Eventi e Cultura

Cartier-Bresson, già 2mila visitatori

Cartier-Bresson, già 2mila visitatori
Eventi e Cultura 10 Aprile 2016 ore 12:55

BIELLA - È sottesa, ma pare proprio continui a piacere, la filosofia che Henri Cartier-Bresson ha espresso con la sua arte fotografica e che così lui stesso descriveva: «Fotografare è porre sulla stessa linea di mira la mente, gli occhi e il cuore. È un modo di vivere». Lo testimonia il successo che sta riscuotendo la mostra dedicatagli, grazie al contributo di Fondazione Crb e Fondazione Pierre Gianadda, dal titolo “Henri Cartier-Bresson. Collezione Sam, Lilette e Sébastien Szafran”.  I dati lo dimostrano: 2.270 i visitatori che si sono subito diretti a Palazzo Gromo Losa, a partire dallo scorso 20 marzo, e hanno raggiunto il record di 647 persone nella sola giornata di domenica 3 aprile. «È uno di quegli appuntamenti  straordinari per poter ammirare per l’ultima volta in Italia - ha detto Léonard Gianadda - le meravigliose fotografie originali del fotografo».  Così, data la super affluenza, l’organizzazione dell’esposizione ha deciso di estendere gli orari di apertura domenicali. I biellesi e non interessati sappiano, allora, che la mostra sarà aperta, con orario continuato, dalle ore 10 alle 19. Anche l’apertura straordinaria del 25 aprile seguirà gli orari della domenica, ovvero dalle ore 10 alle 19. Ecco gli orari di apertura aggiornati validi da domenica 10 aprile a domenica 15 maggio: venerdì e sabato dalle 15.30 alle 19; domenica dalle 10 alle 19. Lunedì 25 aprile dalle 10 alle 19. Quanto ai prossimi appuntamenti. Venerdì 22 aprile dalle 15.30, la Fondazione Crb apre Palazzo Gromo Losa e il suo meraviglioso giardino all’italiana agli “invasori digitali”. E di Cittadellarte – Fondazione Pistoletto. Martedì 26 aprile, alle ore 20.30, sarà tenuto presso l’auditorium di Palazzo Gromo Losa un seminario sulla “fotografia di strada”, a cura di Stefano Ceretti, per scoprire i trucchi della streetphotography, che ha avuto tra i suoi padri proprio Cartier-Bresson. Per altre informazioni, Fondazione Crb: 015-0991868.

Giovanna Boglietti

BIELLA - È sottesa, ma pare proprio continui a piacere, la filosofia che Henri Cartier-Bresson ha espresso con la sua arte fotografica e che così lui stesso descriveva: «Fotografare è porre sulla stessa linea di mira la mente, gli occhi e il cuore. È un modo di vivere». Lo testimonia il successo che sta riscuotendo la mostra dedicatagli, grazie al contributo di Fondazione Crb e Fondazione Pierre Gianadda, dal titolo “Henri Cartier-Bresson. Collezione Sam, Lilette e Sébastien Szafran”.  I dati lo dimostrano: 2.270 i visitatori che si sono subito diretti a Palazzo Gromo Losa, a partire dallo scorso 20 marzo, e hanno raggiunto il record di 647 persone nella sola giornata di domenica 3 aprile. «È uno di quegli appuntamenti  straordinari per poter ammirare per l’ultima volta in Italia - ha detto Léonard Gianadda - le meravigliose fotografie originali del fotografo».  Così, data la super affluenza, l’organizzazione dell’esposizione ha deciso di estendere gli orari di apertura domenicali. I biellesi e non interessati sappiano, allora, che la mostra sarà aperta, con orario continuato, dalle ore 10 alle 19. Anche l’apertura straordinaria del 25 aprile seguirà gli orari della domenica, ovvero dalle ore 10 alle 19. Ecco gli orari di apertura aggiornati validi da domenica 10 aprile a domenica 15 maggio: venerdì e sabato dalle 15.30 alle 19; domenica dalle 10 alle 19. Lunedì 25 aprile dalle 10 alle 19. Quanto ai prossimi appuntamenti. Venerdì 22 aprile dalle 15.30, la Fondazione Crb apre Palazzo Gromo Losa e il suo meraviglioso giardino all’italiana agli “invasori digitali”. E di Cittadellarte – Fondazione Pistoletto. Martedì 26 aprile, alle ore 20.30, sarà tenuto presso l’auditorium di Palazzo Gromo Losa un seminario sulla “fotografia di strada”, a cura di Stefano Ceretti, per scoprire i trucchi della streetphotography, che ha avuto tra i suoi padri proprio Cartier-Bresson. Per altre informazioni, Fondazione Crb: 015-0991868.

Giovanna Boglietti

Seguici sui nostri canali