Economia

Première Vision parla italiano

Première Vision parla italiano
Economia 20 Settembre 2012 ore 12:45

Riflettori accesi sulla Senna, da ieri sino a venerdì prossimo, per Première Vision, il salone internazionale del tessile-abbigliamento. Al Parc des Expositions di Paris Nord Villepinte, 745 marchi del settore, provenienti da oltre 30 Paesi di tutto il mondo, si sono dati appuntamento per la presentazione delle collezione dei tessuti per l’autunno/inverno 2013/2014.

Se Milano Unica è divenuta ormai la manifestazione di riferimento del made in Italy, Première Vision conferma la sua vocazione di palcoscenico delle produzioni internazionali.Espositori. Un palcoscenico su cui, peraltro, continuano ad esibirsi molte aziende italiane polarizzate sul prodotto moda donna. Così, dei 745 exposants di quest’edizione, ben 352 sono italiani, distribuiti nei vari settori in cui la manifestazione si articola: Seduction (192), Distinction (85), Relax (46), Pulsation (10), Altro (9) e Knitwear Solutions (10). Tra gli espositori italiani, spicca la squadra dei 23 espositori biellesi.Molto al di sotto della soglia rappresentata dall’Italia, in seconda posizione, stano gli exposants francesi (90), mentre la terza posizione è detenuta dalla Turchia, con 63 espositori.Nonostante le difficoltà economiche del momento, il salone parigino ha fatto registrare, in questa edizione di settembre, un aumento degli espositori: sono infatti 34 i nuovi tessitori che fanno quest’anno ingresso a Première Vision. Tra questi, gli italiani Coronet, Elleti, Marzotto Group-Radaelli Velluti/Niedeck, Destro Diffusione, Flem, Primatex By G&B, Rodilosso, Italiana Tessuti, Spazio Jersey, Piero Galli, Silk-Co e Tessitura Attilio Imperiali. A queste new entry si affiancano altri 26 espositori di Knitwear Solutions, il nuovo spazio dedicato alla maglieria rettilinea: una piattaforma che accoglie maglifici, filatori e un importante produttore di macchine. Complessivamente, dicono a Première Vision, il salone cresce del +4,3% rispetto all’edizione del settembre 2011.Formula plurale. Ma a crescere, come numero di espositori, sono tutti i saloni raccolti nella formula “Pluriel” che caratterizza Première Vision: da Expofil (cui partecipa la biellese Sinterama, leader europeo dei filati poliestere) che vede aggiungersi 10 nuovi espositori al parterre, giungendo a quota 51, a Indigo (+5%), a Modamont (+13%), a Le Cuir à Paris (+17%) sino a Zoom by Fatex (+4,5%). Complessivamente, nella sua versione “Pluriel) il salone si arricchisce di 173 nuovi espositori con una crescita del 9% rispetto all’edizione settembre 2012.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter