moda tie dye

Due millennials biellesi in quarantena lanciano un nuovo brand di abbigliamento

L'intraprendenza dei ventenni Mattia Vaccino (di Cossila) e Nicolò Falla (di Candelo): una linea Made in Biella fatta di soli pezzi unici

Due millennials biellesi in quarantena lanciano un nuovo brand di abbigliamento
Biella Città, 05 Maggio 2020 ore 13:43

Mattia Vaccino e Nicolò Falla sono due giovanissimi biellesi (entrambi millennial, classe 2000), aspiranti imprenditori, decisamente intraprendenti. Hanno dato vita a un nuovo brand “Made in Biella” ribattezzato MVNf Streetwear (è l’acronimo dei loro nomi) durante queste ultime settimane di emergenza coronavirusl

Durante la quarantena l’idea di una linea di abbigliamento per giovani

“Abbiamo avuto l’idea di far nascere questo brand contro qualsiasi pensiero ed idea generale, durante questa quarantena – racconta Nicolò Falla Trella, di Candelo – Volevamo dare un segno, una scossa a noi stessi e, magari, ad altri ragazzi in difficoltà: dove tutti hanno deciso di chiudere, o meglio, rischiano di essere obbligati a chiudere definitivamente, noi abbiamo deciso di aprire, di rischiare e di tornare a sognare”. Il suo socio, Mattia Vaccino, coetaneo, vive a Cossila San Grato.

Nicolò Falla Trella si era già distinto nei mesi scorsi per essere l’allenatore Uefa più giovane d’Italia. Diplomato presso la scuola di formazione A.C. Milan come tecnico Academy, è  istruttore di calcio Coni dal 2017 e  tattico-analista per club professionistici europei dal 2018.

“Il brand è nato dalla nostra passione per l’abbigliamento – raccontano – e ha come punto di riferimento la tecnica non eccessivamente comune, denominata “Tie Dye”. Abbiamo quindi aperto un  ecommerce, ed iniziato la produzione, attualmente a rilento causa chiusure fornitori, delle nostre grafiche. Abbiamo fondato anche una community di ambasciatori del brand (Brand Ambassador), i quali porteranno la firma su tutto il territorio nazionale.  Attualmente, in poco più di un mese, siamo arrivati a contare ragazzi e ragazze in tutte le regioni del sud e centro Italia, comprese le isole; stessa cosa vale per il Nord, eccezione fatta per la Toscana,  terra ancora inesplorata”.

Il Tie Dye, moda di derivazione hippie nata negli anni ’70/80

“Il Tie Dye  aggiunge Nicolò – era una moda comune negli anni 70-80, soprattutto vestita da “Hippie” e famosi “Figli dei Fiori”, poiché gli articoli presentavano colori sgargianti, composizioni varie e sempre uniche. Inostri articoli saranno prodotti in maniera totalmente unica, come la tecnica insegna; nessun capo di abbigliamento sarà mai uguale a un altro”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità