i dati

Lavoro biellese: a luglio, 1.040 assunzioni (poche stabili)

Nel 72% dei casi riguarderanno i servizi. Contratti stabili solo nel 28% dei casi

Lavoro biellese: a luglio, 1.040 assunzioni (poche stabili)
Economia Biella Città, 18 Luglio 2021 ore 09:05

Lavoro biellese: a luglio, 1.040 assunzioni (poche stabili)

Proseguono i segnali di ripresa nell’occupazione piemontese. Sono, infatti, circa 33.880 i contratti programmati dalle imprese piemontesi per luglio 2021, 19.340 unità in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e 5.590 unità in più rispetto all’analogo periodo del 2019, quando il mercato del lavoro non aveva ancora dovuto affrontare le problematiche causate dalla pandemia da Covid-19. I segnali di ripresa vengono confermati nell’ultima indagine mensile del Sistema Excelsior. Nel Quadrante Piemonte Orientale, le nuove entrate previste a luglio, secondo i dati elaborati dalla Camera di Commercio Monte Rosa, Laghi, Alto Piemonte sono 6.150 i contratti programmati dalle imprese delle province di Biella, Novara, Verbano Cusio Ossola e Vercelli per luglio 2021, 3.310 unità in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con un incremento di 640 unità rispetto all’analogo periodo del 2019.

Le assunzioni

Delle nuove 33.380 assunzioni piemontesi, il 75,7% riguarderà lavoratori dipendenti, il 17,4% lavoratori somministrati, il 2,5% collaboratori e il 4,3% altri lavoratori non alle dipendenze. Nel 22% dei casi le entrate previste saranno stabili, ossia con un contratto a tempo indeterminato o di apprendistato, mentre nel 78% saranno a termine (a tempo determinato o altri contratti con durata predefinita). Complessivamente, nel trimestre luglio-settembre 2021 le entrate stimate ammonteranno a 85.370, il 6,7% delle 1.280.460 programmate a livello nazionale.

Nel Biellese

In provincia d Biella, le entrate programmate a luglio 2021 ammontano a 1.040, 440 unità in più rispetto a luglio 2020 e 70 in meno rispetto a luglio 2019. Nel 28% dei casi le entrate saranno stabili, con contratto a tempo indeterminato o di apprendistato, mentre nel restante 72% si tratterà di contratti a termine. Sotto il profilo settoriale le assunzioni si concentreranno prevalentemente nei servizi (72% dei casi); oltre la metà delle entrate, inoltre, troverà collocazione in imprese con più di 50 dipendenti. Per quanto riguarda il profilo professionale, il 16% dei contratti sarà destinato a dirigenti, specialisti e tecnici, quota allineata alla media nazionale, mentre il 13% delle entrate interesserà personale laureato. La domanda di giovani under 30 riguarderà, invece, il 31% delle entrate provinciali. In 35 casi su 100 le imprese biellesi prevedono difficoltà di reperimento dei profili desiderati. Allargando l’analisi previsionale al trimestre luglio-settembre, le entrate previste saranno complessivamente 2.790. I principali comparti in cui si concentreranno le previsioni di entrata nel trimestre di riferimento sono i servizi alle persone (600 unità), i servizi di alloggio e ristorazione (480), le industrie tessili e dell’abbigliamento (390), il commercio (360) e i servizi di supporto alle imprese e alle persone (150).

G.O.