Biella e Prato verso il Contratto di Rete

Biella e Prato verso il Contratto di Rete
Economia 04 Giugno 2012 ore 12:29

E' in via di definizione il Contratto di Rete fra le società di servizi di Unione Industriale Biellese e Unione Industriale Pratese voluto dalle due associazioni confindustriali per mettere a fattore comune le rispettive competenze e fornire servizi ancora migliori alle imprese. Il Contratto di Rete si concentrerà su due aspetti: il servizio di elaborazione paghe e gestione del personale, che dispone di un sistema informatico in grado di gestire al meglio gli adempimenti e reperire in tempo reale i documenti necessari, e i servizi assicurativi attraverso il Fondo InPiù, fondo creato da Uib per gli imprenditori, i loro dipendenti e i loro familiari che propone soluzioni personalizzate e garantisce copertura a vita.

«Realtà manifatturiere simili come quelle dei Distretti tessili di Biella e Prato hanno esigenze simili che possono essere soddisfatte con una soluzione comune – afferma Marilena Bolli, Presidente dell'Unione Industriale Biellese -. E' partendo da questa riflessione che, insieme a Confindustria Prato, abbiamo avviato un percorso che porterà a condividere alcuni strumenti realizzati dalle due società di servizi, in modo che possano essere messi a disposizione delle imprese dei due territori. Si tratta anche di un segnale concreto che testimonia quanto crediamo nella forza dell'aggregazione: ad oggi sono 300 i Contratti di Rete siglati in Italia e auspichiamo che un numero crescente di imprese, soprattutto se di dimensioni ridotte, scelgano questo strumento per aumentare la loro “massa critica” e rafforzarsi rispetto ai competitor di dimensioni maggiori» .

«L’attivazione di sinergie è un obiettivo che vogliamo promuovere fra le imprese dando il buon esempio già noi come associazioni - aggiunge Andrea Cavicchi, Presidente dell'Unione Industriale Pratese - Nel caso nostro e di Biella lavorare assieme è anche particolarmente agevole sia per le indubbie affinità fra i due sistemi produttivi sia per la complementarietà delle esperienze che le associazioni hanno maturato negli anni. Sarà così possibile integrare servizi di eccellenza come il nostro sulla gestione del personale con le competenze espresse da Biella nel campo delle assicurazioni: a tutto vantaggio del livello delle prestazioni e dell’ottimizzazione dei costi».

Il Contratto di Rete è già stato definito nei contenuti e seguirà il normale iter procedurale per essere formalizzato entro l'estate.