Economia

Tessile-moda: I trimestre lento

Tessile-moda: I trimestre lento
Economia 17 Maggio 2016 ore 13:18

È debole la crescita di fatturato che le aziende del tessile-abbigliamento-moda made in Italy hanno fatto registrare nel primo trimestre dell’anno. I dati sono ancora provvisori, certo, ma la fotografia che esce dalla nota congiunturale elaborata dal Centro Studi di Smi su un panel di un centinaio di imprese associate per la presentazione della prossima edizione di Pitti Uomo (dal 14 al 17 giugno a Firenze) è quella di una macchina con il freno a mano tirato: +0,3%. «Il mercato nazionale - commenta, infatti, Cecilia Gilodi del Centro studi Smi -, pur in rallentamento rispetto al calo più deciso registrato nel primo trimestre del 2015, frena al -0,7%, mentre le vendite estere mostrano una crescita del +3%. Tra i segmenti best performer oltreconfine si annoverano la maglieria e l’abbigliamento, nonché la tessitura laniera. Viceversa, archiviano negativamente il primo trimestre, le aziende a campione operanti nella filatura laniera, nella tessitura serica e nel tessile-casa. La stessa nobilitazione resta confinata nell’intorno del -1%».

Giovanni Orso

Leggi di più sull'Eco di Biella di lunedì 16 maggio 2016 

È debole la crescita di fatturato che le aziende del tessile-abbigliamento-moda made in Italy hanno fatto registrare nel primo trimestre dell’anno. I dati sono ancora provvisori, certo, ma la fotografia che esce dalla nota congiunturale elaborata dal Centro Studi di Smi su un panel di un centinaio di imprese associate per la presentazione della prossima edizione di Pitti Uomo (dal 14 al 17 giugno a Firenze) è quella di una macchina con il freno a mano tirato: +0,3%. «Il mercato nazionale - commenta, infatti, Cecilia Gilodi del Centro studi Smi -, pur in rallentamento rispetto al calo più deciso registrato nel primo trimestre del 2015, frena al -0,7%, mentre le vendite estere mostrano una crescita del +3%. Tra i segmenti best performer oltreconfine si annoverano la maglieria e l’abbigliamento, nonché la tessitura laniera. Viceversa, archiviano negativamente il primo trimestre, le aziende a campione operanti nella filatura laniera, nella tessitura serica e nel tessile-casa. La stessa nobilitazione resta confinata nell’intorno del -1%».

Giovanni Orso

Leggi di più sull'Eco di Biella di lunedì 16 maggio 2016 

Seguici sui nostri canali