solidarietà

Una mascherina per dire “no” alla violenza sulle donne

Ecco come acquistare le mascherine che sosterranno l’associazione di volontariato “Non Sei Sola” di Biella.

Una mascherina per dire “no” alla violenza sulle donne
29 Settembre 2020 ore 18:26

Una mascherina per dire “no” alla violenza sulle donne. Ecco come acquistare le mascherine che sosterranno l’associazione di volontariato “Non Sei Sola” di Biella.

Una mascherina per dire “no” alla violenza

Si chiama “SINERGIE: una mascherina per dar voce alle donne imbavagliate” il nuovo progetto nato da Zaira Beretta, direttore marketing di Yanga (azienda leader del settore medicale dal 1974 sita in Crevacuore) e direttore artistico dello spazio espositivo Zaion a Biella, l’idea di unire tre mondi del territorio biellese, utilizzando come collante il lavoro dell’artista argentina di fama internazionale Silvia Levenson, per sostenere l’associazione di volontariato “Non Sei Sola” di Biella.

“Non Sei Sola” nasce nel 2010 seguendo i principi di autodeterminazione delle donne, della libertà e della inviolabilità del corpo femminile. Ha collaborato fin dalla sua nascita alla gestione del Centro Antiviolenza di Biella lavorando insieme ad Enti, Istituzioni ed altre Associazioni alla costruzione sul territorio della Rete Antiviolenza, finalizzata a far intraprendere un percorso di “liberazione” a donne sole e con figli.

“Non Sei Sola” inoltre si occupa di creare iniziative di sensibilizzazione, informazione e formazione sul tema della violenza sulle le donne, consapevole che occorra favorire un cambiamento culturale al fine di delegittimare modalità di abuso nelle relazioni familiari.

La Levenson nei suoi lavori esplora lo spazio sottile situato fra ciò che si vede e ciò che si intuisce e usa il vetro come lente di ingrandimento per osservare da vicino i conflitti nelle famiglie e nella società.

Attraverso le sue sculture e installazioni indaga sui conflitti nelle zone di confine che siano le mura domestiche o le frontiere. I suoi lavori, dall’apparenza sublime e accattivante, celano una forte denuncia contro gli abusi e le violenze che si vivono all’interno delle abitazioni. Troppo spesso il luogo che dovrebbe proteggere diventa una terribile prigione.

Il lockdown per contenere i contagi da Covid-19 ha costretto a convivenza forzata i nuclei familiari, favorendo ed aggravando situazioni di violenza domestica. Paradossalmente all’inizio di questo periodo le segnalazioni ai Centri Antiviolenza e le denunce sono calate mediamente del 50% per poi riprendere dopo alcune settimane e tornare alla normalità.

Per questo motivo, l’associazione “Non Sei Sola” durante tutto il periodo di lockdown ha rafforzato la comunicazione sui social e, in collaborazione con il Centro Antiviolenza di Biella ha allungato i tempi e i giorni di accoglienza telefonica, per rendere alle donne più semplice l’invio di una richiesta di supporto e d’aiuto.

Yanga dopo aver convertito una parte di produzione alla realizzazione di mascherine protettive a seguito del Covid-19 ha condiviso con Silvia l’idea di rendere questo prodotto, divenuto icona del nostro tempo, utile anche ad un’altra nobile causa. Il soggetto scelto dalla Levenson per le serigrafie è la bomba a mano (iconica per l’artista), accattivante nel colore ma letale nella sostanza.
La bomba, da maneggiare con cura, a testimonianza del delicato equilibrio dei rapporti all’interno della famiglia.Moltissimi lavori della Levenson mettono in discussione il maschilismo e la violenza contro le donne e i bambini.Quale artista meglio di lei avrebbe potuto dar voce a questo progetto?Le mascherine Yanga, serigrafate in tirature limitate 1/100 da Silvia Levenson,
vengono vendute a 25,00 euro e il ricavato andrà interamente devoluto all’associazione
“Non Sei Sola” che convertirà le donazioni in aiuti concreti.

La mascherina, un oggetto diventato di uso comune, rimarrà come simbolo per i sostenitori dell’iniziativa a testimonianza di un momento unico ed inimmaginabile della nostra storia.

 

Per sostenere l’Associazione e ricevere la mascherina è sufficiente fare due semplici passaggi:

 

1 – Effettuare un bonifico di 25,00 euro intestato a:  ASSOCIAZIONE “NON SEI SOLA”

 

IBAN: IT 31 Q 02008 22300 000103444975

 

Casuale: DONAZIONE PROGETTO SINERGIE

 

2 – Mandare la contabile del pagamento all’indirizzo mail: nonseisola@gmail.com
con il proprio nome, cognome e indirizzo postale per la consegna della mascherina che verrà recapitata mezzo posta ordinaria.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità