F.lli Piacenza cresce (+10%) e rilancia

F.lli Piacenza cresce (+10%) e rilancia
13 Luglio 2017 ore 19:40

Con un investimento di circa 4 milioni di euro, “F.lli Piacenza” cresce e rilancia su flessibilità e automazione. Il celebre lanificio che, dal 1733, a Pollone, produce tra i tessuti più pregiati del mondo, entro ottobre prossimo amplierà lo stabilimento con uno spazio di ulteriori mille metri quadrati: un segno importante della nuova stagione che il tessile made in Biella sembra finalmente vivere. «Strategicamente – spiega l’Ad, Carlo Piacenza – abbiamo deciso di investire in questa direzione perché sta facendo premio un discorso sulla flessibilità con i clienti in un contesto sempre più caratterizzato dalla velocità di risposta. Nei nuovi spazi, pertanto, avremo modo di inserire linee che tolgano i “colli di bottiglia” produttivi e facilitino l’accorciarsi della filiera, così da essere più reattivi e veloci rispetto alle richieste del cliente finale». La nuova struttura sorgerà contigua all’attuale stabilimento di Pollone. «Rappresenterà una sorta di propaggine del reparto tessitura – dice ancora Piacenza – e verrà costruita con criteri ecosostenibili, in sintonia con la filosofia che caratterizza il nostro marchio secondo la quale ambiente e estetica  rappresentano valori centrali per la stessa dimensione produttiva». Il lanificio “F.lli Piacenza”, nell’ultimo biennio, ha consolidato una crescita di oltre il 10%. «Abbiamo chiuso il 2016 a 40 milioni – aggiunge Piacenza -: abbiamo cioè recuperato i livelli del periodo pre-crisi. E il 2017 promette bene, visto che abbiamo consolidato positivamente l’inverno e stiamo già avendo buone risposte sull’estivo. In questa prospettiva, caratterizzata dal cosiddetto 4.0 che rivoluziona modelli produttivi, filiere e modalità di interazione sui mercati, constatiamo ogni giorno come la manifattura stia cambiando  e riteniamo imperativo rispondere a questo cambiamento investendo. Di più: questo investimento stimolerà anche l’occupazione, perché nell’ingrandirci e nel raddoppiare certe operazioni, avremo certamente bisogno di personale specializzato».

Giovanni Orso

Con un investimento di circa 4 milioni di euro, “F.lli Piacenza” cresce e rilancia su flessibilità e automazione. Il celebre lanificio che, dal 1733, a Pollone, produce tra i tessuti più pregiati del mondo, entro ottobre prossimo amplierà lo stabilimento con uno spazio di ulteriori mille metri quadrati: un segno importante della nuova stagione che il tessile made in Biella sembra finalmente vivere. «Strategicamente – spiega l’Ad, Carlo Piacenza – abbiamo deciso di investire in questa direzione perché sta facendo premio un discorso sulla flessibilità con i clienti in un contesto sempre più caratterizzato dalla velocità di risposta. Nei nuovi spazi, pertanto, avremo modo di inserire linee che tolgano i “colli di bottiglia” produttivi e facilitino l’accorciarsi della filiera, così da essere più reattivi e veloci rispetto alle richieste del cliente finale». La nuova struttura sorgerà contigua all’attuale stabilimento di Pollone. «Rappresenterà una sorta di propaggine del reparto tessitura – dice ancora Piacenza – e verrà costruita con criteri ecosostenibili, in sintonia con la filosofia che caratterizza il nostro marchio secondo la quale ambiente e estetica  rappresentano valori centrali per la stessa dimensione produttiva». Il lanificio “F.lli Piacenza”, nell’ultimo biennio, ha consolidato una crescita di oltre il 10%. «Abbiamo chiuso il 2016 a 40 milioni – aggiunge Piacenza -: abbiamo cioè recuperato i livelli del periodo pre-crisi. E il 2017 promette bene, visto che abbiamo consolidato positivamente l’inverno e stiamo già avendo buone risposte sull’estivo. In questa prospettiva, caratterizzata dal cosiddetto 4.0 che rivoluziona modelli produttivi, filiere e modalità di interazione sui mercati, constatiamo ogni giorno come la manifattura stia cambiando  e riteniamo imperativo rispondere a questo cambiamento investendo. Di più: questo investimento stimolerà anche l’occupazione, perché nell’ingrandirci e nel raddoppiare certe operazioni, avremo certamente bisogno di personale specializzato».

Giovanni Orso

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno