Menu
Cerca

L’Iti di Biella in lizza per il “Premio Meroni 2019”

Il progetto "Amare la montagna" è stato riconosciuto come esempio da imitare e forma di cultura dell'ambiente.

L’Iti di Biella in lizza per il “Premio Meroni 2019”
Economia 02 Novembre 2019 ore 17:00

Nomination per il progetto di cura dei sentieri biellesi “Amare la montagna”. L’Iti di Biella il 22 novembre sarà a Milano per le premiazioni.

Il progetto virtuoso, l’Iti di Biella tra i 25 selezionati

L’Iis “Q. Sella” in nomination per l’attribuzione del “Premio Meroni 2019″, categoria “Cultura”, tra le 25 candidature selezionate. Quella dell’Iti di Biella è stata voluta dal dottor Eugenio Zamperone, presidente della sezione di Biella del C.A.I., che condurrà la scuola alla premiazione che si terrà a Milano il 22 novembre all’Università degli Studi di Milano.

Il “Premio Marcello Meroni”, promosso dalla Scuola di alpinismo e sci-alpinismo “Silvio Saglio” della sezione CAI-SEM di Milano e dalla Scuola regionale lombarda di alpinismo del Club Alpino Italiano, ricorda l’istruttore di sci-alpinismo della scuola, istruttore nazionale di alpinismo, ghiacciatore provetto, scrittore, ma appassionato di  montagna.
Il premio a lui dedicato ha l’obiettivo di individuare talenti che per conoscenze, capacità e doti umane rappresentano importanti esempi positivi da far conoscere e imitare.

Obiettivo: far rivivere i sentieri montani dismessi

A questi requisiti risponde il progetto “Amare la montagna”, nato nel 2013-14 da un’intuizione della professoressa Daniela Azario che, constatando lo spopolamento dei sentieri biellesi, anche a causa dell’assenza o delle cattive condizioni della segnaletica, ha ideato per gli studenti un’attività che li spingesse a vivere maggiormente all’aria aperta, a conoscere il territorio e a rendersi utili ripristinando le vie che percorrevano, con l’aiuto e la collaborazione del CAI e del Panathlon di Biella. Avviata con 7 studenti, nel corso delle estati successive, si è arrivati a 118 e, in sei anni, a 36 sentieri biellesi ripuliti e restaurati.

LEGGI ANCHE ALTRE NOTIZIE SU ECO DI BIELLA

SU FACEBOOK SEGUI anche la nostra pagina ufficiale Eco di Biella: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

SU TWITTER SEGUI @ECODIBIELLA

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli