Economia

Nasce il cluster tecnologico “Made in Italy”

Nasce il cluster tecnologico “Made in Italy”
Economia 21 Novembre 2017 ore 12:04

Il Cluster  tecnologico nazionale “Made in Italy” è diventato realtà. Nei giorni scorsi, infatti, si è ufficialmente costituita l’associazione Cluster  “Made in Italy”. Si tratta di un’alleanza tra settore pubblico e settore privato, coordinata da Smi, per far dialogare in modo più fluido e strutturato Università, mondo della ricerca e aziende delle filiere del “Bello e Ben fatto” operative nei segmenti produttivi del tessile-abbigliamento, delle scarpe e accessori in pelle, degli occhiali, delle pellicce, ma anche in quelli dell’oreficeria, dell’arredo e dei suoi complementi. Il coinvolgimento  vedrà però parte in causa, fin dalle prime battute (le attività del Cluster inizieranno in dicembre) anche i settori agroalimentare e meccanico. Finalità essenziale è il sostegno alla crescita economica e sostenibile dei settori produttivi coinvolti.
Il progetto di Cluster Made in Italy era stato presentato al Miur, il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, nell’ottobre 2016. Solo a fine luglio, il Ministero ne ha concluso l’analisi tecnico-scientifica, riconoscendo la validità della proposta. Ora, la neocostituita associazione, chiederà subito il riconoscimento giuridico, (come previsto dallo stesso Miur): il Cluster, infatti, rappresenterà, in forma coordinata, il sistema del made in Italy anche sui livelli internazionali, favorendo e rafforzando collaborazioni e partnership in materia di ricerca e innovazione.
Ventidue sono i soci fondatori, rappresentati da sette associazioni nazionali (tra cui quelle confindustriali merceologicamente competenti, Cna e Confartigianato), da sette tra Cluster regionali, Poli di Innovazione (fra i quali spicca Po.in.tex con sede a Città Studi), Centri Tecnologici, Agenzie di sviluppo, rappresentanze territoriali, e da otto fra enti di ricerca e Università. Ad essi, a breve, si uniranno altri 13 soci (tra cui, Cnr, Enea, la Stazione Sperimentale per l’industria delle Pelli e delle Materie Concianti, altre associazioni ed Università), che completeranno il team di partenza. Ai soci fondatori spetterà ora l’importante compito di avviare l’attività del Cluster, rodare e affinare il modello organizzativo (che è piuttosto articolato per tenere conto delle molteplici filiere, settori, regioni e stakeholders partecipanti) e iniziare a redigere il Piano d’Azione triennale richiesto dal Miur.
Giovanni Orso

Nella foto il presidente del Cluster Alberto Paccanelli, imprenditore tessile bergamasco

Il Cluster  tecnologico nazionale “Made in Italy” è diventato realtà. Nei giorni scorsi, infatti, si è ufficialmente costituita l’associazione Cluster  “Made in Italy”. Si tratta di un’alleanza tra settore pubblico e settore privato, coordinata da Smi, per far dialogare in modo più fluido e strutturato Università, mondo della ricerca e aziende delle filiere del “Bello e Ben fatto” operative nei segmenti produttivi del tessile-abbigliamento, delle scarpe e accessori in pelle, degli occhiali, delle pellicce, ma anche in quelli dell’oreficeria, dell’arredo e dei suoi complementi. Il coinvolgimento  vedrà però parte in causa, fin dalle prime battute (le attività del Cluster inizieranno in dicembre) anche i settori agroalimentare e meccanico. Finalità essenziale è il sostegno alla crescita economica e sostenibile dei settori produttivi coinvolti.
Il progetto di Cluster Made in Italy era stato presentato al Miur, il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, nell’ottobre 2016. Solo a fine luglio, il Ministero ne ha concluso l’analisi tecnico-scientifica, riconoscendo la validità della proposta. Ora, la neocostituita associazione, chiederà subito il riconoscimento giuridico, (come previsto dallo stesso Miur): il Cluster, infatti, rappresenterà, in forma coordinata, il sistema del made in Italy anche sui livelli internazionali, favorendo e rafforzando collaborazioni e partnership in materia di ricerca e innovazione.
Ventidue sono i soci fondatori, rappresentati da sette associazioni nazionali (tra cui quelle confindustriali merceologicamente competenti, Cna e Confartigianato), da sette tra Cluster regionali, Poli di Innovazione (fra i quali spicca Po.in.tex con sede a Città Studi), Centri Tecnologici, Agenzie di sviluppo, rappresentanze territoriali, e da otto fra enti di ricerca e Università. Ad essi, a breve, si uniranno altri 13 soci (tra cui, Cnr, Enea, la Stazione Sperimentale per l’industria delle Pelli e delle Materie Concianti, altre associazioni ed Università), che completeranno il team di partenza. Ai soci fondatori spetterà ora l’importante compito di avviare l’attività del Cluster, rodare e affinare il modello organizzativo (che è piuttosto articolato per tenere conto delle molteplici filiere, settori, regioni e stakeholders partecipanti) e iniziare a redigere il Piano d’Azione triennale richiesto dal Miur.
Giovanni Orso

Nella foto il presidente del Cluster Alberto Paccanelli, imprenditore tessile bergamasco

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter