Trump? Oltre metà la vede grigia

Trump? Oltre metà la vede grigia
Economia 07 Febbraio 2017 ore 15:35

MILANO - Imprevedibile per il 23%, per il 15% pericoloso per l’economia italiana, soprattutto per i produttori più piccoli e meno “difesi”, mentre un 23% paventa un “effetto psicologico negativo” a prescindere dai provvedimenti economici che prenderà il neo presidente Trump. Lo dicono gli imprenditori del tessile ai microfoni del massmediologo Klaus Davi, riuniti a Milano Unica nei giorni scorsi. Ma un consistente 33% guarda al tycoon Usa come a un’opportunità, soprattutto in una logica di protezione della manifattura. Una stragrande maggioranza degli imprenditori italiani del tessile (il 67%) però confida nella capacità delle istituzioni di tutelare un settore chiave dell’economia italiana. Il fenomeno Trump preoccupa i big dell’industria tessile che con un fatturato di 7,86 miliardi di euro nel 2016 ed esportazioni negli Stati Uniti per 137 milioni di euro guarda con estrema attenzione a cosa succede oltreoceano. La ricerca è stata condotta dall’agenzia di comunicazione Klaus Davi su 150 espositori riuniti a Milano Unica che contestualmente ha diffuso una anticipazione di un documentario video sul settore con i commenti di produttori e brand, pubblicato su YouTube.

R.A.

MILANO - Imprevedibile per il 23%, per il 15% pericoloso per l’economia italiana, soprattutto per i produttori più piccoli e meno “difesi”, mentre un 23% paventa un “effetto psicologico negativo” a prescindere dai provvedimenti economici che prenderà il neo presidente Trump. Lo dicono gli imprenditori del tessile ai microfoni del massmediologo Klaus Davi, riuniti a Milano Unica nei giorni scorsi. Ma un consistente 33% guarda al tycoon Usa come a un’opportunità, soprattutto in una logica di protezione della manifattura. Una stragrande maggioranza degli imprenditori italiani del tessile (il 67%) però confida nella capacità delle istituzioni di tutelare un settore chiave dell’economia italiana. Il fenomeno Trump preoccupa i big dell’industria tessile che con un fatturato di 7,86 miliardi di euro nel 2016 ed esportazioni negli Stati Uniti per 137 milioni di euro guarda con estrema attenzione a cosa succede oltreoceano. La ricerca è stata condotta dall’agenzia di comunicazione Klaus Davi su 150 espositori riuniti a Milano Unica che contestualmente ha diffuso una anticipazione di un documentario video sul settore con i commenti di produttori e brand, pubblicato su YouTube.

R.A.