Menu
Cerca

Feste di Natale, i biellesi spendono 48 milioni in cibo

Di questi, 22 milioni di Euro in prodotti artigianali.

Feste di Natale, i biellesi spendono 48 milioni in cibo
Economia Biella Città, 25 Dicembre 2019 ore 08:00

I biellesi, per le festività natalizia 2019, spenderanno 48 milioni (di cui 22 milioni in prodotti artigianali) in food. La stima arriva da Confartigianato Piemonte che conferma i dati positivi della cosiddetta “Food Economy” che, sul territorio della regione, coinvolge 6.459 gli “artigiani del gusto” con oltre 12 mila addetti e un’offerta enogastronomica di 23 prodotti Dop, Igp e Stg e ben 342 “tradizionali”.

Sono 485 gli addetti di settore nel Biellese

Queste 6.459 le imprese artigiane che operano in Piemonte si rivelano in lieve calo rispetto allo scorso anno (- 1,7% equivalenti a 109 imprese in meno). A livello nazionale, invece, sono 87.499, con una perdita complessiva di 1.462 unità (-1,6%). Gli addetti artigiani dell’agroalimentare piemontese sono 12.366, il 32,9% del totale di tutte le realtà del settore (37.610 lavoratori). Tra i territori: 5.044 addetti artigiani si trovano a Torino, 3.336 a Cuneo 1.231 ad Alessandria, 907 ad Asti, 535 a Novara, 485 a Biella, 425 a Verbano, 403 a Vercelli.

In tavola, oltre mille milioni di euro in prodotti in Piemonte

A livello provinciale, oltre ai 48 milioni a Biella, Confartigianato stima una spesa delle famiglie di prodotti alimentari e bevande di 622 milioni di euro di acquisti a Torino (278 di prodotti artigianali), 153 milioni a Cuneo (68 artigiani), Alessandria 118 milioni (53 artigiani), Novara 97 milioni (43 artigiani), Asti 57 milioni (25 artigiani), Vercelli 46 milioni (21 artigiani), Verbano 44 milioni (20 artigiani). «Se il comparto agroalimentare non conosce crisi – afferma il presidente di Confartigianato Piemonte, Giorgio Felici-, lo dobbiamo alle oltre 6 mila imprese artigiane del settore food and drink che lavorano in Piemonte. Ma ricordiamo che i nostri cibi vanno forte anche sulla tavole di tutto il mondo. Un patrimonio economico e di tradizione culturale che va costantemente difeso e valorizzato, anche con l’acquisto dei prodotti piemontesi in prossimità delle feste natalizie».

TORNA ALLA HOME PAGE

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli