Economia

Il Primo maggio tra cortei e feste

Il Primo maggio tra cortei e feste
Economia 01 Maggio 2016 ore 11:56

Sono sei donne e un uomo i sette nuovi Maestri del lavoro che domani, durante la consueta festa che si terra? al Conservatorio Verdi di Torino, verranno insigniti dell’ambita Stella al merito del lavoro. I premiati saranno Teresa Arpone (ex operaia alla filatura Astro), Sergio Boggiani (operaio alla G. Vella e figlio graniti sas), Ornella Canale, (quadro alla Fratelli Fila), Donatella Furno Marchese (ex impiegata alla Bernardi Severino), Varnera Leotta (ex operaia alla Fratelli Piacenza), Mimma Pizzato (dirigente al Lanificio Cerruti) e Carla Zanotti (ex impiegata alla Fratelli Piacenza). 
A Biella, il primo maggio, verra? celebrato come di consueto in piazza. Sara? Elena Ferro (segreteria Cgil Piemonte), la relatrice ufficiale in citta?, in occasione della tradizionale manifestazione unitaria di Cgil, Cisl e Uil per il Primo Maggio. “Lavoro, diritti, solidarieta?” e? il titolo che le organizzazioni sindacali hanno scelto per la manifestazione cittadina che, domani, vedra? il ritrovo dei partecipanti, alle 9,30, in Piazza Martiri, un corteo per le vie di Biella e il comizio di Elena Ferro ai Giardini Zumaglini. Il corteo sara? aperto dalla Banda G.Verdi di Biella e chiuso dalla Filarmonica Cossatese. Alle 21, al Teatro Sociale Villani, avra? luogo il concerto della Banda G. Verdi.
Inoltre come ogni anno il primo di maggio Legambiente Biella ed Alp organizzano in ricordo di Tavo Burat la Festa del Maj al Ponte della Maddalena, sul torrente Cervo. Dopo aver issato l'albero di maggio e fatto sventolare il vessillo giacobino piemontese spettera? a Francesco Pelle e Gianmaria Mello Rella il ricordo delle battaglie e dei lavori del Tavo. Francesco e Gianmaria sono stati i redattori dell'inserto grafico della rivista “Il Biellesario”, il mensile che ospitava la rubrica di Tavo “Parle? an salita”. L'inserto, che ha cambiato negli anni la propria denominazione (i primi numeri erano intitolati “ L'effrazione”, poi “ Fango”, infine “Pauta”) e? un stato laboratorio creativo per molti giovanissimi attivisti della sinistra libertaria. L’appuntamento e? dalle 12,30 in poi, con pranzo al sacco.
E.P. 

Leggi di più sull'Eco di Biella di sabato 30 aprile 2016

Sono sei donne e un uomo i sette nuovi Maestri del lavoro che domani, durante la consueta festa che si terra? al Conservatorio Verdi di Torino, verranno insigniti dell’ambita Stella al merito del lavoro. I premiati saranno Teresa Arpone (ex operaia alla filatura Astro), Sergio Boggiani (operaio alla G. Vella e figlio graniti sas), Ornella Canale, (quadro alla Fratelli Fila), Donatella Furno Marchese (ex impiegata alla Bernardi Severino), Varnera Leotta (ex operaia alla Fratelli Piacenza), Mimma Pizzato (dirigente al Lanificio Cerruti) e Carla Zanotti (ex impiegata alla Fratelli Piacenza). 
A Biella, il primo maggio, verra? celebrato come di consueto in piazza. Sara? Elena Ferro (segreteria Cgil Piemonte), la relatrice ufficiale in citta?, in occasione della tradizionale manifestazione unitaria di Cgil, Cisl e Uil per il Primo Maggio. “Lavoro, diritti, solidarieta?” e? il titolo che le organizzazioni sindacali hanno scelto per la manifestazione cittadina che, domani, vedra? il ritrovo dei partecipanti, alle 9,30, in Piazza Martiri, un corteo per le vie di Biella e il comizio di Elena Ferro ai Giardini Zumaglini. Il corteo sara? aperto dalla Banda G.Verdi di Biella e chiuso dalla Filarmonica Cossatese. Alle 21, al Teatro Sociale Villani, avra? luogo il concerto della Banda G. Verdi.
Inoltre come ogni anno il primo di maggio Legambiente Biella ed Alp organizzano in ricordo di Tavo Burat la Festa del Maj al Ponte della Maddalena, sul torrente Cervo. Dopo aver issato l'albero di maggio e fatto sventolare il vessillo giacobino piemontese spettera? a Francesco Pelle e Gianmaria Mello Rella il ricordo delle battaglie e dei lavori del Tavo. Francesco e Gianmaria sono stati i redattori dell'inserto grafico della rivista “Il Biellesario”, il mensile che ospitava la rubrica di Tavo “Parle? an salita”. L'inserto, che ha cambiato negli anni la propria denominazione (i primi numeri erano intitolati “ L'effrazione”, poi “ Fango”, infine “Pauta”) e? un stato laboratorio creativo per molti giovanissimi attivisti della sinistra libertaria. L’appuntamento e? dalle 12,30 in poi, con pranzo al sacco.
E.P. 

Leggi di più sull'Eco di Biella di sabato 30 aprile 2016

Seguici sui nostri canali