Inflazione in frenata allo 0,2 per cento

15 Luglio 2009 ore 22:14
Inflazione in frenata
allo 0,2 per cento

Prezzi in calo anche a giugno: -0,2 per cento in un mese

(15 lug) Continua a rimanere su livelli molto contenuti l’inflazione biellese che, a giugno si attesta allo 0,2%, ancora al di sotto della media nazionale che ha raggiunto lo 0,5%. Considerando la variazione degli indici dei prezzi rispetto a maggio, a giugno l’inflazione è addirittura scesa dello 0,2% passando da 119,5 a 119,7 punti dell’indice dei prezzi per l’intera collettività compresi i tabacchi. A livello nazionale, invece, in un mese la variazione è stata positiva, anche se di appena lo 0,1%.

Inflazione in frenata
allo 0,2 per cento

Prezzi in calo anche a giugno. Biella sotto la media nazionale

Continua a rimanere su livelli molto contenuti l’inflazione biellese che, a giugno si attesta allo 0,2%, ancora al di sotto della media nazionale che ha raggiunto lo 0,5%. Considerando la variazione degli indici dei prezzi rispetto a maggio, a giugno l’inflazione è addirittura scesa dello 0,2% passando da 119,5 a 119,7 punti dell’indice dei prezzi per l’intera collettività compresi i tabacchi. A livello nazionale, invece, in un mese la variazione è stata positiva, anche se di appena lo 0,1%. Nel dettaglio, a giugno rispetto allo stesso mese del 2008, sono aumentati maggiormente i prezzi legati a bevande alcoliche e tabacchi (+4,6%), abbigliamento e calzature (+3%), istruzione (+2%) e prodotti alimentari e bevande analcoliche (+1,6%). Salgono, anche se in modo meno evidente, gli indici dei prezzi di mobili e articoli e servizi per la casa (+1,5), quelli per ricreazione, spettacoli, cultura (+1,4%) e per i servizi ricettivi e di ristorazione (+1,4%). Ad aver subito le diminuzioni più consistenti, invece, sono gli indici dei prezzi legati ai trasporti (-5,1%), alle comunicazioni (-1,2%), alle spese per abitazione, acqua, energia elettrica e combustibili (-0,3%) e servizi sanitari e spese per la salute (-0,3%). Rispetto a maggio, invece, l’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di impiegati e operai ha registrato le maggiori contrazioni nei prezzi di spese sanitarie e servizi per la salute (-2,5%) e per le bevande alcoliche e tabacchi (-2,1%) mentre i rincari più forti si sono registrati sui prezzi relativi alle comunicazioni (+3,1%) e su ricreazione, spettacolo e cultura (+1,7%).

15 luglio 2009

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità