a biella

Via Casapound, ecco i tatuaggi

Nuova attività al posto della sede del movimento che tanto ha fatto discutere

Via Casapound, ecco i tatuaggi
Biella Città, 29 Giugno 2020 ore 17:00

Via Casapound, ecco i tatuaggi.

Aperta nuova attività in centro

Si chiama Marco Fuoco, ha 28 anni, ed è un grande appassionato di tatuaggi, tanto da averne moltissimi disegnati su buona parte del corpo. Da qualche settimana ha spostato la sua attività da Chiavazza a Biella, in via De Marchi, negli stessi spazi dove, fino a qualche mese fa e per circa un anno, vi è stata la sede biellese di Casapound. Una presenza, quella del movimento politico di estrema destra, che aveva acceso le polemiche con tanto di manifestazione, organizzata dal gruppo Biella Antifa, nel settembre del 2018. La tensione aveva raggiunto l’apice con le minacce scritte sulla saracinesca del locale e la presenza, nella zona, di polizia e carabinieri. Da alcuni mesi, però, le serrande erano abbassate e gli spazi non più utilizzati.

La passione

Terminato il lockdown, i locali, dopo un veloce restyling, sono stati presi in affitto da Marco, che ha già cominciato a lavorare, sempre su appuntamento, dal lunedì al sabato dalle 13 alle 19. Ovviamente con tutte le precauzioni sanitarie del caso per il Covid-19: «Anche se in realtà, noi tatuatori usavamo già diversi accorgimenti come igienizzanti o barriere. Ora misuriamo anche la febbre all’entrata». Marco ha cominciato all’età di 17 anni: «In quel periodo avevo altre ambizioni, poi ho scoperto quest’arte grazie ad un amico. Fino all’apertura del mio studio nel 2016». I tatuaggi continuano ad essere molto richiesti, soprattutto dalle donne. E c’è chi chiede di coprire spesso vecchi tatuaggi con alcuni più recenti: «Ora tutto è influenzato dai social e dai vip – afferma – in più noto che la fascia d’età che li preferisce non sono i giovanissimi ma chi ha dai 25 ai 35 anni». Non mancano le sorprese: «Mi è capitato di tatuare una signora di 77 anni».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno