Economia

Il tessile biellese incassa un +1,9%

Il tessile biellese incassa un +1,9%
Economia 21 Novembre 2013 ore 13:29

Dopo sette trimestri consecutivi di flessione della produzione industriale, nel III trimestre 2013  si è registrata la tanto attesa inversione di tendenza, anche per quanto riguarda il distretto biellese.

 La prima metà dell’anno si era già caratterizzata per una progressiva attenuazione dell’intensità della contrazione; nel periodo luglio-settembre 2013 la produzione industriale piemontese ha finalmente registrato una variazione tendenziale grezza del +0,6% rispetto al III trimestre del 2012. Per quanto si tratti di un risultato positivo, occorre precisare come il confronto venga effettuato rispetto al trimestre che ha scontato la diminuzione della produzione industriale più intensa tra quelle registrate a partire dal IV trimestre 2011.
 
Risultati. Anche su base congiunturale la performance del comparto manifatturiero regionale appare positiva: l’indice destagionalizzato della produzione industriale ha, infatti, registrato un incremento dello 0,2% rispetto al II trimestre 2012. Sono questi alcuni dei risultati emersi dalla 168ª “Indagine congiunturale sull’industria manifatturiera” realizzata da Unioncamere Piemonte in collaborazione con gli Uffici studi delle Camere di commercio provinciali. La rilevazione è stata condotta nei mesi di ottobre-novembre 2013 con riferimento ai dati del periodo luglio-settembre 2013, e ha coinvolto 1.179 imprese industriali piemontesi, per un numero complessivo di 91.718 addetti e un valore pari a circa 41 miliardi di euro di fatturato.

La performance del comparto manifatturiero regionale rappresenta la sintesi di andamenti territoriali notevolmente differenziati. Il tessuto produttivo della provincia di Torino realizza, così come nel trimestre precedente, il risultato più convincente, con un aumento del 2,0% rispetto al III trimestre 2012. Il buon andamento registrato dalle industrie tessili e dell’abbigliamento fa sì che la provincia di Biella si collochi subito dopo il torinese, registrando un incremento dell’1,9%. L’alessandrino e il cuneese concretizzano variazioni tendenziali della produzione industriale rispettivamente pari al +0,8% e +0,4%. Il segno negativo accomuna, invece, i restanti territori: si passa dalla flessione dello 0,3% del Verbano Cusio Ossola a quella del 2,4% di Asti.
Tra i due estremi si collocano Novara e Vercelli, che scontano contrazioni dell’1,7% e del 2,1%.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter