Economia

Tre le aziende biellesi in missione in Russia

Economia 22 Aprile 2009 ore 21:50
Tre le aziende biellesi
in missione in Russia

Ma.Al.Bi., Arazzo e Gabella Macchine hanno partecipato
all'iniziativa imprenditoriale guidata da Confindustria

(9 apr) «E’ un’iniziativa ciclopica sia per le risorse investite che per l’opportunità di contatti messi in pista». Così Marco Della Croce, titolare di Ma.Al.Bi., consigliere incaricato dell'area internazionale dell'Unione Industriale Biellese e vicepresidente della Fondazione “Biella The Art of Excellence.”, commenta la buona riuscita della missione imprenditoriale in Russia che si conclude oggi.
Sono tre le imprese biellesi che hanno partecipato all’iniziativa. Oltre a Ma.Al.Bi, azienda produttrice di accessori tessili di Cerrione, figurano anche Arazzo, ditta di Vigliano Biellese specializzata nei tessuti per arredamento, e Gabella Macchine di Crevacuore, attiva fin dagli Anni 30 nella costruzione di macchine utensili per la lavorazione della lamiera.
 

Tre le aziende biellesi
in missione in Russia
Ma.Al.Bi., Arazzo e Gabella Macchine hanno partecipato
all'iniziativa imprenditoriale guidata da Confindustria

«E’ un’iniziativa ciclopica sia per le risorse investite che per l’opportunità di contatti messi in pista». Così Marco Della Croce, titolare di Ma.Al.Bi., consigliere incaricato dell'area internazionale dell'Unione Industriale Biellese e vicepresidente della Fondazione “Biella The Art of Excellence.”, commenta la buona riuscita della missione imprenditoriale in Russia che si conclude oggi. «Nonostante la crisi - aggiunge Della Croce - l’amore per il made in Italy dei clienti russi continua ad essere forte: negli incontri business to business, è emerso un particolare interesse per le opportunità legate ai tessuti, magari anche attraverso la realizzazione di joint venture o partnership». Mentre per l’imprenditore la missione è stata un’occasione per rinverdire i contatti con i propri clienti (il mercato russo rappresenta circa il 3 per cento del fatturato di Ma.Al.Bi), per Filippo Uecher, titolare di Arazzo, è stata l’opportunità di stringere nuovi e proficui rapporti.
«Mi affaccio per la prima volta al mercato russo -afferma Uecher - e, nella sola giornata di mercoledì avevo in programma 15 incontri. Sono molto soddisfatto della partecipazione alla missione perché sono parecchie le opportunità da cogliere e ho riscontrato grande interesse per i tessuti di arredamento. Un’occasione che, secondo me, avrebbero potuto cogliere molte più aziende del distretto». Sono tre, infatti, le imprese biellesi che hanno partecipato all’iniziativa. Oltre a Ma.Al.Bi, azienda produttrice di accessori tessili di Cerrione, e Arazzo, ditta di Vigliano Biellese specializzata nei tessuti per arredamento, figura anche la Gabella Macchine di Crevacuore, attiva fin dagli Anni 30 nella costruzione di macchine utensili per la lavorazione della lamiera. «Abbiamo partecipato a tre fiere del settore in Russia - spiega Paolo Gabella - e abbiamo colto l’occasione della missione per espandere il nostro mercato in un’altra zona, quella di Ekaterinburg. Negli ultimi anni il mercato russo, che prima era appannaggio dei concorrenti tedeschi, sta mostrando interessanti opportunità». Anche Biella, dunque, ha preso parte alla missione organizzata da Governo, Ice, Confindustria e Abi, che ha visto la partecipazione di oltre 500 aziende, 900 imprenditori, 12 gruppi bancari e 39 tra associazioni industriali ed enti, la più grande del genere mai realizzata. La delegazione imprenditoriale è stata guidata dal ministro per lo Sviluppo Economico, Claudio Scajola, e dal sottosegretario Adolfo Urso, con i vertici dei tre enti organizzatori: Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria, Umberto Vattani, presidente dell’Ice e Corrado Faissola, presidente dell’Abi.
L.R.

9 aprile 2009

Seguici sui nostri canali