Valdilana, L’altra forma delle cose. “L’altra forma delle cose (AAS47692/Picea abies)” è in corso a Casa Zegna a Trivero con  l’esplorazione del suo territorio di appartenenza, l’Oasi Zegna, guardandola attraverso la lente della contaminazione tra diversi saperi e discipline a cura dell’artista Emilio Vavarella. Info: fino al 13 novembre, tutte le domeniche ore 11-17,  ad agosto aperta tutti i giorni, ingresso 5 Euro.

Sala Biellese, Partigiani.  Alla  Casa della Resistenza di via Ottavio Rivetti 5 la mostra fotografica “Partisan dij nòss pais 1943-1945”. Info: fino al 16 ottobre,  domenica  ore 10-12 e ore 15-18,  340-9687191.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter