Menu
Cerca
evento

Celebrato il 207° anniversario di fondazione dell'Arma dei Carabinieri

L’evento a Biella si è svolto alla presenza del Prefetto, Dottoressa Franca Tancredi che, accompagnata dal Comandante Provinciale, Ten. Col. Mauro Fogliani

Celebrato il 207° anniversario di fondazione dell'Arma dei Carabinieri
Eventi e Cultura Biella Città, 06 Giugno 2021 ore 08:47

Celebrato 207° anniversario di fondazione dell'Arma

Ieri, 5 giugno 2021, si è celebrato il 207° annuale di fondazione dell’Arma dei Carabinieri. Anche quest’anno le misure di contenimento della pandemia non hanno consentito di celebrare l’evento con la solennità del passato, ma si è preferita una simbolica cerimonia, svolta all’interno della Caserma intitolata al Cap. De Tommaso a Roma, sede della Legione Allievi Carabinieri, alla quale ha preso parte un ridotto numero di Autorità.

L'evento principale a Roma

Il Comandante Generale si è rivolto a tutti i Carabinieri e agli ospiti presenti ricordando la vicinanza dell’Arma al Paese in questo difficile momento segnato dalla pandemia che ha comportato la perdita di 30 Carabinieri, mentre oltre 12.000 sono rimasti contagiati. “Nessuna delle 5.500 Stazioni Carabinieri ha cessato le proprie attività”, ha sottolineato il Gen. Luzi, evidenziando l’esempio concreto dell’originaria vocazione dell’Istituzione, che si ritrova nelle Regie Patenti del 1814 (suo atto di nascita) e sancisce la missione dell’Arma volta a garantire “il buon ordine e la pubblica tranquillità… per contribuire alla maggiore felicità dello Stato”.
Un ricordo particolare è stato rivolto dal Vertice dell’Arma al Carabiniere Vittorio Iacovacci, proditoriamente ucciso in Congo unitamente all’Ambasciatore Luca Attanasio. Concreta dimostrazione della silenziosa fedeltà dell’Istituzione alla Nazione che vede ogni militare mantenere fede al proprio giuramento. Da 207 anni i Carabinieri sono al fianco degli italiani, con le Stazioni e Tenenze territoriali, a cui si affiancano, con indissolubile sinergia, le Stazioni Forestali e i Reparti Speciali che consentono la tutela e la salvaguardia della popolazione in ogni aspetto: dalla salute all’ambiente, dalla tutela della normativa del lavoro a quella del patrimonio culturale, fino al contrasto al terrorismo.

Nel corso della celebrazione, il Presidente del Consiglio dei Ministri, Prof. Mario Draghi ha consegnato alla Bandiera dell’Arma dei Carabinieri la Medaglia d’Oro al Merito Civile con la seguente motivazione: “Fedele custode dei diritti garantiti dalla Costituzione, l’Arma dei Carabinieri, attraverso il Comando per la Tutela del Lavoro, con eccezionale senso di abnegazione, offriva prova di straordinario impegno e ammirevole dedizione nel garantire il rispetto delle norme poste a salvaguardia dei rapporti d’impiego, delle prestazioni d’opera e della sicurezza sui luoghi di lavoro. Impegnato in complesse attività di controllo e investigative, il Reparto conseguiva risultati di assoluto rilievo nel contrasto allo sfruttamento illecito delle maestranze e all’odioso fenomeno della tratta degli esseri umani. Le peculiari capacità professionali maturate nel tempo e le affinate metodologie d’intervento permettevano al Reparto di affermarsi anche all’estero come autorevole modello di riferimento, riscuotendo ovunque l’ammirazione dell’opinione pubblica, delle più alte Autorità nazionali e degli Organismi internazionali. Territorio nazionale ed estero, 1926 – 2020”. Un riconoscimento molto importante che inorgoglisce l’Arma che già nel 1926 aveva creato un apposito Reparto Speciale - il primo tra tutti - a tutela della dignità e sicurezza del lavoro.

La cerimonia dei Carabinieri a Biella

Anche a Biella, alle ore 10:00, all’interno della Caserma “M.A.V.M. Mar. Ca. Aldo Fiorina” è stato celebrato il 207° Annuale della Fondazione dell’Arma dei Carabinieri. L’evento si è svolto alla presenza del Prefetto, Dottoressa Franca Tancredi che, accompagnata dal Comandante Provinciale, Ten. Col. Mauro Fogliani, ha deposto una corona d’alloro presso il monumento eretto in memoria dei Caduti dell’Arma dei Carabinieri ed a ricordo dei Caduti di Nassiryia, ubicato nel piazzale della Caserma di via Fratelli Rosselli.