Vinitaly: viticoltura biellese presente in 5 diversi punti

Vinitaly: viticoltura biellese presente in 5 diversi punti
Economia 09 Aprile 2017 ore 11:06

Parte Vinitaly, la principale vetrina enologica italiana, e il Piemonte ne è come sempre uno dei principali protagonisti, con oltre 600 espositori che occupano l’intero Padiglione 10, ampliato e rinnovato per dare maggiore spazio ai tanti produttori della nostra regione. La sua produzione, con 2 milioni e mezzo di ettolitri - in crescita del 3% rispetto al 2015 - rappresenta solo il 5% della produzione vinicola nazionale ma può vantare una presenza molto qualificata: con 17 Docg e 42 Doc, che coprono oltre l’80% della produzione totale, il Piemonte è infatti la regione italiana con il maggior numero di denominazioni di origine. 
La presenza piemontese al Vinitaly - frutto della collaborazione tra Regione Piemonte, Piemonte Land of Perfection (che raggruppa i Consorzi di Tutela) e Unioncamere Piemonte - potrà contare su un’area espositiva collettiva, allo scopo di valorizzare e promuovere l’immagine unitaria e coordinata del sistema Piemonte: al suo interno, un’area per l’accoglienza e la degustazione e uno spazio incontri, che accoglierà un programma di eventi e di manifestazioni dedicate alle novità, iniziative e progetti della vitivinicoltura piemontese. L’immagine utilizzata per l’allestimento dell’area nasce da un concorso di giovani artisti, promosso da Regione Piemonte e Artissima, Internazionale d’Arte contemporanea di Torino. Il progetto che rappresenterà l’immagine istituzionale del Piemonte è quello di Giuseppe Abate, scelto per la sua capacità di evocare – ispirandosi alla precisione delle illustrazioni botaniche - la ricchezza e l’eterogeneità del patrimonio naturale della nostra regione. 
La viticoltura biellese, che da qualche tempo sta offrendo interessanti segni di rinascita, con nuovi produttori e ambiziosi progetti, sarà ben rappresentata, in cinque diversi punti: allo stand I3 del Padiglione 10, l’Associazione Colline Biellesi (che raggruppa 14 aziende vitivinicole della provincia); sempre nel Padiglione 10, nello stand E3-3 dei Nebbioli Alto Piemonte, ci saranno tre aziende: La Prevostura di Lessona, Le Pianelle e Roccia Rossa di Brusnengo; l’azienda Sperino di Lessona sarà invece presente nello stand A-2 del padiglione 12. Una degustazione in grande stile dei vini biellesi è organizzata dall’Associazione Vignaioli Colline Biellesi, martedì 11 aprile, alle 11: una Master Class con Kerin O’Keefe, scrittrice e giornalista enologica statunitense. 
Simona Perolo 

Parte Vinitaly, la principale vetrina enologica italiana, e il Piemonte ne è come sempre uno dei principali protagonisti, con oltre 600 espositori che occupano l’intero Padiglione 10, ampliato e rinnovato per dare maggiore spazio ai tanti produttori della nostra regione. La sua produzione, con 2 milioni e mezzo di ettolitri - in crescita del 3% rispetto al 2015 - rappresenta solo il 5% della produzione vinicola nazionale ma può vantare una presenza molto qualificata: con 17 Docg e 42 Doc, che coprono oltre l’80% della produzione totale, il Piemonte è infatti la regione italiana con il maggior numero di denominazioni di origine. 
La presenza piemontese al Vinitaly - frutto della collaborazione tra Regione Piemonte, Piemonte Land of Perfection (che raggruppa i Consorzi di Tutela) e Unioncamere Piemonte - potrà contare su un’area espositiva collettiva, allo scopo di valorizzare e promuovere l’immagine unitaria e coordinata del sistema Piemonte: al suo interno, un’area per l’accoglienza e la degustazione e uno spazio incontri, che accoglierà un programma di eventi e di manifestazioni dedicate alle novità, iniziative e progetti della vitivinicoltura piemontese. L’immagine utilizzata per l’allestimento dell’area nasce da un concorso di giovani artisti, promosso da Regione Piemonte e Artissima, Internazionale d’Arte contemporanea di Torino. Il progetto che rappresenterà l’immagine istituzionale del Piemonte è quello di Giuseppe Abate, scelto per la sua capacità di evocare – ispirandosi alla precisione delle illustrazioni botaniche - la ricchezza e l’eterogeneità del patrimonio naturale della nostra regione. 
La viticoltura biellese, che da qualche tempo sta offrendo interessanti segni di rinascita, con nuovi produttori e ambiziosi progetti, sarà ben rappresentata, in cinque diversi punti: allo stand I3 del Padiglione 10, l’Associazione Colline Biellesi (che raggruppa 14 aziende vitivinicole della provincia); sempre nel Padiglione 10, nello stand E3-3 dei Nebbioli Alto Piemonte, ci saranno tre aziende: La Prevostura di Lessona, Le Pianelle e Roccia Rossa di Brusnengo; l’azienda Sperino di Lessona sarà invece presente nello stand A-2 del padiglione 12. Una degustazione in grande stile dei vini biellesi è organizzata dall’Associazione Vignaioli Colline Biellesi, martedì 11 aprile, alle 11: una Master Class con Kerin O’Keefe, scrittrice e giornalista enologica statunitense. 
Simona Perolo