concerto benefico

Coro di studenti a “Scheggiando”

Il concerto-spettacolo che il 1° febbraio scorso ha gremito il Teatro Sociale di Biella, ha permesso di raccogliere 5.600 euro.

Coro di studenti a “Scheggiando”
Elvo, 06 Febbraio 2020 ore 16:36

Coro di studenti a “Scheggiando”. Il concerto-spettacolo che il 1° febbraio scorso ha gremito il Teatro Sociale di Biella, ha permesso di raccogliere 5.600 euro.

Coro di studenti a “Scheggiando”

L’evento aveva finalità benefiche e l’obiettivo è stato raggiunto. “Scheggiando”, il concerto-spettacolo che il 1° febbraio scorso ha gremito il Teatro Sociale di Biella, ha permesso di raccogliere 5.600 euro a favore dei piccoli pazienti dell’ospedale “Regina Margherita” di Torino.
Protagonista della serata è stata la band biellese delle “Schegge Sparse” (da qui il titolo dato all’evento).
Al fianco dei musicisti biellesi, che da sempre propongono cover di Luciano Ligabue, tanti… friends, presentati dalla “Iena” Jacopo Morini. Amici cantanti, come Nora Mello Grand, Alex Zanuto, Nicolò Sarasso e Adolfo Venza, che con il frontman della band, Giovanni Bonfante, hanno cantato “Il mio nome è mai più”, e come Rosita Morini, che ha interpretato, tra l’altro, “Gli ostacoli del cuore”, ma anche amici danzatori, come Stefania Vannucci ed Emanuele Leone della scuola di danza L’Arabesque di Biella, che si sono esibiti sulle note “Ti sento”. E poi anche, tra gli amici, una formazione corale, quella del coro “Voci e Note”, formato dai ragazzi delle scuole secondarie di Occhieppo Inferiore e Pollone che fanno capo all’Istituto comprensivo “E. Schiaparelli” di Occhieppo.

Leggi l’articolo completo su Eco di Biella in edicola oggi, giovedì 6 febbraio

LEGGI ANCHE ALTRE NOTIZIE SUL SITO DI ECO DI BIELLA

SU FACEBOOK SEGUI anche la nostra pagina ufficiale Eco di Biella: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

SU TWITTER SEGUI @ECODIBIELLA

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità