Storia biellese

“Biela trames le nìvole”: martedì a Torino la presentazione del fumetto

Il fumetto in piemontese sarà distribuito gratuitamente nelle biblioteche della Regione.

“Biela trames le nìvole”: martedì a Torino la presentazione del fumetto
Pubblicato:

Martedì 21 maggio alle ore 11,00 all'Archivio di Stato di Torino in piazza Castello ci sarà la presentazione del fumetto su Quintino Sella in lingua piemontese “Biela trames le nìvole”. Un grande personaggio italiano, Quintino Sella, narra la sua città attraverso un nuovo e brillante modo per coinvolgere i giovani alla lettura. Il volume tratta di tematiche strettamene legate al territorio piemontese e biellese ed è stato tradotto in Piemontese.

Da dove nasce “Biela trames le nìvole”

Il libro nasce dall’idea che per comprendere un luogo bisogna conoscerlo, si deve entrare in contatto con il suo passato e immaginare il suo futuro. Biella è una città splendida, ricca di storia che non tutti conoscono e che spesso è ignorata dalle giovani generazioni. Il Festival Nuvolosa, concorso nazionale di fumetto che da sei anni l’Assessorato alle Politiche Giovanili propone, ha dato lo spunto per creare qualcosa di nuovo, che facesse risaltare i luoghi in cui il Festival si realizza.

Il fumetto che racconta Biella

In particolare, con lo staff che collabora all’organizzazione di Nuvolosa, è stato realizzato un fumetto che racconta Biella, i suoi monumenti e la sua storia attraverso un narratore d’eccezione: Quintino Sella. Esplorare Biella attraverso questo importante personaggio in versione fumetto, vuole essere un tributo alla persona, ma soprattutto un omaggio ai biellesi, al loro carattere laborioso e tenace che ha permesso il grande sviluppo urbanistico e industriale del territorio, rendendo la città famosa in tutta Europa per la sua tradizione tessile, oggi caratterizzata dall’alta qualità e dall’innovazione.

La prima festa del Piemonte

Proprio nel Biellese, nel 1968 si è svolta la prima Festa del Piemonte in occasione della quale è stato riscoperto il Drapò. Sulla scia di quello storico evento, lo scorso anno si è tenuta, nella sala consiliare del Comune di Biella, la “1ᵃ Festa dël Piemont” con la presentazione e la distribuzione del fumetto “Bièla ‘n mes ai nìvole” (tradotto in quell’occasione nella variante biellese della lingua piemontese).

“Biela trames le nìvole” nelle biblioteche della Regione

Poter quindi portare dal Biellese alle biblioteche della Regione il fumetto “Biela trames le nìvole”, ora tradotto in lingua piemontese koinè da Michela Zegna e Andrea Di Stefano, rappresenta un’occasione unica per legare il passato al futuro nel segno della riscoperta e al contempo raggiungere tutti i territori della nostra regione, nel segno della condivisione dei valori e della consapevolezza di avere una lingua comune e codificata. Farlo nell’anno in cui si festeggiano i 600 anni del Drapò, con una specifica campagna del Consiglio regionale del Piemonte, assume un significato ancora più profondo, in quanto sia la bandiera, sia la lingua, sono due fondamenti principali su cui si identifica un popolo e una Nazione.

Distribuito in maniera gratuita

Il fumetto “Biela trames le nìvole” sarà distribuito in maniera gratuita alle biblioteche piemontesi, per una diffusione della storia di un personaggio cardine della cultura della Città di Biella, per tutta la vita legato al suo territorio.

 

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali