Cronaca
Il caso

Vaccino nel braccio in silicone, l’avvocato Savio: “Gesto goffo e ridicolo. Non configurabile nel tentativo di truffa”

Il "tentativo "si verifica quando si pongono in essere atti idonei diretti in modo non equivoco a commettere un reato.

Vaccino nel braccio in silicone, l’avvocato Savio: “Gesto goffo e ridicolo. Non configurabile nel tentativo di truffa”
Cronaca Biella Città, 06 Dicembre 2021 ore 17:17

L’avvocato biellese in pensione Umberto Savio interviene sul caso biellese che ha interessato il mondo intero: il medico odontoiatra che ha tentato di farsi vaccinare un braccio in gomma per ottenere il green pass.

Braccio in silicone, l’avvocato: “Non è truffa”

“Penso al caso del "corpetto di silicone" - afferma Savio -  ed alla Procura di Biella che ipotizza il tentativo di truffa ai danni dello Stato. Personalmente ritengo che nel caso in esame non si possa parlare neppure di "tentativo" . Il "tentativo "si verifica quando si pongono in essere atti idonei diretti in modo non equivoco a commettere un reato. Ma nel caso in esame l'atto in sé era talmente goffo e ridicolo che non si può in nessun modo considerare "idoneo". Si può dire che il personaggio in questione ha agito da incosciente ma non che sia un truffatore”.

Chi è il medico odontoiatra

Protagonista della vicenda che in un paio di giorni ha letteralmente fatto il giro del mondo, interessando le reti nazionali più importanti del pianeta, è Guido Russo un odontoiatra che risiede nel Biellese e svolge la propria attività a Biella. Era stato sospeso dell'Ordine dei Medici proprio per la sua contrarietà alla misura del Green Pass per il contrasto alla pandemia in corso. Ma dato, quanto è avvenuto l'altro giorno all'hub di Biella, è chiaro che Guido Russo è contrario anche al vaccino anti Covid-19.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter