BILANCIO 2020

Turismo travolto dal Covid: il Piemonte ha perso metà di arrivi e presenze

Ma si toccano anche punte del -67 per cento per il turismo internazionale. Cirio: "Per il 2021, l'obiettivo è reperire più fondi possibili".

Turismo travolto dal Covid: il Piemonte ha perso metà di arrivi e presenze
Economia Biella Città, 24 Aprile 2021 ore 08:00

Arrivi e presenze ridotti di oltre il 50 per cento, con punte del 67 per cento per il turismo internazionale. Questo quanto emerge dall'analisi sul 2020 in Piemonte, resa nota dalla Regione.

L'analisi sul turismo in Piemonte

Le aree che hanno visto un calo minore sono il territorio dell'ATL del Cuneese con -39% di arrivi e presenze e Biella, Valsesia e Vercelli con -35% di presenze e -42% di arrivi.

Questi dati sono in linea con le rilevazioni nazionali, illustra la Regione Piemonte: "ma con una parziale ripresa nei mesi di agosto, settembre e ottobre, grazie all’ottima iniziativa dei Voucher Vacanza “Sei nostro ospite 2 notti su 3” della campagna #RipartiPiemonte, con 32mila coupon venduti che hanno portato sul territorio più di 345mila presenze e una ricaduta di oltre 45 milioni di euro.
Segnali positivi arrivano anche dalle buone performance nelle recensioni online sulla ricettività e la ristorazione piemontese, che registrano un “sentiment” superiore alla media italiana, con il record di Langhe Monferrato Roero (89,9/100) e dalla tenuta delle imprese del settore, che nel 2020 non ha visto aumentare le cessazioni di attività. L’estate ai laghi ha mantenuto sostanzialmente la quota 2019 di turisti italiani e, in generale, nelle strutture extralberghiere piemontesi la presenza di giovani fra i 19 e 24 anni è aumentata di circa il 6,5 per cento".

Servono altri fondi

Il bilancio della stagione turistica 2020 in Piemonte è stato redatto dall’Osservatorio Turistico Regionale che opera in VisitPiemonte - DMO:

“I dati definitivi confermano che il 2020 è stato un anno difficile per il turismo piemontese, una crisi senza precedenti a cui abbiamo cercato di reagire con il massimo sforzo possibile, attraverso tutte le iniziative di RipartiTurismo. Dai bonus a fondo perduto per le attività ricettive alberghiere e extralberghiere, ai voucher vacanza; dai sostegni ai Consorzi turistici e alle Agenzie Turistiche Locali, al programma integrato di marketing turistico, fino al bonus ai maestri di sci alpino e di snowboard. Tutte risorse economiche che hanno rappresentato una boccata di ossigeno per gli operatori del settore e per i professionisti della montagna - commentano il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e l’assessore alla Cultura, Turismo e Commercio Poggio Vittoria - Nel bilancio preventivo 2021 i fondi stanziati per il turismo sono notevoli e ammontano complessivamente a 35 milioni di euro, ma contiamo di trovare ulteriori supporti nel Recovery Plan, nei progetti per i fondi europei scritti con il territorio, che saranno la benzina da mettere nel motore del Piemonte, e con il dossier di candidatura come Regione Europea dello Sport 2022 presentato a Roma lo scorso 12 aprile".