Cartiera, chiesta cassa in deroga

01 Febbraio 2009 ore 19:42
Cartiera di Crevacuore
Chiesta cassa in deroga

Accordo in Regione fra azienda e parti sociali

(20 gen) Per attenuare l’impatto sociale dopo la decisione di cessare l’attività produttiva la Cartiera Ermolli di Crevacuore presenterà al Ministero del Lavoro la richiesta di cassa integrazione in deroga dal 14 aprile 2009 al 31 dicembre 2009 per tutti i lavoratori in forza. L’annuncio è avvenuto stamane dopo l’incontro delle parti in Regione.  

Cartiera di Crevacuore
chiesa cassa in deroga

Accordo stamane a Torino fra le parti sociali e Regione

BIELLA. Per attenuare l’impatto sociale dopo la decisione di cessare l’attività produttiva la Cartiera Ermolli di Crevacuore presenterà al Ministero del Lavoro la richiesta di cassa integrazione in deroga dal 14 aprile 2009 al 31 dicembre 2009 per tutti i lavoratori in forza. L’annuncio è avvenuto stamane dopo l’incontro delle parti in Regione.  Hanno partecipato gli assessori al Lavoro e all’Industria della Regione Piemonte, Teresa Angela Migliasso e Andrea Bairati, il presidente della Provincia di Biella, Sergio Scaramal, il sindaco di Crevacuore, Gian Luigi Pavero, il consigliere regionale Wilmer Ronzani, l’azienda – assistita dall’Unione Industriale di Biella -,  le organizzazioni sindacali e le Rsu aziendali.
La richiesta che sarà presentata al Ministero del Lavoro riguiarda i 108 lavoratori e verrà sostenuta dalla Regione. Gli assessori Bairati e Migliasso hanno assicurato l’impegno  a sostegno della richiesta di cassa integrazione in deroga presso il Ministero del Lavoro e hanno ribadito che proseguirà l’azione – già in atto – di ricerca di possibili acquirenti, anche sul mercato internazionale.

20 gennaio 2009

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità