Numero di imprese: nel terzo trimestre il sistema biellese resta fermo (-0,05%)

Numero di imprese: nel terzo trimestre il sistema biellese resta fermo (-0,05%)
Economia 20 Ottobre 2016 ore 15:07

Resta sostanzialmente stabile il numero delle imprese piemontesi nel terzo trimestre 2016. Il dato arriva dalle rilevazioni di Unioncamere Piemonte Tra luglio-settembre scorsi, infatti, sono nate in Piemonte  4.581 aziende: dato inferiore rispetto a quello registrato nel corso dello stesso periodo 2015 (4.960). Sottraendo le 4.057 cessazioni (valutate al netto delle cancellazioni d’ufficio), il saldo appare positivo per 524 unità (nel terzo trimestre 2015 il saldo era stato di +610 unità), dato che porta a 440.987 lo stock di imprese complessivamente registrate a fine settembre 2016 presso il Registro delle imprese delle Camere di commercio piemontesi. Il bilancio tra nuove iscrizioni e cessazioni si traduce in un tasso di crescita del +0,12%, analogo rispetto a quello registrato nello stesso periodo del 2015 (+0,14%) e di poco inferiore rispetto a quello rilevato a livello medio nazionale (+0,27%). La stazionarietà evidenziata dalle imprese a livello regionale è il risultato di performance piatte registrate in tutte le province piemontesi. Novara e Asti hanno manifestato le dinamiche maggiormente positive: per entrambe il tasso di crescita è risultato pari a +0,17%. Torino ha realizzato una performance lievemente superiore alla media regionale (+0,14%), mentre un dato assolutamente in linea con quello piemontese è stato registrato dal tessuto imprenditoriale vercellese (+0,12%). Cuneo, Alessandria e Verbania, con tassi di crescita rispettivamente pari a +0,09%, +0,08% e +0,07%, hanno prodotto le dinamiche positive più deboli; negativo, seppur di poco, il dato del biellese (-0,05%). Dall’analisi per classe di natura giuridica, si osserva  inoltre come, ancora una volta, siano le società di capitale (+0,56%) a realizzare il risultato migliore, seguite dalle altre forme (+0,35%). Le ditte individuali crescono a un tasso piatto (+0,09%), mentre risulta in flessione la base imprenditoriale costituita dalle società di persone (-0,14%). Analizzando, infine, l’andamento del tessuto imprenditoriale regionale in base ai settori di attività economica emerge come, nel periodo luglio-settembre 2016, i tassi di variazione percentuale trimestrale dello stock delle imprese registrate in Piemonte appaiano debolmente positivi o stazionari per tutti i principali comparti produttivi. L’unico settore con il segno meno risulta essere quello dell’industria manifatturiera che, tuttavia, evidenzia una flessione debolissima (-0,08%). Dopo l’agricoltura e le costruzioni, che registrano un +0,07% si colloca il comparto del commercio, con un tasso di crescita pari a +0,08%. Lievemente migliori i risultati ottenuti dagli altri servizi (+0,33%) e dal turismo (+0,53%).«I dati del Registro imprese ci confermano una difficoltà diffusa delle imprese piemontesi a rimanere sul mercato in modo stabile e duraturo - commenta  il presidente di Unioncamere Piemonte, Ferruccio Dardanello (in foto) -. Ancora una volta, a resistere sono le realtà più strutturate, quelle con un patrimonio aziendale più solido e una struttura economico-finanziaria in grado di offrire più garanzie per il credito. L’attenzione delle istituzioni deve quindi rivolgersi in modo puntuale a tutte le altre aziende, che rappresentano la maggioranza del nostro tessuto imprenditoriale».

Giovanni Orso

 

Resta sostanzialmente stabile il numero delle imprese piemontesi nel terzo trimestre 2016. Il dato arriva dalle rilevazioni di Unioncamere Piemonte Tra luglio-settembre scorsi, infatti, sono nate in Piemonte  4.581 aziende: dato inferiore rispetto a quello registrato nel corso dello stesso periodo 2015 (4.960). Sottraendo le 4.057 cessazioni (valutate al netto delle cancellazioni d’ufficio), il saldo appare positivo per 524 unità (nel terzo trimestre 2015 il saldo era stato di +610 unità), dato che porta a 440.987 lo stock di imprese complessivamente registrate a fine settembre 2016 presso il Registro delle imprese delle Camere di commercio piemontesi. Il bilancio tra nuove iscrizioni e cessazioni si traduce in un tasso di crescita del +0,12%, analogo rispetto a quello registrato nello stesso periodo del 2015 (+0,14%) e di poco inferiore rispetto a quello rilevato a livello medio nazionale (+0,27%). La stazionarietà evidenziata dalle imprese a livello regionale è il risultato di performance piatte registrate in tutte le province piemontesi. Novara e Asti hanno manifestato le dinamiche maggiormente positive: per entrambe il tasso di crescita è risultato pari a +0,17%. Torino ha realizzato una performance lievemente superiore alla media regionale (+0,14%), mentre un dato assolutamente in linea con quello piemontese è stato registrato dal tessuto imprenditoriale vercellese (+0,12%). Cuneo, Alessandria e Verbania, con tassi di crescita rispettivamente pari a +0,09%, +0,08% e +0,07%, hanno prodotto le dinamiche positive più deboli; negativo, seppur di poco, il dato del biellese (-0,05%). Dall’analisi per classe di natura giuridica, si osserva  inoltre come, ancora una volta, siano le società di capitale (+0,56%) a realizzare il risultato migliore, seguite dalle altre forme (+0,35%). Le ditte individuali crescono a un tasso piatto (+0,09%), mentre risulta in flessione la base imprenditoriale costituita dalle società di persone (-0,14%). Analizzando, infine, l’andamento del tessuto imprenditoriale regionale in base ai settori di attività economica emerge come, nel periodo luglio-settembre 2016, i tassi di variazione percentuale trimestrale dello stock delle imprese registrate in Piemonte appaiano debolmente positivi o stazionari per tutti i principali comparti produttivi. L’unico settore con il segno meno risulta essere quello dell’industria manifatturiera che, tuttavia, evidenzia una flessione debolissima (-0,08%). Dopo l’agricoltura e le costruzioni, che registrano un +0,07% si colloca il comparto del commercio, con un tasso di crescita pari a +0,08%. Lievemente migliori i risultati ottenuti dagli altri servizi (+0,33%) e dal turismo (+0,53%).«I dati del Registro imprese ci confermano una difficoltà diffusa delle imprese piemontesi a rimanere sul mercato in modo stabile e duraturo - commenta  il presidente di Unioncamere Piemonte, Ferruccio Dardanello (in foto) -. Ancora una volta, a resistere sono le realtà più strutturate, quelle con un patrimonio aziendale più solido e una struttura economico-finanziaria in grado di offrire più garanzie per il credito. L’attenzione delle istituzioni deve quindi rivolgersi in modo puntuale a tutte le altre aziende, che rappresentano la maggioranza del nostro tessuto imprenditoriale».

Giovanni Orso