Valdilana, scintille tra Pd e Maggia

Il segretario locale del Pd Lorenzo Mirabile chiede le dimissioni di, Giuseppe Maggia e Pamela Sinigaglia.

Valdilana, scintille tra Pd e Maggia
Valli Mosso e Sessera, 26 Agosto 2019 ore 16:08

Valdilana, scintille tra Pd e Maggia. Il segretario locale del Pd Lorenzo Mirabile chiede le dimissioni dei due rappresentanti all’assemblea provinciale del partito, Giuseppe Maggia e Pamela Sinigaglia.

Valdilana, scintille tra Pd e Maggia

Il segretario locale del Pd Lorenzo Mirabile (nella foto) chiede le dimissioni dei due rappresentanti all’assemblea provinciale del partito, Giuseppe Maggia e Pamela Sinigaglia, rispettivamente papà e fidanzata di Alessio Maggia (candidato sindaco alle ultime elezioni comunali per la lista “Cambiamento per Valdilana”, ndr). Mentre, amareggiato, Giuseppe Maggia preferisce non commentare, il figlio Alessio, a difesa del papà, non le manda a dire: «Sono rimasto stupito nel leggere quanto il segretario locale Dem ha inviato ai giornali – interviene – se solo Mirabile si fosse scomodato a contattare personalmente mio padre e Pamela avrebbe scoperto che nessuno dei due è intenzionato a rinnovare la tessera».

Malumori

I primi malumori, all’interno della sezione Valdilana del Pd, sono nati ormai più di un anno fa, quando Alessio Maggia – allora consigliere comunale di maggioranza a Trivero – ha iniziato a “disertare” le sedute di consiglio comunale.
Poi la decisione di non rinnovare la tessera di partito e la scelta di creare una lista in opposizione a quella di Carli e dei sindaci uscenti dei Comuni fusi in Valdilana. Da “compagno” di partito, in poco più di un anno, Alessio Maggia è diventato per l’area di centro sinistra un avversario temibile, anche alla luce dei sondaggi della scorsa primavera, che davano il centro destra in crescita non solo a livello nazionale, ma europeo.

Leggi l’articolo completo su “Eco di Biella in edicola oggi,  lunedì 26 agosto

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità