AZIENDE

Paolo Torello Viera lascia il Lanificio Cerruti

Aveva preso la guida della storica attività cittadina 19 mesi fa.

Paolo Torello Viera lascia il Lanificio Cerruti
Biella Città, 03 Marzo 2020 ore 19:59

Paolo Torello Viera, amministratore delegato del gruppo Lanificio Cerruti dal luglio 2018, lascia l’incarico per motivi personali. Il Lanificio F.lli Cerruti ha attribuito ad Alessandro Cannas, sino a oggi CFO, i poteri di amministratore delegato ad interim della società. Torello Viera, biellese, era entrato in campo al momento dell’acquisizione da parte di Njord Partners dell’80% della società biellese direttamente da Nino Cerruti e famiglia.

Il manager: “E’ ora di tornare negli States”

“Dopo un periodo di riflessioni – ha commentato Torello Viera -, sono giunto alla decisione, seppur sofferta, che sia arrivato il momento di tornare in America ricongiungendomi alla mia famiglia. Sono riconoscente a Njord per aver compreso e agevolato la scelta. Continuerò a seguire anche dall’altra parte dell’Oceano i successi ‘dell’unico lanificio dentro le mura di Biella’”.

Njord Partners: punto vendita in Italia centrale e investimenti in sala tessitura

“Ringraziamo Paolo Torello Viera per il lavoro svolto dal suo ingresso in azienda sino a oggi – ha aggiunto Arvid Trolle, portfolio manager di Njord Partners -. Paolo ha guidato il delicato momento del passaggio di proprietà e ha supportato il rilancio dell’azienda. Lanificio F.lli Cerruti  è un gruppo leader nel suo settore che, pur in un momento delicato e complesso come quello odierno, ha grandi potenzialità di crescita e sviluppo. Tra i progetti che vedranno la luce entro il 2020, un nuovo punto vendita in Italia Centrale e un investimento importante nella sala tessitura e nelle nuove linee di collezione di ricerca e performanti”.

ECO DI BIELLA EDIZIONE DIGITALE la tua copia a 0,99 euro

LE ALTRE NOTIZIE NELLA HOME

SU FACEBOOK ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO prima BIELLA

SU TWITTER SEGUI @ecodibiella

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità